FINAL REPORT (GB) (6)

Logo LIFE

LIFE Project Number

LIFE10 NAT/IT/000247

FINAL Report

Covering the project activities from 01/09/2011 to 31/12/2014

Reporting Date

31/03/2015

LIFE+ PROJECT NAME or Acronym

La Valle del Marangone, un territorio da difendere e da vivere: conservazione dell’avifauna nell’area nord-ovest della ZPS IT6030005

VAL.MA.CO.

Project Data

Project location

ZPS IT6030005 Comprensorio Tolfetano-Certite-Manziate

Project start date:

01/09/2011

Project end date:

30/06/2014 Extension date: 31/12/2014

Total Project duration
(in months)

40 months ( including Extension of 6 months)

Total budget

€ 1.144.750,00

Total eligible budget

€ 1.144.750,00

EU contribution:

€ 560.699,00

(%) of total costs

48,98%

(%) of eligible costs

48,98%

Beneficiary Data

Name Beneficiary

Associazione Agraria di Civitavecchia (AAC)

Contact person

Mr Roberto Passerini

Postal address

Viale Guido Baccelli 35, 00053 Civitavecchia (Roma)

Visit address

Viale Guido Baccelli 35, 00053 Civitavecchia (Roma)

Telephone

direct n° 0766-26629 – mobile phone n° 338-6499914

Fax:

direct n° 0766-26629

E-mail

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Project Website

http://www.lifeagraria.it/ - http://www.lifeagraria.eu/

 

 

1. List of contents

1. List of contents. 2

2.Executive Summary (versione italiana) 3

2.1.Obiettivi del progetto. 3

2.2.Paragrafo riassuntivo per ciascun capitolo del Report 5

2.3. Executive summary (english version) 5

3. Introduction. 6

4. Administrative part 64.1. Description of the management system.. 65. Technical part 105.1. Technical progress, per task. 105.2. Dissemination actions. 315.2.2 Dissemination: overview per activity. 325.3. Evaluation of Project Implementation. 505.4. Analysis of long-term benefits. 556. Comments on the financial report 566.1. Summary of Costs Incurred. 566.2. Accounting system.. 576.3. Partnership arrangements (if relevant) 576.4. Auditor’s report/declaration. 576.5. Summary of costs per action. 577. Annexes. 607.1. Administrative annexes. 607.2. Technical annexes. 617.3. Dissemination annexes. 62

7.3.1 Layman's report 62

7.3.2 After-LIFE Communication plan. 62

7.3.3 Other dissemination annexes. 63

7.4. Final table of indicators. 648. Financial report and annexes. 658.1. Supporting documents, and further information or clarifications, requested in previous letters from the Commission. 659. Elenco degli elaborati consegnati come allegati ai Report precedenti 70

 

 

2. Executive Summary (versione italiana)

Di seguito si riportano i principali obiettivi del progetto, l’elenco dei deliverable e degli output, nonché un paragrafo che sintetizza ciascun capitolo del presente report.

2.1.  Obiettivi del progetto

Questo rapporto riguarda le attività svolte per il progetto LIFE+ VALMACO, dal 1 settembre 2011 al 31/12/2014.

Il progetto LIFE+ VAL.MA.CO. ha lo scopo di mantenere e tutelare la funzionalità ecologica dell’area della Valle del Marangone, posta ai margini della ZPS “Comprensorio Tolfetano-Certite-Manziate”. Quest’area è localizzata ai margini dell’area urbana di Civitavecchia, poco distante dagli insediamenti turistici di Santa Marinella, ed è pertanto soggetta ai fenomeni di degrado tipici delle aree periurbane; in particolare, la criticità maggiore era rappresentata da una gestione delle attività agro-silvo-pastorali non compatibile con la tutela degli habitat e delle specie di interesse comunitario.

Il progetto si è posto come obiettivo principale quello di salvaguardare gli habitat e le specie di interesse comunitario presenti nella Valle del Marangone, con particolare riferimento alle seguenti specie di uccelli: Falco pecchiaiolo (Pernis apivorus), Nibbio bruno (Milvus migrans), Nibbio reale (Milvus milvus), Biancone (Circaetus gallicus), Occhione (Burhinus oedicneumus), Succiacapre (Caprimulgus europaeus), Martin pescatore (Alcedo atthis), Ghiandaia marina (Coracias garrulus), Calandra (Melanocorypha calandra), Calandrella (Calandrella brachydactila), Tottavilla (Lullula arborea), Calandro (Anthus campestris), Averla piccola (Lanius collurio), Averla cenerina (Lanius minor).

Gli interventi previsti dal progetto hanno riguardato quindi anche il recupero degli habitat di specie, inizialmente molto degradati, quali le aree a pascolo, con lo scopo di favorire la ricostituzione dell’habitat “Percorsi substeppici di graminacee e piante annue dei Thero-Brachypodietea” (habitat 6220*), e di conseguenza migliorare la disponibilità di risorse trofiche per gli uccelli rapaci che frequentano il sito.

Gli altri interventi previsti dal progetto sono stati mirati ad attivare una gestione sostenibile del territorio e garantirne la prosecuzione anche dopo il termine del progetto, sia per quanto riguarda le attività produttive che quelle di fruizione naturalistica, andando a rimuovere i fattori di degrado in atto e promuovendo una fruizione consapevole.

Key deliverables and output

Le tabelle successive riportano l’elenco di deliverable e milestones previsti dal form C2 del progetto, con l’indicazione delle date di conclusione/consegna (in verde sono indicati i prodotti conclusi nell’ultimo anno, che si allegano al presente report).

DELIVERABLE PRODUCTS OF THE PROJECT

Deliverable

Azione

Data prevista di conclusione

Data effettiva di conclusione

Consegna della versione definitiva

Relazione e cartografie sui risultati delle indagini su habitat e specie

A2

30/06/2012

30/06/2012

Integrazione al progress report – luglio 2013 *

Piano di gestione agro-silvo-pastorale

A3

30/09/2012

30/09/2012

Integrazione al progress report – luglio 2013 *

Progetto del sistema di pannellistica e segnaletica

A4

31/03/2012

14/03/2013

Midterm Report – gennaio 2014

Progetti Definitivi degli interventi

A5

31/12/2012

30/06/2012 (approvazione 14/03/2013)

Progress Report – gennaio 2013

Progetti Esecutivi degli interventi

A5

31/03/2013

14/03/2013

Midterm Report – gennaio 2014

Depliant informativo

D2

30/06/2012

30/06/2012

Inception Report – maggio 2012

Protocollo di gestione sostenibile delle attività agro-silvo-pastorali

D3

31/12/2013

30/06/2014

Final Report

Pannelli su lavori

D9

31/12/2013

31/12/2013

Midterm Report – gennaio 2014

Layman’s Report

D7

31/12/2014

31/12/2014

Final Report

Piano After LIFE

D8

31/12/2014

31/12/2014

Final Report

CD ROM informativo sul progetto

D11

31/12/2014

31/12/2014

Final Report

Quaderno didattico per programma di sensibilizzazione

D12

31/03/2014

31/12/2013

Midterm Report – gennaio 2014

DVD su attività di sensibilizzazione

D12

31/03/2014

31/12/2014

Final Report

Risultati del monitoraggio scientifico degli interventi

E3

31/12/2014

31/12/2014

Final Report

 

* NOTA: La dicitura “Integrazione al progress report” indica il documento “Chiarimenti richiesti in base alla valutazione del Primo Rapporto sullo stato di Avanzamento al 31.12.2012”, consegnato a luglio 2013 in ottemperanza a quanto richiesto dalla UE con lettera del 26/04/2013 (prot. Env.e3 co/lm/bp/ares(2013)920105).

MILESTONES OF THE PROJECT

Milestone

Azione

Data prevista di conclusione

Data effettiva di conclusione

Organizzazione struttura di coordinamento

A1

31/12/2011

31/12/2011

Conclusione delle attività di indagine

A2

30/06/2012

30/06/2012

Conclusione delle attività di pianificazione

A3

30/09/2012

30/09/2012

Conclusione delle progettazioni

A3, A4,A5

31/12/2012

14/03/2013

Conclusione Direzione lavori e Coord. Della sicurezza

A6

31/03/2014

16/12/2014

Attivazione del Forum

A7

31/03/2014

31/12/2014

Conclusione interventi infrastrutturali

C1, C4, C5, C6, D4, D5, D6

31/12/2013

16/12/2014

Conclusione degli interventi sugli habitat e gli uliveti

C2,C3

30/09/2014

30/11/2014

Organizzazione eventi pubblici informativi

D1

31/12/2014

13/12/2014

Realizzazione e distribuzione depliant informativo

D2

30/06/2012

30/06/2012

Protocollo di gestione sostenibile delle attività agro-silvo-pastorali

D3

30/06/2014

30/06/2014

Attivazione del Sito WEB

D10

30/06/2012

30/06/2012

Produzione CD ROM

D11

31/03/2014

31/12/2014

Conclusione Programma di sensibilizzazione

D12

31/03/2014

30/11/2014

Svolgimento convegno per la diffusione dei risultati

D13

30/09/2014

20/12/2014

Organizzazione coordinamento tecnico-scientifico

E1

31/12/2014

31/12/2014

Gestione amministrativa del progetto

E2

31/12/2014

31/12/2014

Monitoraggio scientifico interventi

E3

31/12/2014

31/12/2014

Monitoraggio del progetto

E4

31/12/2014

31/12/2014

Audit finanziario indipendente

E5

31/12/2014

31/12/2014

Networking con altri progetti

E6

31/12/2014

31/12/2014

 

2. 2.  Paragrafo riassuntivo per ciascun capitolo del Report

I paragrafi successivi affrontano le seguenti tematiche:

Cap. 3: breve introduzione relativa ai principali obiettivi del progetto ed ai risultati conseguiti;

Cap. 4: descrizione del sistema di gestione, comprensivo dell’organigramma, di una descrizione funzionale del gruppo di lavoro e di una breve valutazione sull’efficacia del sistema adottato;

Cap. 5: capitolo tecnico dedicato interamente alla descrizione dettagliata di ciascuna azione di progetto. Per ogni azione sono illustrate le attività realizzate, i risultati conseguiti, le problematiche incontrate, le attività che si intende condurre in futuro, nell’ambito di quanto previsto dal Piano After-LIFE;

Cap. 6: capitolo che illustra in modo dettagliato la parte economica del progetto, con informazioni sugli importi consolidati e sugli importi dettagliati per ciascuna azione;

Cap. 7: Elenco degli allegati, suddivisi per allegati amministrativi, tecnici e relativi alla disseminazione;

Cap. 8: il capitolo riporta l’elenco degli allegati finanziari. In questo capitolo sono riportate anche tutte le risposte alla lettera ricevuta dalla UE in data 15/04/2014 (prot n. ENV.E3 IC/LM/ARES(2014) 1186818).

Cap. 9: rispetto al format originario è stato aggiunto questo capitolo, nel quale si elencano tutti gli allegati consegnati alla UE nel corso del progetto.

2.3.      Executive summary (english version)

This report covers the activities of the LIFE+ project “VAL.MA.CO.”, from 1 September 2011 to 31/12/2014.

The LIFE+ project “VAL.MA.CO.” aims to maintain and protect the ecological function of the area of Marangone Valley, falling in the Special Protection Area (SPA) IT6030005 “Comprensorio Tolfetano-Cerite-Manziate”. This area is located at the edge of the urban area of Civitavecchia, not far from the tourist resorts of Santa Marinella, and is therefore subject to degradation phenomena typical of urban areas; in particular, the most critical was represented by the past management of agro-forestry-pastoral, that was not compatible with the protection of habitats and species of Community interest.

The main objective of the project is the protection of habitats and species of Community interest in the Valley of the Cormorant, with particular reference to the following species of birds: Honey Buzzard (Pernis apivorus), Black Kite (Milvus migrans), Red Kite (Milvus milvus), Short-toed Eagle (Circaetus gallicus), Stone Curlew (Burhinus oedicneumus), Nightjar (Caprimulgus europaeus) , Kingfisher (Alcedo atthis), European Roller (Coracias garrulous), Calandra Lark (Melanocorypha calandra), Short-toed Lark (Calandrella brachydactyla), Woodlark (Lullula arborea), Tawny Pipit (Anthus campestris), Red-backed Shrike (Lanius collurio), Grey Shrike (Lanius minor).

Interventions covered under the project therefore focused on recovering of habitats of species, initially not in a favorable condition, such as pasture areas, with the aim of improve conservation status of Natura 2000 habitat " Pseudo-steppe with grasses and annuals of the Thero-Brachypodietea" (habitat 6220*), and consequently improve the availability of trophic resources for birds of prey that frequent the site.

The other elements of the project were aimed at developing a sustainable land management and ensure its continuation after the end of the project, both in terms of the production activities and touristic ones, remove factors of ongoing deterioration and promoting a conscious fruition of the Marangone Valley.

 

3.    Introduction

Il progetto LIFE+ VAL.MA.CO. si prefigge lo scopo di mantenere e tutelare la funzionalità ecologica dell’area della Valle del Marangone, una piccola porzione della ZPS “Comprensorio Tolfetano-Certite-Manziate”, ai margini dell’area urbana di Civitavecchia.

L’obiettivo principale del progetto consiste nella salvaguardia degli habitat e specie di interesse comunitario presenti nella Valle del Marangone, con particolare riferimento per le seguenti specie di uccelli: Falco pecchiaiolo (Pernis apivorus), Nibbio bruno (Milvus migrans), Nibbio reale (Milvus milvus), Biancone (Circaetus gallicus), Occhione (Burhinus oedicneumus), Succiacapre (Caprimulgus europaeus), Martin pescatore (Alcedo atthis), Ghiandaia marina (Coracias garrulus), Calandra (Melanocorypha calandra), Calandrella (Calandrella brachydactila), Tottavilla (Lullula arborea), Calandro (Anthus campestris), Averla piccola (Lanius collurio), Averla cenerina (Lanius minor).

Per quanto riguarda gli habitat, gli interventi previsti sono volti al recupero delle aree a pascolo degradate, con lo scopo di favorire la ricostituzione dell’habitat “Percorsi substeppici di graminacee e piante annue dei Thero-Brachypodietea” (habitat 6220*), e di conseguenza a migliorare la disponibilità di risorse trofiche per gli uccelli rapaci che frequentano il sito.

L’area è localizzata ai margini dell’abitato di Civitavecchia, poco distante dagli insediamenti turistici di Santa Marinella: le condizioni di generale degrado riscontrate all’inizio del progetto erano dovute alla stretta vicinanza con gli insediamenti urbani e ad una gestione delle attività agro-silvo-pastorale non compatibile con la tutela degli habitat e delle specie di interesse comunitario. Il progetto ha permesso di regolamentare e riqualificare l’area, rendendo possibile una gestione sostenibile delle attività produttive (allevamento ed ulivicoltura) e permettendo l’accessibilità in sicurezza alle aree di progetto. L’area è stata inoltre attrezzata con pannelli informativi, per incentivare una fruizione consapevole da parte del pubblico.

 

4.    Administrative part

4.1.   Description of the management system

Le attività e la ripartizione dei lavori tra i vari partner si sono svolte seguendo quanto stabilito nel Partnership Agreement.

Il beneficiario coordinatore è l’Associazione Agraria di Civitavecchia; i beneficiari associati sono Temi Srl e Gesam Sas. I Partnership Agreement sono stati firmati in data 05/10/2011 con l’aggiunta di una Addendum sollecitato dalla Commissione Europea in data 10/09/2012. I documento sono stati consegnati alla Commissione Europea con il Progress Report (gennaio 2013).

Il coordinamento e la gestione del progetto vengono realizzati attraverso le seguenti azioni:

  • ­   collaborazione attiva tra il beneficiario ed i partner nella stesura dei contratti/addendum e nell’attivazione/prosecuzione delle azioni;
  • ­   coordinamento dell'attività tra il soggetto beneficiario ed i partner di progetto, curando i reciproci rapporti al fine di dare celerità all'attuazione delle azioni, nel rispetto del piano di lavoro predefinito;
  • ­   partecipazione alle riunioni organizzate nell’ambito del progetto;
  • ­   coordinamento delle attività dei professionisti esterni coinvolti;
  • ­   assistenza del gruppo esterno di monitoraggio nelle visite di monitoraggio (settembre 2012, ottobre 2013, settembre 2014);
  • ­   collaborazione alla stesura dei documenti sullo stato d’avanzamento delle attività (Inception Report, Progress Report, Midterm Report, Final Report).

Non sono occorse variazioni nella struttura di gestione del progetto.

Si riporta di seguito l’organigramma della struttura del project team e della struttura di gestione del progetto:

de

 

 

sf

Il gruppo di lavoro dell’Associazione Agraria di Civitavecchia per lo svolgimento del progetto è costituito da:

Responsabile tecnico del Progetto e rappresentante dell’AAC nella struttura di Coordinamento:

Ass. Roberto Passerini.

Dott. Maurizio La Rosa, segreteria tecnica

Sig. Fabrizio Maroncelli, segreteria tecnica

Sig. Carlo Vincenzi, operaio

Sig. Mauro Gianmarco, operaio

Sig. Enrico Corinci, operaio

 

Si specifica che i costi legati al coinvolgimento di personale amministrativo dell’AAC non sono stati imputati al progetto.

Il gruppo di lavoro della società TEMI S.r.l. per lo svolgimento del progetto è costituito da:

Responsabile tecnico del Progetto e rappresentante della TEMI S.r.l. nella struttura di Coordinamento: Ing. Alessandro Bardi (Coordinatore senior – Responsabile tecnico scientifico, per Temi Srl).

Revisore contabile per TEMI Srl (coordinatore senior per gli aspetti contabili): Dott. Marco Nuccorini.

Gruppo di gestione tecnico scientifica:

Ing. Massimo Iacobini (tecnico senior – progettista);

Dott.ssa Raffaella Sanna (coordinatore tecnico-operativo, previsto dall’Azione E1, e supporto tecnico-scientifico);

Dott. Matteo Magaudda (figura professionale tecnico scientifica, da settembre 2011 a gennaio 2012);

Dott.ssa Fabiana Panchetti (figura professionale tecnico scientifica, da ottobre 2011 ad aprile 2013);

Dott.ssa Anna Tigano (figura professionale tecnico scientifica in assistenza esterna);

Dott.ssa Giulia Benassi (figura professionale tecnico scientifica in assistenza esterna);

Dott. Luca Luiselli (figura professionale tecnico scientifica in assistenza esterna).

Personale tecnico di supporto del progetto:

Rag. Simonetta Baroni (figura tecnica di segreteria a supporto del responsabile del progetto e del coordinatore tecnico-operativo, previsto dall’Azione E1, da novembre 2011 a giugno 2012);

Sig.ra Giuliana Vozzolo (figura tecnica di segreteria a supporto del responsabile del progetto e del coordinatore tecnico-operativo, previsto dall’Azione E1, da luglio 2012 a dicembre 2014).

 

Il gruppo di lavoro della società GE.S.AM S.a.s. per lo svolgimento del progetto è costituito da:

Rappresentante Legale della GE.S.AM S.a.s.: Dott. Tullio Meneghetti

Responsabile tecnico e coordinamento del progetto: Dott.ssa For. Grazia Bellucci

 

Dall’inizio del progetto ad oggi, sono stati redatti i seguenti report:

Inception Report, relativo al periodo dal 01/09/2011 al 31/05/2012;
­Progress Report, relativo al periodo dal 01/06/2012 al 31/12/2012;
Documento “Chiarimenti richiesti in base alla valutazione del Primo Rapporto sullo stato di Avanzamento al 31.12.2012”, redatto in risposta alla Richiesta di chiarimenti presentata    dalla UE con lettera del 26/04/2013 (prot. ENV.E3 CO/LM/bp/ARES(2013)920105).
­Midterm Report, relativo al periodo dall’inizio del progetto al 31/12/2013;
­il presente Final Report, relativo a tutto il progetto, dal 01/09/2011 al 31/12/2014.

 

4.2 Evaluation of the management system

Circa il processo di gestione del progetto non si segnalano particolari criticità. La stesura del protocollo di partenariato e la piena collaborazione tra le parti ha permesso di affrontare congiuntamente i problemi incontrati e risolverli entro le tempistiche stabilite, giungendo alla conclusione delle attività entro i termini fissati dal progetto.

La procedura di contatti con la Commissione Europea da parte del beneficiario si è avvalsa della procedura della redazione dei rapporti mensili spediti al gruppo di monitoraggio e dei rapporti ufficiali spediti alla UE, così come stabilito dalle linee guida del progetto LIFE.

 

5.    Technical part

5.1.  Technical progress, per task

Si riporta di seguito il diagramma di Gantt relativo allo svolgimento dell’intero progetto.

g

 

Azione A.1       Organizzazione e formalizzazione della struttura di coordinamento del progetto

Data prevista di inizio:

01/09/2011

Data effettiva di inizio:

01/09/2011

Data prevista di conclusione:

31/12/2011

Data effettiva di conclusione:

31/12/2011

Beneficiario responsabile

AAC

Stato di avanzamento:

Concluso

 

 

 

Attività realizzate

La struttura di coordinamento generale del progetto è stata individuata negli accordi di partenariato del beneficiario con i singoli partner, ed è costituita da un rappresentante del beneficiario, l’AAC, e da un rappresentante per ciascun partner.

Come indicato in precedenza, la struttura di coordinamento è composta da:

  • Ass. Roberto Passerini, rappresentante dell’AAC;
  • Ing. Alessandro Bardi, rappresentante legale della TEMI s.r.l.;
  • Dott.ssa Grazia Bellucci, rappresentante di GESAM S.a.s.

Tale struttura ha avuto il compito di avviare l’iter procedurale necessario per la conduzione e lo svolgimento del progetto (protocolli di intesa con il partner, delibere e autorizzazioni), avviare le attività previste dal progetto, nel rispetto dei tempi previsti, e svolgere tutte le pratiche amministrative necessarie alla loro realizzazione (acquisizione di autorizzazioni, espletamento delle gare d’appalto, stipula dei contratti, ecc.). La struttura ha assunto infine funzione di coordinamento di tutte le attività, al fine di garantirne la coerenza sia da un punto di vista tecnico che temporale, svolgendo periodici incontri.

L’attività ha previsto anche la partecipazione alle riunioni in occasione delle 3 visite del team esterno di monitoraggio svolte; in occasione della prima visita, tenutasi il 30/11/2011, è stata proiettata una presentazione generale del progetto.

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Nessuna problematica incontrata. Nessuna ricaduta negativa sulle altre azioni del progetto.

Attività da condurre dopo il termine del progetto

Nessuna.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

Prodotto

Consegna della versione definitiva

Accordo di partenariato tra AAC e Temi S.r.l.

Inception Report del 31/05/2012

Accordo di partenariato tra AAC e GESAM S.a.s.

Inception Report del 31/05/2012

Addendum all’Accordo di partenariato tra AAC e TEMI S.r.l

Progress Report del 31/12/2012

Addendum all’Accordo di partenariato tra AAC e GESAM S.a.s

Progress Report del 31/12/2012

Presentazione PowerPoint del Convegno di presentazione del progetto, in occasione della visita del Team esterno di monitoraggio del 30/11/2011

Inception Report del 31/05/2012

 

Azione A.2       Indagini di dettaglio sugli habitat e le specie di uccelli di interesse comunitario funzionali all’esecuzione del progetto

Data prevista di inizio:

01/10/2011

Data effettiva di inizio:

05/10/2011

Data prevista di conclusione:

30/06/2012

Data effettiva di conclusione:

30/06/2012

Beneficiario responsabile

TEMI

Stato di avanzamento:

Concluso

 

 

 

Attività realizzate

Nell’ambito dell’azione A2, è stata realizzata una approfondita ricognizione sui valori naturalistici della ZPS “Comprensorio Tolfetano-Cerite-Manziate”, prendendo come base di partenza il Formulario Standard Natura 2000 e tutti gli altri riferimenti, studi e ricerche disponibili, con particolare riferimento per quelli di recente pubblicazione, nonché attraverso lo svolgimento di sopralluoghi sulle aree interessate dal progetto. Tale attività ha portato alla redazione di un relazione tecnica e delle relative cartografie.

Gli elaborati prodotti, consegnati come allegato al Progress Report del 31/12/2012, sono stati successivamente integrati, a seguito della richiesta di chiarimenti pervenuta dall’UE[1]. Gli elaborati sono stati pertanto revisionati e la versione definitiva è stata consegnata nel luglio 2013.

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Le integrazioni effettuate non hanno avuto alcuna ripercussione negativa sulle altre azioni del progetto.

Attività da condurre dopo il termine del progetto

Nessuna.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

Prodotto

Consegna della versione definitiva

Relazione tecnica

Integrazione al progress report – luglio 2013

Carta degli habitat di specie

Integrazione al progress report – luglio 2013

Carta della distribuzione della fauna

Integrazione al progress report – luglio 2013

 

Azione A.3       Redazione di un Piano di gestione agro-silvo-pastorale del territorio gestito dall’AAC coerente con le finalità di tutela degli habitat di specie e delle specie ornitiche di interesse comunitario

Data prevista di inizio:

01/09/2011

Data effettiva di inizio:

01/10/2011

Data prevista di conclusione:

30/09/2012

Data effettiva di conclusione:

30/09/2012

Beneficiario responsabile

GESAM

Stato di avanzamento:

Concluso

 

 

 

Attività realizzate

Il Piano serve a programmare la corretta gestione del territorio silvo-pastorale. E’ uno strumento gestionale, che consente di acquisire una maggiore conoscenza del territorio forestale sia di dettare delle regole su come intervenire sui boschi.

Il Piano agrosilvopastorale agisce in modo simile ad altri strumenti di pianificazione, come ad esempio i Piani Regolatori Comunali, introducendo delle norme che garantiscono una corretta gestione del territorio silvo-pastorale.

Il risultato è quello di aver ottenuto una gestione, mai effettuata prima, del patrimonio boschivo dell’Associazione Agraria e il regolamento delle attività pascolive.

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Il Piano è in fase di approvazione uffici Regione Lazio, Direzione Regionale Infrastrutture Ambiente e Politiche Abitative, Area Sistemi Naturali come previsto dal GRANT AGREEMENT.

 Problematica incontrata: il piano è stato consegnato dal Beneficiario, Associazione Agraria di Civitavecchia, in data 06/10/2014, prot. N.551278 alla Regione Lazio, Direzione Regionale Infrastrutture Ambiente e Politiche Abitative, Area Sistemi Naturali con l'integrazione relativa al Regolamento degli Usi Civici, per la valutazione ed approvazione dello stesso. Successivamente l'Area Territorio Rurale,Credito e Calamità Naturali, ufficio competente per l'uso civico, ha richiesto all'Associazione Agraria un' aggiornamento del regolamento uso civico, che aveva consegnato all'ufficio competente in data 10/05/2005, con il quale si richiede:

  • relazione a firma del perito demaniale per assegnazione dei terreni alle categorie di cui all'art. 11 della L. 1766/1927
  • identificazione dei terreni in base alla natura e all'utilizzazione
  • identificazione dei terreni liberi ed occupati
  • indicazione dei terreni con destinazione diversa da quella agricola
  • indicazione della migliore utilizzazione dei terreni in base alla loro natura orografica, pedologica e giacitura.

L'aggiornamento del regolamento ritarderà, di conseguenza, l'approvazione del Piano agro silvo pastorale da parte dell'Area Sistemi naturali, in quanto il Regolamento Usi Civici disciplina la gestione di terreni di uso civico sul territorio dell'Associazione Agraria in applicazione dell’art. 43 del R.D. n.°332 del 26.06.1928 .Viene stilato al fine di limitare l’esercizio dell’uso civico ai sensi dell’art. 521 del codice civile, tenendo conto degli usi riconosciuti e del numero degli utenti in rapporto alle utilità che i pascoli e i boschi possano rendere senza un eccessivo sfruttamento , in attuazione dell’ art. 45 del Regolamento di esecuzione approvato con R.D. n. 332 del 26.02.1928 che sancisce la necessità e l’obbligatorietà di compilare il regolamento di usi civici da parte dei Comuni e Delle Università Agrarie e delle Associazioni Agrarie. Il diritto di uso civico essenziale non può eccedere i bisogni dell’utente e della sua famiglia, intendendo per “ essenziale” l’uso civico “necessario per i bisogni della vita”, come definito dall’art. 4 della L. 16.06.1927 n°1766

Nessuna ricaduta negativa sulle altre azioni del progetto.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

Il piano agro silvo pastorale, denominato anche piano di assestamento forestale, ha previsto quattro riunioni di cui:

  •  29 giugno 2012 riunione con Assessore  ai lavori pubblici e progetti Roberto Passerini, Dr. Andrea Passerini, delegato progetti, Dr. Tullio Meneghetti, rappresentante legale  GESAM, Dr.ssa For. Grazia Bellucci, responsabile tecnico GESAM, presso la sede dell’Associazione Agraria, per la presentazione della bozza Piano Agro silvo pastorale ed acquisizione dei documenti ed atti;
  • 23 Luglio 2012 riunione con i dirigenti dell’Area Conservazione Natura e Foreste Direzione Regionale Infrastrutture, Ambiente e Politiche Abitative, Regione Lazio, ai quali abbiamo illustrato il Piano Agro Silvo Pastorale;
  •  31 luglio 2012 presso la sede dell’Associazione Agraria riunione con Assessore  ai lavori pubblici e progetti Roberto Passerini, Dr. Andrea Passerini, delegato progetti, Dr. Tullio Meneghetti, rappresentante legale  GESAM, Dr.ssa For. Grazia Bellucci, responsabile tecnico GESAM, illustrazione stato avanzamento lavori del Piano e strategie di sviluppo in seguito alla elaborazione del Piano agro silvo pastorale;
  • 28 settembre 2012 presso la sede dell’Associazione Agraria, presentazione finale del Piano Agro Silvo pastorale al Consiglio Direttivo dell’Associazione Agraria.

Nella riunione del 28 settembre è emerso, da parte del Consiglio direttivo l’esigenza di integrare il piano con una parte del territorio, escluso dal progetto Life, ma che presenta copertura boschiva.

I prodotti realizzati sono:

- Piano di gestione agro silvo pastorale;

- Valutazione di incidenza per le azioni previste dal piano, con cartografia tematica.

I documenti integrativi richiesti sono:

- Regolamento Usi Civici

- Lettera di trasmissione Regione Lazio piano agro silvo pastorale

- Lettera richiesta integrazione per approvazione Regolamento Usi Civici

Attività da condurre nel prossimo periodo: obiettivi da raggiungere e risultati attesi

Applicazione delle norme previste dal piano Agrosilvo pastorale.

Azione A.4       Progettazione del sistema di pannellistica e segnaletica naturalistica e di fruizione dell’area di intervento

Data prevista di inizio:

01/09/2011

Data effettiva di inizio:

05/10/2011

Data prevista di conclusione:

31/03/2013

Data effettiva di conclusione:

14/03/2013

Beneficiario responsabile

TEMI

Stato di avanzamento:

Concluso

 

 

 

Attività realizzate

L’attività ha previsto la progettazione del sistema di pannellistica e segnaletica naturalistica e di fruizione dell’area di intervento, comprensiva degli aspetti grafici e costruttivi.

La realizzazione della grafica si è conclusa nei tempi previsti dal progetto ed è stata consegnata alla UE con il Progress Report di gennaio 2013. Successivamente alla richiesta di chiarimenti avanzata dalla UE[1], sono state apportate piccole variazioni alla grafica delle tre tipologie di pannelli.

La realizzazione degli aspetti progettuali si è conclusa a giugno 2012, mentre la fase di acquisizione dei pareri sulla progettazione è stata completata in data 14/03/2013, con la conclusione della Conferenza dei servizi da parte del Comune di Civitavecchia, che ha confermato l’ottenimento di tutte le autorizzazioni necessarie.

Tutti i prodotti realizzati (grafica e progettazione esecutiva, cfr. Azione A5) sono stati presentati in visione in occasione della visita di monitoraggio di settembre 2013, e sono stati consegnati come allegato al Midterm Report di gennaio 2014.

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Nessuna problematica incontrata. Nessuna ricaduta negativa sulle altre azioni del progetto.

Attività da condurre nel prossimo periodo: obiettivi da raggiungere e risultati attesi

Nessuna.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

Prodotto

Consegna della versione definitiva

Grafica cartello informativo (1 tipologia)

Integrazione al progress report – luglio 2013

Grafica pannelli didattici “a leggio” (26 diverse tipologie)

Integrazione al progress report – luglio 2013

Grafica pannelli didattici per mostra area attrezzata (10 diverse tipologie)

Integrazione al progress report – luglio 2013

Progettazione definitiva (cfr. Azione A5)

Progress Report – gennaio 2013

Progettazione esecutiva (cfr. Azione A5)

Midterm Report – gennaio 2014

 

Azione A.5       Elaborazione progetti definitivi ed esecutivi delle azioni incluse nelle sezioni C e D

Data prevista di inizio:

01/09/2011

Data effettiva di inizio:

05/10/2011

Data prevista di conclusione:

31/03/2013

Data effettiva di conclusione:

22/07/2013

Beneficiario responsabile

TEMI

Stato di avanzamento:

Concluso, realizzato

 

 

 

Attività realizzate

Nell’ambito dell’Azione A5 sono stati elaborati i progetti definitivi ed esecutivi relativi a tutti gli interventi previsti nelle azioni C e D (Azioni C1, C4, C5, C6, D4, D5 e D6).

Rispetto a quando riportato nell’Inception Report, che prevedeva la realizzazione di tre progetti distinti, per snellire l’iter autorizzativo mediante una unica procedura autorizzativa, si è reso necessario realizzare un progetto definitivo unitario, comprendente le azioni C1, C4, C5, C6, D4, D5 e D6.

In allegato alla relazione già trasmessa contenente i chiarimenti richiesti in base alla valutazione del Primo Rapporto sullo stato di Avanzamento al 31.12.2012 è stato trasmesso un documento (Azione A5 – Analisi della coerenza dei progetti esecutivi con la proposta finanziata: stralci delle Relazioni generali dei 3 progetti esecutivi. (nome del file: AzioneA5_Coerenza_ progetti_esecutivi.pdf), relativo all’analisi della coerenza del progetto definitivo con la proposta finanziata.

Si sottolinea che la progettazione definitiva elaborata comprende anche i particolari costruttivi relativi ai supporti dei pannelli progettati con l’azione Azione A4 (Progettazione del sistema di pannellistica e segnaletica naturalistica e di fruizione dell’area di intervento), a loro volta correlati alla realizzazione dell’Azione D6 (Istallazione di pannellistica didattica e di segnaletica per la fruizione naturalistica).

Per l’ottenimento delle autorizzazioni necessarie per la realizzazione delle opere sono stati coinvolti i seguenti Enti:

  • ­   Sopraintendenza per  Beni Archeologici dell’Etruria Meridionale;
  • ­   Ministero dei Beni Culturali – Direzione Regionale Lazio;
  • ­   Sopraintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le Province di Roma, Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo;
  • ­    Regione Lazio – Dipartimento Istituzione e Territorio – Direzione Regionale Territorio e Urbanistica – Area Autorizzazioni Paesaggistiche;
  • ­    Regione Lazio – Dipartimento Istituzione e Territorio – Direzione Regionale Ambiente – Area DA/08/10 Conservazione Natura e Foreste – Area Valutazione d’Incidenza;
  • ­    Regione Lazio – Autorità dei Bacini Regionali;
  • ­    Provincia di Roma – Dipartimento V – Servizio 2° “Geologico”;
  • ­    Provincia di Roma – Dipartimento IV – “Servizi di Tutela Ambientale” – Servizio 2° “Tutela delle Acque, Suolo e Risorse Idriche” – Ufficio “Difesa del Suolo”.

In data 14/03/2013 il Comune di Civitavecchia ha trasmesso la Determina Dirigenziale relativa alla conclusione della Conferenza dei servizi (Allegato 4), che sancisce l’ottenimento di tutte le autorizzazioni necessarie per l’avvio dei lavori. Per completezza, si riporta di seguito il quadro di sintesi delle autorizzazioni ottenute. Si sottolinea che le autorizzazioni riportate nella tabella sono relative a tutte le azioni di progettazione dell’intero progetto LIFE (Azioni C1, C4, C5, C6, D4, D5, A4, D6).

Vincolo/Autorizzazione

Ente competente

Stato dell’iter autorizzativo

Vincolo Paesaggistico

Regione Lazio – Dipartimento Istituzionale e Territorio – Direzione Territorio ed Urbanistica

Ottenuta autorizzazione

Prot. n. 433692/2012 del 23/11/2012

Vincolo Paesaggistico/Vincolo Archeologico

Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le Province di Roma, Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo

Parere favorevole

Prot. n. 35742 del 21/12/2012

Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Etruria meridionale

Parere favorevole

Prot. n. 11499 del 18/12/2012

Ministero dei Beni Culturali ed Ambientali – Direzione Regionale Beni Culturali e Paesaggistici del Lazio

Parere favorevole

Prot. MBAC-DR-LAZ 005-UFFTUT 0000354 del 07/01/2013

Valutazione d’Incidenza

Regione Lazio – Direzione Regionale Ambiente – Area Conservazione Natura e Foreste

Parere favorevole

Prot. n. 520817 del 29/11/2012

Autorizzazione per le opere idrauliche

Provincia di Roma – Dip. IV “Servizi di Tutela Ambientale” – Servizio 2 “Tutela delle acque, suolo e risorse idriche”

Ottenuta autorizzazione

Fascicolo 442/PA n. 181453 del 26/11/2012

Vincolo idrogeologico

Provincia di Roma – Dip. V “Risorse Agricole ed Ambientali” Servizio 2 – Geologico

Parere favorevole

Prto. N. 301 dell’11/02/2013

Successivamente all’ottenimento di tutte le autorizzazioni, come sopra descritto, sono stati elaborati tre distinti progetti esecutivi, che sono stati approvati dall’AAC con Deliberazione di Giunta n. 17 del 22/07/2013.

I tre progetti esecutivi sono stati redatti accorpando gli interventi previsti dal progetto definitivo, nessuno escluso, come segue:

  1. Riqualificazione della viabilità e della sentieristica esistente: comprende le azioni C6, D5, e parte dell’azione D4 (realizzazione dell’itinerario naturalistico);
  2. Realizzazione di recinzioni (C1) e delle strutture annesse all’itinerario naturalistico (D4), ossia le aree di sosta e le aree visitatori, nonché l’apposizione della pannellistica (Azioni A4 e D6);
  3. Bonifica e ricostruzione dei muri a secco (C5) e Restauro di fontanili e piccoli ambienti umidi (C4).

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

L’Azione A.5 si è conclusa con circa quattro mesi di ritardo sulla data prevista: tale ritardo è dovuto alla scelta di convocare una Conferenza dei Servizi ed alla necessità che questa dovesse essere convocata da un ente pubblico a ciò accreditato. Tale convocazione è avvenuta con circa tre mesi di ritardo (03/10/2012) rispetto alla data di conclusione della progettazione definitiva (giugno 2012), a causa dei tempi decisionali e burocratici che si sono resi necessari per la presa in carico della procedura da parte del Comune di Civitavecchia. Successivamente, in data 21/12/2012 (nota prot. 73921) il Comune di Civitavecchia ha comunicato agli Enti coinvolti, nonché al beneficiario ed ai partner di progetto, la necessità di coinvolgere altri enti non interessati inizialmente, il che ha comportato l’indizione di una nuova Conferenza dei Servizi ed un ulteriore slittamento di tutta la procedura.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

­     Progetto definitivo relativo alle Azioni C1, C4, C5, C6, D4, D5 e D6 (Prodotto consegnato insieme con il Progress report del 31/12/2012);

­     Progetto esecutivo di Riqualificazione della viabilità e della sentieristica esistente: comprende le azioni C6, D5, e parte dell’azione D4 (realizzazione dell’itinerario naturalistico) (Prodotto consegnato insieme con il Midterm Report di gennaio 2014);

­     Progetto esecutivo di Realizzazione di recinzioni (C1) e delle strutture annesse all’itinerario naturalistico (D4), ossia le aree di sosta e le aree visitatori, nonché l’apposizione della pannellistica (Azioni A4 e D6) (Prodotto consegnato insieme con il Midterm Report di gennaio 2014);

­     Progetto esecutivo di Bonifica e ricostruzione dei muri a secco (C5) e Restauro di fontanili e piccoli ambienti umidi (C4) (Prodotto consegnato insieme con il Midterm Report di gennaio 2014).

Attività da condurre nel prossimo periodo: obiettivi da raggiungere e risultati attesi

Nessuna.

Allegati

Prodotto

Consegna della versione definitiva

Progetto definitivo relativo alle Azioni C1, C4, C5, C6, D4, D5 e D6

Progress Report – gennaio 2013

Progetto esecutivo di Riqualificazione della viabilità e della sentieristica esistente: comprende le azioni C6, D5, e parte dell’azione D4 (realizzazione dell’itinerario naturalistico)

Midterm Report – gennaio 2014

Progetto esecutivo di Realizzazione di recinzioni (C1) e delle strutture annesse all’itinerario naturalistico (D4), ossia le aree di sosta e le aree visitatori, nonché l’apposizione della pannellistica (Azioni A4 e D6)

Midterm Report – gennaio 2014

Progetto esecutivo di Bonifica e ricostruzione dei muri a secco (C5) e Restauro di fontanili e piccoli ambienti umidi (C4)

Midterm Report – gennaio 2014

Determina Dirigenziale relativa alla conclusione della Conferenza dei servizi da parte del Comune di Civitavecchia, con autorizzazioni allegate

Midterm Report – gennaio 2014

Contratti di assegnazione dei lavori

Midterm Report – gennaio 2014

 

Azione A.6       Direzione lavori e coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione degli interventi

Data prevista di inizio:

4° trimestre 2013

Data effettiva di inizio:

22/10/2013

Data prevista di conclusione:

30/09/2014

Data effettiva di conclusione:

16/12/2014

Beneficiario responsabile

TEMI

Stato di avanzamento:

Concluso, realizzato

 

 

 

Attività realizzate

L’azione A6 di Direzione dei Lavori (DL) e Coordinamento della sicurezza è stata avviata contestualmente alla esecuzione degli interventi, ossia le azioni C1, C4, C5, C6, D4, D5, D6 e si è conclusa nel dicembre 2014 con il termine dei lavori relativi alla realizzazione delle  recinzioni (Azione C1) ed alla installazione degli arredi (Azione D4) e della pannellistica didattica (Azione D6).

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

I ritardi in corso d’opera sono stati determinati sostanzialmente dalla necessità di  procedere alla bonifica delle aree dagli ordigni esplosivi residuati bellici, come descritto nel form della Azione C1 modificato ed inviato alla UE a maggio 2013, che in effetti, data la sua rilevanza ed i rischi correlati, ha comportato una sospensione di 3-4 mesi (da gennaio a aprile-maggio 2014) di tutte le azioni sul territorio: C1, C4, C5, C6, D4, D5, D6. Ulteriori ritardi rispetto al previsto termine del 30/09/2014 sono stati determinati: a) per quanto riguarda le attività dell’azione C1 (e correlate), slittate dal 30/09/2014 al 16/12/2014, dalla scelta della AAC di affidare alla stessa ditta esterna la realizzazione di parte delle recinzioni precedentemente da realizzarsi a cura del personale della AAC e dalla impossibilità di tale ditta esecutrice di incrementare oltre un certo livello la presenza di proprie maestranze sul cantiere; inoltre da difficoltà operative dovute all’intervento in zone particolarmente impervie, con inevitabile rallentamento delle lavorazioni; b) per quanto riguarda le attività dell’Azione C6 (e correlate), il ritardo è stato determinato essenzialmente  dall’incremento delle opere realizzate rispetto a quanto previsto; tali opere sono state affidate nel settembre 2014 alla stessa ditta esecutrice con un Progetto di completamento e portate a termine entro il 21/10/2014; la stessa ditta ha eseguito sulle strade ulteriori interventi di rifinitura, terminati in data 09/12/2014.

In seguito a tali ritardi, la realizzazione delle attività C e D sopra elencate si è particolarmente concentrata nel periodo maggio-ottobre 2014, comportando la necessità di un maggiore coordinamento dei vari cantieri Nella risoluzione di tale problematica la DL si è efficacemente coordinata con un tecnico della AAC, l’Ing. Sergio Berni che, oltre a collaborare con la DL per la verifica giornaliera dei lavori, ha particolarmente curato l’aspetto della comunicazione con i diversi soggetti presenti sulle aree di intervento: addetti alle attività zootecniche, soci dell’AAC, residenti nelle aree limitrofe, escursionisti.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

L’attività di DL è iniziata a seguito dell’aggiudicazione dei lavori dei tre progetti esecutivi ad altrettante ditte, dopo l’espletamento delle relative gare d’appalto; i primi atti di tale Azione sono consistiti nella redazione e firma dei tre Verbali di consegna dei lavori, previsti dalla normativa vigente (D.lgs. 12 aprile 2006, n. 163 e D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207): in data 22/10/2013 per quanto riguarda il progetto esecutivo di “Realizzazione delle recinzioni, delle  strutture annesse all’itinerario naturalistico e della pannellistica (Azioni C1, D4,  A4 e D6)”; in data 11/11/2013 per quanto riguarda il progetto esecutivo di “Riqualificazione della viabilità e della sentieristica esistente (Azioni C6, D5, D4)”; in data 18/11/2013 per quanto riguarda il progetto esecutivo di “Bonifica e ricostruzione dei muri a secco (C5) e restauro di fontanili e piccoli ambienti umidi (C4)”.

L’attività di DL è quindi proseguita con la periodica e costante verifica dell’avanzamento dei lavori, mediante frequenti sopralluoghi sulle aree di cantiere, riunioni con i responsabili tecnici delle ditte esecutrici ed  il costante raccordo e coordinamento con il tecnico incaricato dalla AAC per seguire l’avanzamento dei lavori. Tale attività è stata formalizzata, durante il corso dei lavori con l’emissione degli Stati di Avanzamento dei Lavori (SAL).

L’attività di DL si è quindi conclusa contestualmente al termine dei lavori relativi ai tre progetti con l’emissione del Certificato di ultimazione dei lavori, dello Stato Finale degli stessi e del Certificato di Regolare Esecuzione dei lavori (CRE):

  • ­  per il progetto “Restauro di fontanili e piccoli ambienti umidi (C4)” con Certificato di ultimazione in data 22/05/2014 e successivo CRE in data 09/06/2014
  • ­  per il progetto “Riqualificazione della viabilità e della sentieristica esistente (Azioni C6, D5, D4)” con Certificato di ultimazione e CRE in data 21/10/2014
  • ­  per il progetto “Realizzazione delle recinzioni, delle strutture annesse all’itinerario naturalistico e della pannellistica (Azioni C1, D4, A4 e D6)” con Certificato di ultimazione e   CRE in data 16/12/2014.

Attività da condurre nel prossimo periodo: obiettivi da raggiungere e risultati attesi

Nessuna.

Allegati

  1. Documenti di affidamento lavori, Verbali di consegna, di sospensione e ripresa dei lavori, Stati di avanzamento dei lavori (SAL), Certificati di ultimazione dei lavori, Stati finali dei lavori, Certificati di Regolare Esecuzione dei lavori (CRE) (Allegati in formato elettronico al presente Final Report. Cartella nel DVD: “Allegati_Azione_A6_ Direzione_Lavori”).

 

Azione A.7       Attivazione di un Forum permanente per i soci dell'AAC di Progetto

Data prevista di inizio:

01/09/2011

Data effettiva di inizio:

04/10/2011

Data prevista di conclusione:

31/03/2013

Data effettiva di conclusione:

31/12/2014

Beneficiario responsabile

AAC

Stato di avanzamento:

Concluso

 

 

 

Attività realizzate

L'attività del Forum di Progetto è proseguita per tutta la durata del progetto, concludendosi in data 31/12/2014.

Nell’ambito dell’Azione A7 sono stare realizzate le seguenti attività:

  • Partecipazione al convegno di presentazione del progetto (cfr. Azione D1), con il coinvolgimento di tutti i partners e dei rappresentanti delle istituzioni (Comuni del territorio, Provincia, Regione, Parlamento Europeo), tenuto nell'Aula Consiliare del Comune di Civitavecchia il 27 gennaio 2012. Al convegno sono stati invitati tutti i soci dell'AAC.
  • Incontri con circa 750 soci, avvenuti per lo più singolarmente, per far conoscere più nel dettaglio il progetto VAL.MA.CO. Gli incontri si sono tenuti presso la sede dell'AAC: il personale dell’Agraria, oltre a presentare il progetto e dare risposta ad eventuali domande e curiosità dei soci, ha consegnato loro copia del depliant informativo realizzato nell’ambito dell’azione D2. I soci sono stati incontrati più volte, al fine di mantenerli informati sulle novità del progetto e sull’avanzamento delle diverse azioni. Inoltre il Project Manager del Progetto ha accompagnato più volte i soci che ne hanno fatto richiesta (circa 40) presso il sito, per verificare l’effettivo sviluppo delle azioni.

Per aumentare il coinvolgimento dei soci, come richiesto dalla UE con lettera ricevuta in data 15/04/2014 (prot n. ENV.E3 IC/LM/ARES(2014) 1186818), è stata inviata la newsletter relativa al progetto (Azione E6) ai soci dell’AAC dotati di contatto e-mail (82 soci). Quest’ultima attività non era prevista dal progetto originale.

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Nessuna problematica incontrata. Nessuna ricaduta negativa sulle altre azioni del progetto.

Attività da condurre dopo il termine del progetto

Dopo la conclusione del progetto LIFE i contatti diretti con i soci proseguiranno al fine di diffondere ulteriormente la cultura del progetto. Proseguiranno le consegne delle brochure e le visite sul sito, per i soci che ne faranno richiesta.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

  • ­  Anagrafica soci (consegnato come allegato all’Integrazione al progress report di luglio 2013);
  • ­   Mailing list (consegnato come allegato all’Integrazione al progress report di luglio 2013);
  • ­   Visite dei soci al sito di progetto;
  • ­   Invio della newsletter del progetto Val.Ma.Co. ai soci dell’AAC dotati di contatto e-mail (82 soci)

 

Prodotto

Consegna della versione definitiva

Anagrafica dei soci

Integrazione al progress report – luglio 2013

Mailing list

Integrazione al progress report – luglio 2013

 

 

 

Azione C.1       Realizzazione di recinzioni per il controllo e la regolamentazione del pascolo

Data prevista di inizio:

4° trimestre 2013

Data effettiva di inizio:

22/10/2013

Data prevista di conclusione:

30/09/2014

Data effettiva di conclusione:

16/12/2014

Beneficiario responsabile

AAC

Stato di avanzamento:

Concluso, realizzato

 

 

 

Attività realizzate

Con Determinazione n. 180 del 09/09/2013 la AAC ha adottato la determinazione di procedere alla individuazione della ditta esecutrice dei lavori con procedura negoziata ed affidamento mediante il criterio del prezzo più basso, ai sensi dell’art. 82 lett a) del D.lgs n. 163/2006. L’aggiudicazione è avvenuta in data 23/09/2013 alla ditta Daniel Plants s.a.s. che ha offerto il maggior ribasso (44%) nell’ambito delle quattro offerte ricevute.

L’Azione è stata avviata in seguito al formale affidamento dei lavori alla ditta Daniel Plants s.a.s. con Determinazione della AAC n. 197 del 07/10/2013 ed alla successiva redazione del Verbale di consegna dei lavori, in data 22/10/2013, a cura della DL, a seguito della Determinazione della AAC n. 198 del 07/10/2013 che autorizzava la “consegna anticipata sotto riserva di legge”. In data 12/12/2013 è stato stipulato il contratto tra l’AAC e la suddetta impresa esecutrice dei lavori. Si anticipa che la stessa ditta è stata coinvolta, con lo stesso contratto e quindi a seguito della medesima procedura di affidamento sopra descritta, nella realizzazione delle attività di cui alle Azioni D.4 e D.6.

I lavori sono effettivamente iniziati entro la fine di ottobre 2013, sono proseguiti nel 2014 con due periodi di sospensioni: dal 16/01/2014 al 25/05/2014 per la bonifica delle aree da ordigni bellici e dal 02/08/2014 al 21/09/2014 per l’indisponibilità delle maestranze della ditta nel periodo estivo; i lavori sono terminati in data 16/12/2014.

Nel corso delle lavorazioni si è tenuto conto delle esigenze emerse dai colloqui con gli allevatori, che, quando condivisibili, hanno determinato aggiustamenti e piccole modifiche in corso d’opera.

Nel giugno 2014 la DL ha elaborato una Perizia di variante, approvata con Atto di sottomissione in data 25/06/2014, resasi necessaria per tenere conto di maggiori difficoltà ed oneri per la realizzazione delle recinzioni in aree particolarmente impervie.

Con Determinazione n. 201 del 23/09/2014 la AAC ha inoltre affidato alla Daniel Plants s.a.s. la realizzazione di un Progetto di completamento, comprendente ulteriori tratti di recinzioni di tipo “chiudenda”, precedentemente di competenza del personale della AAC ed affidati invece alla stessa ditta e quindi in Assistenza esterna a seguito delle modifiche di maggio 2014. I costi relativi a tali ulteriori opere sono comunque contenuti nel budget dell’azione e sono stati recuperati dal ribasso di gara della ditta esecutrice.

A seguito di una specifica prescrizione della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Etruria Meridionale (prot. MBAC_FBA_EM n. 11499 del 18/12/2012) questi lavori, come pure quelli relativi all’Azione C6, comprendenti movimenti di terra ed esecuzione di buchi nel terreno, sono stati costantemente controllati da una archeologa, la Dott.ssa Gigliola Possenti, che al termine della sua attività ha prodotto una “Relazione Tecnica Relativa alle Indagini preliminari, Bibliografiche e Ricognitive di Rischio Archeologico”, (Allegato “Relazione archeologica”). Il costo di tale attività è stato ricompreso nel budget dell’Azione C1.

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Il ritardo nella conclusione della Azione è stato determinato soprattutto ed inizialmente dal rinvenimento nel gennaio 2014, nelle aree di intervento, di ordigni esplosivi residuati bellici; tale circostanza   ha comportato, come già ricordato, la sospensione di tutte le azioni sul terreno e la necessità della bonifica delle aree interessate dagli interventi. L’ulteriore ritardo nel termine dell’azione, dal 30/09/2014 al 16/12/2014, è stato determinato dalla scelta della AAC di affidare alla stessa ditta esterna la realizzazione di parte delle recinzioni precedentemente da realizzarsi a cura del personale della AAC (Progetto di completamento) e dalla impossibilità di tale ditta esecutrice di incrementare oltre un certo livello la presenza di proprie maestranze sul cantiere; inoltre, nel periodo settembre-novembre 2014  si sono riscontrate difficoltà operative dovute all’intervento in zone particolarmente impervie, con inevitabile rallentamento delle lavorazioni.

Per quanto riguarda la bonifica degli ordigni, la AAC ha affidato con prot. n. 188 in data 20/02/2014 tale attività alla ditta BOE srl, selezionata attraverso la valutazione tecnica ed economica di quattro offerte di altrettante ditte specializzate. Le attività di bonifica sono state effettuate nel periodo aprile-maggio 2014, dopo l’ottenimento delle prescritte autorizzazioni, di competenza delle autorità militari ed hanno riguardato tutte le aree oggetto di intervento ed in particolare quelle interessate dalle azioni comprendenti attività di scavo ed infissione di pali nel terreno.

Nel corso delle lavorazioni di scavo per l’infissione dei pali, si è riscontrata inoltre in molti tratti la presenza di banchi rocciosi sottostanti il terreno, che ha comportato l’utilizzo di trivelle e/o demolitori a percussione precedentemente non previsti; tale circostanza ha comportato il rallentamento delle lavorazioni e variazioni nelle procedure operative, di cui si è tenuto conto nella redazione della Perizia di variante e del Progetto di completamento; i costi

relativi a tali problematiche sono comunque contenuti nel budget dell’azione e sono stati recuperati dal ribasso di gara della ditta esecutrice.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

Sono stati realizzati 6.965 m di nuove recinzioni tipo "chiudenda" (costituite da pali di castagno e cinque ordini di filo spinato), 2 cancelli in legno in corrispondenza di passaggi carrabili, "passine" per il superamento pedonale delle recinzioni e "scalarole" per la gestione di accessi alla viabilità minore; sono stati inoltre revisionati e riqualificati 1.000 m ca. di analoghe recinzioni già esistenti, anche mediante decespugliamento ed apertura di piste di servizio necessarie per il futuro controllo e manutenzione delle recinzioni stesse. Nel corso dei lavori sono stati inoltre rimossi 2.805 m di analoghe recinzioni ammalorate ed inservibili.

Nell’ambito di tale azione sono stati anche realizzati 326 m di nuove recinzioni tipo "maremmana" (con elementi verticali ed orizzontali in castagno) a delimitazione delle 4 aree di sosta per i veicoli ed anche per la delimitazione laterale di tratti stradali, ove necessario.

Complessivamente sono stati realizzati/riqualificati 8.291 m di recinzioni, in sostanziale coerenza con quanto previsto dalla Azione C1 come modificata a maggio 2014, che prevedeva la realizzazione di 9.400 m di recinzioni;  la minore lunghezza realizzata (1.109 m, pari a circa il 12% in meno del previsto) è stata motivata dalle variazioni di percorso decise in corso d’opera, dalla scelta di non utilizzare recinzioni “maremmana” per le delimitazioni esterne  e dalla scelta di non realizzare nuove recinzioni ove erano già presenti barriere naturali costituite da fitti allineamenti di siepi naturali o ripide scarpate, invalicabili da parte del bestiame.

La minore realizzazione di recinzioni “maremmana” in questa azione è stata parzialmente compensata da maggiori lunghezze di analoghe recinzioni realizzate nell’ambito dell’Azione D.4 per la delimitazione delle aree di sosta dei visitatori (complessivamente 651 m). A tale proposito è opportuno sottolineare che tali recinzioni concorrono comunque a creare aree in cui il pascolo è di fatto limitato e regolamentato.

Prodotti Azione C.1

Previsti

Realizzati

Variazioni

Recinzioni tipo “chiudenda”

7.900 m

6.965  m

- 935 m

Recinzioni tipo “maremmana”

1.500 m

326 m

- 1.174 m

Manutenzione chiudende esistenti

-

1.000  m

+ 1.000

Rimozione recinzioni ammalorate

-

2.805 m

+ 2.805

Cancelli

-

2

+ 2

 

 

 

 

Attività da condurre dopo il termine del progetto:

Revisione periodica e manutenzione delle recinzioni realizzate, con sostituzione degli elementi in legno ammalorati ed integrazione dei fili metallici eventualmente danneggiati o tagliati.

Allegati

  1. Azioni C1, C4, C5, C6, D4, D5, D6, D9 - Documentazione fotografica dei lavori eseguiti (allegata in formato elettronico nel DVD allegato al presente Final Report, nella cartella “Allegati_Azioni_C1_C4_C5_C6_D4_D5_D6_D9_FOTO”).
  2. Relazione archeologica (allegata in formato elettronico nel DVD allegato al presente Final Report, nella cartella “Allegati_Azione_C1”).

Azione C.2       Recupero di aree a pascolo degradate per la conservazione dell’avifauna

Data prevista di inizio:

01/09/2011

Data effettiva di inizio:

01/10/2011

Data prevista di conclusione:

30/09/2014

Data effettiva di conclusione:

2° trimestre 2014

Beneficiario responsabile

GESAM

Stato di avanzamento:

Concluso

 

 

 

Attività realizzate

Semina e recupero, con azioni di sfalcio erbe infestanti, su superficie di 17 ha.

Le operazioni di eliminazione delle erbe infestanti sono state effettuate dagli operai della Gesam sia manualmente che con ausilio del mezzo agricolo. Lo sfalcio è stato effettuato su una superficie di 17 ha, con eliminazione delle infestanti, per lo più Asphodelus L. e Carduus L, prima di effetuare la semina nel trimestre 2012; successivamente si è di nuovo intervenuto dopo il parziale risultato della prima semina con uno sfalcio per la preparazione del letto di semina.

Dopo la prima semina, primo trimestre 2012,ed a causa dell’eccessiva incidenza di animali al pascolo, si è ritenuto opportuno, benché non previsto dal Grant Agreement,  di ripetere l’azione sia con  sfalcio sia con risemina ,maggiormente nelle aree situate nel fondovalle del Fosso del Marangone. In questo secondo intervento si è  riproposta l’operatività d’intervento selettivo di sfalcio e di semina il quale è proseguito con la stessa modalità e sulla stessa superficie.

Il miscuglio utilizzato è stato un composto di graminacee, poa sp, ssest perenne ecc e di  foraggere trifolium  sp e medicago sp, con una quantità utilizzata pari a  60/70 kg /ha

 Il calendario delle semine è stato così distribuito:

I ° semina: primo trimestre del 2012

II ° semina nel quarto semestre 2013.

Si è successivamente effettuato un monitoraggio per verificare i risultati:

  • stato di sviluppo delle piante
  • verifica dell’attecchimento e previsione eventuali interventi di manutenzione
  •  tipi vegetazionali presenti con la ricchezza di specie

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Presenza durante le operazioni di manutenzione, degli animali al pascolo.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

L’azione di selezione, attraverso lo sfalcio selettivo ripetuto con periodicità su specie dominanti  infestanti su circa 17 ha , ha migliorato la  germinazione di erbacee target inoltre l’implemento di semina di alcune specie quali Trifolium campestre,Lolium perenne,Poa sp Medicago sp.,tipiche di questo habitat, ha favorito la ricrescita e la copertura del cotico erboso.

Attività da condurre nel prossimo periodo: obiettivi da raggiungere e risultati attesi

Il monitoraggio condotto ha portato alle conclusioni che se applicato il protocollo di gestione del pascolo, degli uliveti e delle aree forestali, previsto dell’azione D3, può garantire il ripristio dell’habitat prioritario 6220*-“Percorsi ssesta ment di graminacee e piante annue dei Thero-Brachypodietea”.

L’applicazione delle norme previste dal Piano agro silvo pastorale fa si che si abbia uno strumento per normare e ottimizzare la gestione pascoliva all’interno del territorio, intervenendo sul tipo di gestione del pascolamento, adottando adeguate e corrette pratiche di allevamento. Propone linee ed indirizzi di gestione razionali per la conservazione e la tutela dei pascoli, individua i motivi di degrado delle diverse aree in modo da eliminarli o tamponarli, adotta tecniche alternative, utili sia per il miglioramento della qualità che della produttività delle stesse.

Attività da condurre dopo il termine del progetto

Bisogna attuare piani di pascolamento razionali per assicurare una buona alimentazione al bestiame (prelievi e qualità), il mantenimento o miglioramento della qualità foraggere delle cotiche, la loro integrità, l’elevata biodiversità vegetale e animale e la conservazione di uno spazio aperto e fruibile, quindi una gestione ottimale del pascolo all’interno della ZPS.

L’obiettivo è finalizzato ad attività di pascolo compatibilmente con gli interventi di gestione naturalistica; il pascolo deve essere consentito nei limiti necessari ad assicurare il mantenimento e/o il ripristino della copertura vegetale e la rinnovazione naturale. L’applicazione del protocollo di gestione del pascolo, degli uliveti e delle aree forestali, previsto dell’azione D3

Allegati

  1. Azioni C2 – Documentazione fotografica (allegata in formato elettronico nel DVD allegato al presente Final Report, nella cartella “Allegati_Azione_C2”).

Azione C.3       Recupero delle aree di uliveto a fini di restauro ambientale e recupero della produttività

Data prevista di inizio:

01/09/2011

Data effettiva di inizio:

01/10/2011

Data prevista di conclusione:

30/09/2014

Data effettiva di conclusione:

30/11/2014

Beneficiario responsabile

GESAM

Stato di avanzamento:

Concluso

 

 

 

Attività realizzate

Gli interventi hanno riguardato 800 olivi di cui 700 piante sono state potate,fertilizzate, sfalcio e decespugliamento sotto chioma e  le restanti 100 sfalcio e decespugliamento sotto chioma. Le operazioni colturali sono state:

  • Potatura: si è effettuato interventi di taglio per equilibrare il rapporto fra apparato vegetativo e apparato riproduttivo. Un adeguato equilibrio permette di ottimizzare la produzione in termini di qualità e quantità e nel contempo, fornire le risorse nutritive necessarie per rinnovare la vegetazione e la fruttificazione nell’anno successivo. Si è ottenuto un’adeguata aereazione della chioma in quanto una chioma troppo fitta, crea condizioni di ristagno dell’aria con formazione di un gradiente di umidità che ostacola l’evapotraspirazione limitando l’intensità della fotosintesi. Inoltre un’insufficiente aereazione, favorisce gli attacchi da parte di alcune crittogame e di alcuni insetti. La forma d’allevamento crea le condizioni affinché ci sia un’adeguata ventilazione all’interno della chioma; la forma d’allevamento è studiata anche per agevolare l’esecuzione di alcune operazioni colturali, rimuovendo le cause che possono intralciarle con riduzione della manodopera.
  • Eliminazione dei succhioni: si è intervenuto, al fine di mantenere un certo equilibrio vegeto-produttivo ed evitare eccessivi addensamenti di vegetazione, con l’ eliminazione dei succhioni.
  • Eliminazione di erbe infestanti, lasciando comunque la copertura vegetale presente per evitare l’erosione del suolo.
  • Concimazioni: nell’ambito di una agricoltura a basso impatto ambientale, gli obiettivi della gestione della fertilità sono essenzialmente tre:

1. miglioramento della fertilità del terreno mirata con l’utilizzo del palo iniettore;

2. risparmio delle risorse non rinnovabili;

3. rinuncia all’impiego di prodotti che possono contaminare l’agroecosistema.

  • La difesa in oliveti deve essere un sistema di controllo degli organismi dannosi, che deve utilizzare tutti i fattori e le tecniche disponibili, nel rispetto dei principi ecologici, tossicologici ed economici, consentendo di mantenere le popolazioni al di sotto delle soglie d’intervento. Bisogna prevedere prima degli interventi di tipo agronomico, fisico, meccanico e/o biologico e solo se questi non risultano in grado di garantire un accettabile contenimento dei parassiti, si fa ricorso ai mezzi tecnici.In questa metodologia si sono ssesta me delle trappole per la lotta alla Bactrocera olae (mosca dell’olivo), inserite a metà chioma e controllate le stesse settimanalmente, per tenere sotto controllo l’evoluzione della popolazione degli adulti ed ottenendone anche una valida cattura massale.

Il calendario delle attività è:

1° fase (censimento) dicembre 2011 , I trimeste 2012: individuazione delle piante che rispondessero a criteri di fattibilità gestionale

Individuate 3 aree indicare come su mappa A/ B/ C/

2° Fase: I trimestre 2012;  mosca dell’olivo con installazione di  trappole con innesco ripetuto nel tempo di feromoni specifici

3°Fase IV trimestre 2012 rimonda del secco e sfalcio sotto pianta

4° Fase IV trimestre 2013  prima fertilizzazione

5° Fase I/IV trimestre 2013 e I/II/III/IV trimestre 2014 potatura e sfalcio sotto pianta

6° II/IV trimestre 2014 seconda fertilizzazione  fertilizzazione

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Nessuna.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

Sono stati realizzati interventi di sistemazione degli ulivi, interventi di sfalcio e decespugliamento manuale delle erbe infestanti, rimonda del seccume, ricostruzione ed allevamento delle chiome , definendo anche un adeguato piano di concimazione e cura fitosanitaria.

L’utilizzo di un’attrezzatura idonea quale la  motosega a batteria, la Selion Pellenc C20 e forbice da potatura Pellenc Treelion M45 ha permesso di arrecare il minor disturbo alle specie protette.Gli elementi elettroseganti funzionano con batteria ricaricabile e hanno un funzionamento silenzioso, a zero emissioni nell’ambiente.

L’acquisto di questa attrezzatura ha portato vantaggi lavorativi e non ha causato nessun disturbo durante la fase riproduttiva delle specie quali l’averla, la calandra.

Attività da condurre nel prossimo periodo: obiettivi da raggiungere e risultati attesi

Il progetto prevede il recupero di questo ambiente a fini produttivi funzionale alla ricreazione delle condizioni adatte alla presenza delle specie di uccelli e il suo mantenimento dopo la fine del progetto.

L’applicazione del protocollo di gestione del pascolo, degli uliveti e delle aree forestali, previsto dell’azione D3, è funzionale al mantenimento e al miglioramento dello stato di conservazione di habitat e specie ed habitat di interesse comunitario.

Le linee guida del protocollo di gestione sono state preparate con un approccio nella definizione e attuazione di tecniche agricole compatibili con la conservazione e il miglioramento della biodiversità

L’olivicoltura è anche parte integrante della cultura e del patrimonio rurale locale. Costituisce, infatti, un’importante fonte di occupazione in molte aree rurali e, effettuata part-time, sta diventando un’attività rurale sempre più di rilievo assieme al turismo.

Attività da condurre dopo il termine del progetto

Attraverso la realizzazione di un programma di attività di comunicazione rivolte ai cittadini di Civitavecchia, utenti dell’Associazione agraria di Civitavecchia,per realizzare un piano socio-economico integrato con la valorizzazione ambientale degli uliveti che include un modello innovativo di ssesta me condivisa con le parti interessate per far fronte alla necessità per di conservare la biodiversità e la necessità di valorizzazione economica, di reddito e di attività di diversificazione. Inoltre è necessario l’elaborazione di linee guida per la gestione degli oliveti da preparare  con un approccio partecipativo degli agricoltori locali, utenti dell’Associazione Agraria per la definizione e attuazione di tecniche agricole compatibili con la conservazione e il miglioramento della biodiversità.

Un obiettivo è quello di rendere economicamente competitiva la gestione tradizionale degli oliveti;con questo fine elaborare un piano per aumentare le opportunità occupazionali per le popolazioni locali, promuovere l’economia locale e assicurare un’equa compensazione finanziaria agli agricoltori in quanto “custodi” della biodiversità, del paesaggio e la conoscenza tradizionale.

Le azioni previste sono, ad esempio: la creazione di percorsi formativi e turistici e l’organizzazione di pacchetti turistici; l’apertura di laboratori per la produzione di saponi e cosmetici, recuperare i sottoprodotti della produzione dell’olio.

Allegati

  1. Azioni C3 – Documentazione fotografica (allegata in formato elettronico nel DVD allegato al presente Final Report, nella cartella “Allegati_Azione_C3”).

Azione C.4       Restauro di fontanili e piccoli ambienti umidi

Data prevista di inizio:

4° trimestre 2013

Data effettiva di inizio:

18/11/2013

Data prevista di conclusione:

30/06/2014

Data effettiva di conclusione:

22/05/2014

Beneficiario responsabile

AAC

Stato di avanzamento:

Concluso, realizzato

 

 

 

Attività realizzate

Con Verbale prot. N. 790 in data 07/11/2013 e successivo Atto n. 28 in data 08/11/2013 la AAC ha affidato i lavori alla ditta Pastori costruzioni, che ha offerto il maggior ribasso (4,01%) nell’ambito delle tre offerte ricevute. L’Azione è stata quindi avviata a cura della DL con Verbale di consegna dei lavori, in data 18/11/2013. I lavori sono stati completati in data 22/05/2014, dopo la sospensione dovuta al ritrovamento degli ordigni bellici.

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Come per le altre azioni C, è stato necessario sospendere la attività per procedere alla bonifica degli ordigni bellici. In particolare il rinvenimento di numerosi ordigni nell’area denominata Scarpatosta, ha determinato l’annullamento della sistemazione dell’omonimo sentiero che conduceva al fontanile, a vantaggio di altri tratti di sentiero (Azione D5).

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

I lavori eseguiti sono consistiti nel recupero della funzionalità idraulica ed ecologica di 5 fontanili esistenti (2 in più di quanto previsto dal progetto finanziato), mediante gli interventi di seguito sinteticamente descritti:

  • interventi di restauro delle murature per assicurare la funzionalità idraulica delle vasche, nel rispetto delle tipologie costruttive tradizionali;
  • realizzazione di due rampe (interna ed esterna) in muratura di pietrame con pendenza tale da consentire l’accesso e soprattutto l’uscita dalle vasche da parte degli anfibi anche in condizione di non completo riempimento delle stesse;
  • realizzazione di una pavimentazione esterna in pietra per il miglior inserimento paesaggistico dei fontanili.

A valle di 3 dei 5 fontanili (quelli denominati “Molaccia”, “Pratini 2” e “Poggio Paradiso”) sono state inoltre realizzate delle piccole zone umide costituite da pozze di accumulo, delimitate da staccionate o pietrame ed alimentate con le acque in uscita dai fontanili oltre che da compluvi naturali, che costituiscono habitat idonei per anfibi e rettili. La superficie di ciascuna pozza, non superiore a 30 mq, è stata determinata da una specifica prescrizione  della Regione Lazio, nell’ambito della autorizzazione relativa alla Valutazione d’Incidenza Ecologica dell’intervento.

Prodotti Azione C.4

Previsti

Realizzati

Variazioni

Fontanili restaurati

3

5

+ 2

Realizzazione di pozze a valle dei fontanili

3

3

-

 

 

Attività da condurre dopo il termine del progetto

Gestione naturalistica dei fontanili e delle piccole zone umide a valle degli stessi: la pulizia dei fontanili sarà limitata e possibilmente evitata durante il periodo riproduttivo degli anfibi (febbraio-agosto);  gli interventi necessari per evitare l’interramento delle pozze dovranno essere effettuati nel periodo post-riproduttivo degli anfibi e lo scavo dovrà interessare solo parte della pozza per evitare di distruggere completamente la vegetazione.

Allegati

  1. Azioni C1, C4, C5, C6, D4, D5, D6, D9 - Documentazione fotografica dei lavori eseguiti (allegata in formato elettronico nel DVD allegato al presente Final Report, nella cartella “Allegati_Azioni_C1_C4_C5_C6_D4_D5_D6_D9_FOTO”).

Azione C.5       Bonifica e ricostruzione di muri a secco per la diversificazione degli habitat e il ripristino della continuità ecologica per i rettili

Data prevista di inizio:

4° trimestre 2013

Data effettiva di inizio:

04/11/2013

Data prevista di conclusione:

30/06/2014

Data effettiva di conclusione:

09/12/2014

Beneficiario responsabile

AAC

Stato di avanzamento:

Concluso, realizzato

 

 

 

Attività realizzate

L’Azione è stata realizzata in due fasi: la prima fase, nel periodo novembre 2013 – gennaio 2014 a cura del personale della AAC, costituito da 3 addetti (Sigg. Carlo Vincenzi, Mauro Giammaria, Ennio Carinci), con la esecuzione di 700 m ca. di muri a secco; la seconda fase, nel periodo novembre-dicembre 2014 da parte della ditta Baccelli Immobiliare s.r.l.  (ditta esecutrice delle attività dell’Azione C6), per 300 m ca. di muri, unitamente ad altre attività di completamento delle strade.

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Il ritardo della conclusione della Azione è stato determinato dalla decisione di affidare il completamento dell’azione (300 m di muri), dopo l’avvenuta bonifica delle aree, alla stessa ditta esecutrice delle strade (Azione C6) nell’ambito dei lavori di completamento da questa eseguiti nel periodo 14/11/2014 – 09/12/2014, per l’intervenuta indisponibilità delle maestranze della AAC in tale periodo.

In alcuni tratti le lavorazioni sono state inoltre rallentate dalla contemporanea esecuzione, sugli stessi allineamenti, delle lavorazioni previste per la realizzazione delle recinzioni.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

Complessivamente sono stati realizzati 1.000 m di muri a secco, come previsto dal progetto.. La contemporanea attività di realizzazione delle recinzioni (“chiudende” perimetrali) sugli stessi tratti ha permesso il coordinamento tra le due attività ed il loro ottimale inserimento ambientale, che in alcuni casi ha permesso la salvaguardia di siepi ed arbusti preesistenti.

Prodotti Azione C.5

Previsti

Realizzati

Variazioni

Bonifica e ricostruzione di muri a secco

1.000 m

1.000 m

-

 

 

Attività da condurre dopo il termine del progetto

Manutenzione dei muri a secco: ripristino delle parti di muri danneggiati dagli animali pascolanti.

Allegati

  1. Azioni C1, C4, C5, C6, D4, D5, D6, D9 - Documentazione fotografica dei lavori eseguiti (allegata in formato elettronico nel DVD allegato al presente Final Report, nella cartella “Allegati_Azioni_C1_C4_C5_C6_D4_D5_D6_D9_FOTO”).

Azione C.6       Riqualificazione della rete di strade rurali per la gestione del territorio e la fruizione

Data prevista di inizio:

4° trimestre 2013

Data effettiva di inizio:

11/11/2013

Data prevista di conclusione:

30/09/2014

Data effettiva di conclusione:

09/12/2014

Beneficiario responsabile

AAC

Stato di avanzamento:

Concluso, realizzato

 

 

 

Attività realizzate

Con Determinazione n. 181 del 10/09/2013 la AAC ha adottato la determinazione di procedere alla individuazione della ditta esecutrice dei lavori con procedura negoziata ed affidamento mediante il criterio del prezzo più basso, ai sensi dell’art. 82 lett a) del D.lgs n. 163/2006. L’aggiudicazione è avvenuta in data 25/09/2013 alla ditta Baccelli Immobiliare S.r.l. che ha offerto il maggior ribasso (37,51%) nell’ambito delle quattro offerte ricevute

L’Azione è stata avviata in seguito all’affidamento dei lavori alla ditta Baccelli Immobiliare Srl con Determinazione n. 211 del 06/11/2013 ed alla successiva redazione del Verbale di consegna dei lavori, in data 11/11/2013, a cura della DL, a seguito della Determinazione della AAC n. 212 del 06/11/2013 che autorizzava la “consegna anticipata sotto riserva di legge”. In data 12/12/2013 è stato stipulato il contratto tra l’AAC e la suddetta impresa esecutrice dei lavori. Si anticipa che la stessa ditta è  coinvolta, con lo stesso contratto, nella realizzazione delle attività di cui alla Azione D.4 e,  con successiva Determina n. 200 in data 23/09/2014, anche nella realizzazione della Azione D.5.

I lavori sono effettivamente iniziati nel mese di novembre 2013, sono proseguiti nel 2014 con una sospensione dal 16/01/2014 al 29/04/2014 per la bonifica delle aree da ordigni bellici e sono terminati in data 15/07/2014 per quanto riguarda i lavori del Progetto principale ed in data 21/10/2014 per quanto riguarda il successivo Progetto di completamento.

Nel luglio 2014 la DL ha elaborato una Perizia di variante, approvata con Atto di sottomissione in data 09/07/2014, resasi necessaria per apportare migliorie tecniche allo strato di fondazione della strada nei tratti maggiormente critici.

Con Determinazione n. 200 del 23/09/2014 la AAC ha inoltre affidato alla Baccelli Immobiliare s.r.l. la realizzazione di un Progetto di completamento, comprendente in particolare l’esecuzione di ulteriori tratti di strada per  una lunghezza stimata di 1.420 m,  e di sistemazione di sentieri nell’area di progetto per circa 2.000 m, comprese le opere accessorie necessarie alla loro regolare realizzazione. I lavori relativi a tale progetto sono stati eseguiti dal 23/09/2014 al 21/10/2014.

Nel periodo dal 14/11/2014 al 09/12/2014 la stessa ditta ha infine eseguito ulteriori lavori di completamento su alcuni tratti stradali, consistenti in interventi di ricarica del fondo e di realizzazione di tratti di selciato in corrispondenza di fossi e compluvi.

I costi relativi a tali ulteriori opere sono comunque contenuti nel budget dell’azione e sono stati recuperati dal ribasso di gara della ditta esecutrice.

Per due tratti stradali, situati in zona a rischio frana, è stato necessario predisporre una Relazione Geologica, che è stata elaborata nel dicembre 2013 dal Dott. Geol. Vincenzo Sciuto (allegato “Relazione geologica”). Il costo di tale attività è stato ricompreso nel budget dell’Azione C6.

Nel budget di questa azione sono stati inoltre ricompresi tutti gli oneri che si sono resi necessari per l’attività di bonifica degli ordigni bellici, che, come già specificato (cfr. Azione C.1), ha riguardato la totalità delle aree interessate dagli interventi di questa e delle altre azioni che hanno comportato scavi ed infissioni di pali nel terreno.

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Il ritardo nella conclusione della Azione è stato determinato, soprattutto ed inizialmente, dal rinvenimento nelle aree di intervento di ordigni esplosivi residuati bellici, che ha comportato la necessità della loro bonifica preventiva al proseguimento dei lavori, preceduta dalle prescritte autorizzazioni di competenza delle autorità militari, come descritto nell’ambito dell’Azione C.1. L’ulteriore ritardo nel termine dell’azione, dal 30/09/2014 al 09/12/2014 è stato determinato essenzialmente  dall’incremento delle opere realizzate rispetto a quanto previsto; tali opere sono state affidate nel settembre 2014 alla stessa ditta esecutrice con un Progetto di completamento e portate a termine entro il 21/10/2014; la stessa ditta ha eseguito sulle strade ulteriori interventi di rifinitura, terminati in data 09/12/2014. Si sottolinea comunque che i lavori relativi al Progetto principale sono stati completati in data 15/07/2014, in coerenza con le previsioni.

Nel primo periodo di realizzazione degli interventi (novembre 2013 – gennaio 2014), caratterizzato da copiose piogge, le lavorazioni sono state inoltre rallentate ed ostacolate dalla formazione di estese zone fangose lungo le strade, che rischiavano inoltre di impedire il transito degli allevatori per la cura ed alimentazione del bestiame. Per tali motivi si era deciso di evitare la sospensione dei lavori e di proseguire quindi l’esecuzione delle lavorazioni, modificandole in modo da assicurare il transito “di necessità” lungo le strade di fondovalle del Fosso Marangone; di tale circostanza si è tenuto conto nella redazione della Perizia di variante già descritta.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

L’azione è consistita nella riqualificazione delle strade rurali presenti, prima sconnesse e non accessibili, le quali sono ora pienamente percorribili con mezzi motorizzati ma soprattutto possono essere percorse in sicurezza dal pubblico a piedi, in mountain bike e a cavallo. In particolare sono stati riqualificati complessivamente circa 8.100 m di strade rurali (molti di più rispetto ai 4.500 m inizialmente previsti). Sono state inoltre realizzate 5 aree di parcheggio (anziché l’unica prevista inizialmente), più piccole (1.200 mq anziché i 4.000 mq previsti) ma utilmente dislocate in diverse parti del territorio, dove i veicoli a motore possono essere lasciati per proseguire con modalità più ecologiche. Tale intervento ha conseguito il risultato che l’area è ora pienamente accessibile: al pubblico, per una fruizione sostenibile e guidata, ai soci dell’AAC, per la prosecuzione delle attività di manutenzione ordinaria delle strutture e di cura degli uliveti e dei pascoli, agli eventuali mezzi di controllo (Corpo forestale dello Sato) e di soccorso, soprattutto in caso di incendio, il cui rischio nell’area è particolarmente elevato per la vicinanza di zone abitate.

Prodotti Azione C.6

Previsti

Realizzati

Variazioni

Riqualificazione delle strade rurali

4.500 m

8.100 m

+ 3.600 m

Aree parcheggio

1

5

+ 4

Superficie parcheggi

4.000 mq

1.200 mq

- 2.800 mq

 

 

 

Attività da condurre dopo il termine del progetto

Manutenzione periodica ordinaria delle strade rurali; comprende: pulizia delle canalette taglia-acqua, pulizia dei tombini e delle canalette laterali, ricarica di buche ed avvallamenti con mezzi manuali.

Manutenzione straordinaria delle strade rurali; comprende: ricarica dei tratti soggetti ad infangamento ed erosione per maggiore pendenza od altro, livellamento dei tratti sconnessi, realizzazione di canalette laterali e trasversali (taglia-acqua), realizzazione di piccole opere per la gestione delle acque meteoriche.

Allegati

  1. Azioni C1, C4, C5, C6, D4, D5, D6, D9 - Documentazione fotografica dei lavori eseguiti (allegata in formato elettronico nel DVD allegato al presente Final Report, nella cartella “Allegati_Azioni_C1_C4_C5_C6_D4_D5_D6_D9_FOTO”).
  2. Relazione geologica (allegata in formato elettronico nel DVD allegato al presente Final Report, nella cartella “Allegati_Azione_C6”).

 

5. 2    Dissemination actions

5.2.1 Objectives

Il progetto LIFE Val.Ma.Co. ha interessato, come illustrato in precedenza, aree particolarmente delicate, con elevate potenzialità naturalistiche ma a ridosso di zone urbane ad elevata frequentazione, pertanto particolarmente soggette a fenomeni di disturbo.

Nello specifico l’area della Valle del Marangone interessata dal progetto coinvolge terreni dell’Associazione Agraria di Civitavecchia, beneficiario del progetto: ciò ha pertanto costituito un notevole punto di forza, non solo nell’ambito dello svolgimento delle attività  del LIFE, ma soprattutto in vista del mantenimento di quanto realizzato al di la dei limiti temporali del progetto stesso, attraverso la messa in atto di buone pratiche di gestione del territorio da parte dei soci.

Per garantire tale gestione sostenibile, la maggior parte delle attività di disseminazione e diffusione dei risultati si sono pertanto rivolte ai principali fruitori del sito: i soci dell’AAC, ma anche la popolazione di Civitavecchia e Santa Marinella, le scuole, gli altri enti pubblici che gestiscono terreni pubblici direttamente o affidandosi a privati nei siti Natura 2000. I principali obiettivi delle attività di disseminazione sono stati quelli di sensibilizzare i soci dell’AAC e la popolazione locale, diffondendo il più possibile le informazioni sui valori naturali presenti nel territorio, le principali fonti di disturbo, le potenzialità legate ad una gestione sostenibile dell’area.

Grazie alle attività di disseminazione, i soci e la popolazione coinvolta hanno appreso con interesse le informazioni sui valori naturali del territorio, soprattutto perché la Valle del Marangone è un’area molto frequentata, ed hanno mostrato una notevole partecipazione alle iniziative previste dal progetto, proponendo suggerimenti per la realizzazione del Piano agrosilvopastorale, per l’adozione di buone pratiche agricole, per la gestione del territorio. Le attività di sistemazione della viabilità e realizzazione di aree di soste e itinerari naturalistici in particolare hanno suscitato l’interesse di tutti i fruitori del sito, la cui frequentazione è andata aumentando nell’arco della durata del progetto, soprattutto successivamente al completamento delle strutture di fruizione, contribuendo al processo di disseminazione.

5.2.2 Dissemination: overview per activity

Azione D.1       Organizzazione di eventi pubblici informativi sul progetto LIFE

Data prevista di inizio:

1° trimestre 2013

Data effettiva di inizio:

01/11/2014

Data prevista di conclusione:

31/12/2014

Data effettiva di conclusione:

13/12/2014

Beneficiario responsabile

AAC

Stato di avanzamento:

Concluso

 

 

 

Attività realizzate

L’azione ha previsto la realizzazione di un evento iniziale di presentazione del progetto, con il coinvolgimento di tutti i partners e dei rappresentanti delle istituzioni (Comuni del territorio, Provincia, Regione, Parlamento Europeo), tenuto nell'Aula Consiliare del Comune di Civitavecchia il 27 gennaio 2012. Al convegno sono stati invitati tutti i soci dell'AAC. In occasione di tale evento sono stati realizzati e presentati due documenti in Power Point (proiettati durante il convegno): il primo di sintesi delle attività che sarebbero state realizzate nel corso del progetto; il secondo riportante le criticità ambientali del territorio, le specie da proteggere, lo stato dell'arte all’inizio del progetto, le valenze del piano di riqualificazione. E' stata prodotta una documentazione fotografica a sostegno della presentazione dei due documenti.

L’evento finale dedicato ai soci, a conclusione del progetto, si è tenuto in data 13/12/2014, alle ore 17,00, presso la sala Martin Luther King di Civitavecchia. Data la stagione avversa, si è scelto di tenere l’evento in una sala al chiuso, tuttavia l’utilizzo di presentazioni PowerPoint ha permesso di illustrare le valenze naturalistiche del progetto, lo stato ante-operam ed i principali risultati conseguiti.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

-       Evento iniziale di presentazione del progetto, in data 27/01/2012, presso l'Aula Consiliare del Comune di Civitavecchia;

-       Evento conclusivo di progetto, in data 13/12/2014, presso la sala Martin Luther King di Civitavecchia (Via Bernini, 40)

-       DVD “Video del convegno di presentazione del progetto – 27 gennaio 2012 – Aula Pucci, Civitavecchia” (allegato al presente Final Report)

-       Presentazione TEMI per l’evento iniziale di presentazione del progetto (già consegnata come allegato all’Inception Report di maggio 2012)

-       Presentazione TEMI per l’evento conclusivo del progetto (allegata in formato elettronico al presente FINAL Report; cartella “Allegati_Azione_D1_eventi”)

-       Presentazione Gesam per l’evento conclusivo del progetto (allegata in formato elettronico al presente FINAL Report; cartella “Allegati_Azione_D1_eventi”);

-       Foto dell’evento conclusivo di progetto, in data 13/12/2014;

-       Manifesti e rassegna stampa (allegato in formato cartaceo ed elettronico, cartella “Manifesti_rassegna_stampa”).

Prodotto

Consegna della versione definitiva

Presentazione PowerPoint del Convegno di presentazione del progetto del 27/01/2012

Inception Report del 31/05/2012

Manifesto del Convegno di presentazione del progetto del 27/01/2012

Inception Report del 31/05/2012

Invito al Convegno di presentazione del progetto del 27/01/2012

Inception Report del 31/05/2012

DVD “Video del convegno di presentazione del progetto – 27 gennaio 2012 – Aula Pucci, Civitavecchia”

Allegato al presente FINAL Report (DVD a parte)

Presentazione PowerPoint di TEMI per il Convegno conclusivo del progetto del 13/12/2014

Allegato al presente FINAL Report (cartella “Allegati_Azione_D1_eventi”)

Presentazione PowerPoint di GESAM per il Convegno conclusivo del progetto del 13/12/2014

Allegato al presente FINAL Report (cartella “Allegati_Azione_D1_eventi”)

Foto dell’evento conclusivo di progetto, in data 13/12/2014

Allegato al presente FINAL Report (cartella “Allegati_Azione_D1_eventi”)

Manifesti e rassegna stampa

Allegato al presente FINAL Report (cartella “Manifesti_rassegna_stampa”).

 

Attività da condurre nel prossimo periodo: obiettivi da raggiungere e risultati attesi

Nessuna

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Gli effetti del ritardo di realizzazione delle azioni strutturali, che hanno visto slittare i tempi di realizzazione delle opere, hanno comportato lo slittamento degli eventi pubblici nel 2014, che dovevano tenersi in primavera ed alla conclusione del Progetto.

L’evento primaverile prevedeva anche l’uscita sulle aree di progetto, tuttavia tali aree sono risultate non accessibili nel periodo dal 16/01/2014 al 25/05/2014 per la bonifica da ordigni bellici: la presenza dei cantieri, per ovvi motivi di sicurezza e per l’incompletezza delle infrastrutture di fruizione, ha impedito di svolgere le attività nella bella stagione e quindi con le condizioni climatiche adatte. Per questo motivo, si è scelto di inserire, nella presentazione PowerPoint realizzata per l’evento, una sezione espressamente dedicata ad illustrare i pregi naturalistici dell’area, in modo da poter informare i soci sul valore ecologico della Valle del Marangone.

 

Azione D.2       Realizzazione e distribuzione di un depliant informativo sul progetto LIFE e sulle modalità di gestione e di fruizione del Sito Natura 2000

Data prevista di inizio:

01/01/2012

Data effettiva di inizio:

05/10/2011

Data prevista di conclusione:

31/03/2014

Data effettiva di conclusione:

31/12/2014

Beneficiario responsabile

AAC

Stato di avanzamento:

Concluso

 

 

 

Attività realizzate

Sono stati stampati tutti i 15.000 depliant in formato A4 (depliant composto da 6 pagine a colori), come previsto dal progetto. L’Azione, data sua la natura finalizzata alla disseminazione del progetto, è proseguita per tutta la durata del progetto, con la Consegna dei depliant ai soci in sede e la loro distribuzione presso gli uffici comunali ed i negozi del centro cittadino.

Si riporta di seguito la lista di distribuzione del depliant informativo:

-       1.400 copie distribuite ai soci;

-       1.000 copie distribuite presso l’AAC ai visitatori (non soci);

-       5.000 copie distribuite presso i negozi;

-       1.500 copie distribuite nelle scuole nell’ambito delle attività dell’azione D12;

-       3.000 copie distribuite in occasione degli incontri pubblici;

-       20 copie distribuite attraverso le attività di networking (Azione E6).

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Nessuna problematica incontrata. Nessuna ricaduta negativa sulle altre azioni del progetto.

Attività da condurre dopo il termine del progetto

Proseguiranno le consegne dei depliant rimasti presso i soci ed i visitatori dell’AAC che ne faranno richiesta.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

Depliant a colori a 6 pagine (consegnato allegato all’Inception Report di maggio 2012, si allega nuovamente al presente Final Report, in formato cartaceo ed elettronico; cartella del DVD allegato “Allegati_Azione_D2”).

 

Azione D.3       Redazione di un protocollo e di un manuale di gestione sostenibile delle attività agro-silvo-pastorali per i soci dell’AAC

Data prevista di inizio:

01/10/2012

Data effettiva di inizio:

01/11/2013

Data prevista di conclusione:

30/06/2014

Data effettiva di conclusione:

30/06/2014

Beneficiario responsabile

AAC

Stato di avanzamento:

Concluso

 

 

 

Attività realizzate

Sono stati realizzati il protocollo ed il manuale di gestione sostenibile, integrando quanto emerso dalle discussioni avvenute con i soci nell’ambito della redazione del Piano agro-silvo-pastorale (Azione A3); in linea generale non sono emerse criticità, anzi i soci si sono mostrati attivamente interessati al progetto.

Il manuale di gestione sostenibile ed il protocollo di gestione sono stati distribuiti come segue:

-          700 distribuite ai soci;

-          200 copie distribuite presso l’AAC ai visitatori (non soci);

-          800 copie distribuite presso i negozi;

-          500 copie distribuite in occasione degli incontri pubblici.

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Nessuna problematica incontrata.

Attività da condurre dopo il termine del progetto

Sottoscrizione di protocolli da parte dei soci dell’AAC.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

I prodotti definitivi realizzati, elencati di seguito, sono allegati in formato cartaceo ed elettronico nel DVD allegato al presente Final Report (cartella “Prodotti_Azione_D3_Manuale_protocollo_ gestione”).

  1. Protocollo di gestione sostenibile;
  2. Manuale di gestione sostenibile, in formato A4;
  3. Manuale di gestione sostenibile, in formato depliant a colori a 6 pagine.

 

Azione D.4       Realizzazione di itinerario naturalistico e di un’area di sosta attrezzati per la valorizzazione turistica dell’area e la sensibilizzazione del pubblico

Data prevista di inizio:

4° trimestre 2013

Data effettiva di inizio:

22/10/2013

Data prevista di conclusione:

30/09/2014

Data effettiva di conclusione:

16/12/2014

Beneficiario responsabile

AAC

Stato di avanzamento:

Concluso, realizzato

 

 

 

Attività realizzate

L’Azione è stata avviata in seguito all’affidamento dei lavori alle ditte Baccelli Immobiliare S.r.l. per la parte relativa alla sistemazione del fondo stradale dell’itinerario (vedi Azione C.6), ed alla ditta Daniel Plants s.a.s. per l’installazione degli arredi (vedi Azione C.1). I lavori sono effettivamente iniziati dopo il 22 ottobre 2013 per la parte relativa alla realizzazione delle aree di sosta dei visitatori e dopo l’11 novembre 2013 per le sistemazione del fondo stradale; gli stessi sono terminati in data 15/07/2014 per quanto riguarda la sistemazione del fondo stradale ed in data 16/12/2014 per quanto riguarda l’installazione degli arredi.

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Ricorre quando descritto a proposito delle azioni C1 e C6.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

E’ stato realizzato un itinerario naturalistico, della lunghezza di 2.300 m, lungo il corso del Fosso Marangone, tra le località Molaccia e Pratini, che comprende anche 6 aree di sosta per visitatori ed i seguenti arredi: due tettoie, un capanno per l’osservazione della fauna, tre postazioni per l’osservazione dei rapaci (costituite ciascuna da due panche di pietra), 20 tavoli da pic-nic, 10 punti fuoco in pietrame, 651 m di recinzioni “maremmana” per la delimitazione delle aree di sosta per visitatori. La tettoia istallata nell’area-visitatori della Molaccia è stata attrezzata con i pannelli didattici previsti dall’Azione D.6.

Prodotti Azione D.4

Previsti

Realizzati

Variazioni

Itinerario naturalistico

2.500 m

2.300 m

- 200 m

Aree di sosta attrezzata

1

6

+ 5

Tettoie

1

2

+ 1

Postazione birdwatching

2

4

 + 2

Tavoli pic-nic

8

20

+ 12

Recinzione aree visitatori

400 m

651

+ 251 m

Punti fuoco

5

10

+ 5

 

 

 

 

 

Attività da condurre dopo il termine del progetto

Per quanto riguarda il percorso stradale: vedi Azione C.6.

Per quanto riguarda le aree visitatori: dovranno essere mantenute chiuse dalle recinzioni in legno e non pascolate; dovranno inoltre essere sfalciate raramente ed in modo tale da permettere il raggiungimento della maturità delle specie erbacee e favorirne quindi la disseminazione all’esterno delle aree stesse. Le strutture e gli arredi in legno dovranno essere periodicamente trattati con vernici protettive da esterno e riparate nel caso di rotture o manomissioni.

Allegati

  1. Azioni C1, C4, C5, C6, D4, D5, D6, D9 - Documentazione fotografica dei lavori eseguiti (allegata in formato elettronico nel DVD allegato al presente Final Report, nella cartella “Allegati_Azioni_C1_C4_C5_C6_D4_D5_D6_D9_FOTO”).

 

Azione D.5       Realizzazione di sentieristica per l’escursionismo e la gestione delle aree di uliveto

Data prevista di inizio:

4° trimestre 2013

Data effettiva di inizio:

23/09/2014

Data prevista di conclusione:

30/09/2014

Data effettiva di conclusione:

21/10/2014

Beneficiario responsabile

AAC

Stato di avanzamento:

Concluso, realizzato

 

 

 

Attività realizzate

L’Azione è stata avviata in seguito all’affidamento dei lavori alla ditta Baccelli Immobiliare Srl  con Determina di affidamento n. 200 in data 23/09/2014 (Progetto di completamento). I lavori sono iniziati in data 23/09/2014 e sono terminati in data 21/10/2014.

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Il ritardo nella attivazione e quindi nella conclusione della Azione è conseguenza dei ritardi accumulati nella realizzazione delle altre azioni affidate alla stessa ditta, come già più volte descritto.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

Sono stati sistemati circa 2.600 m di sentieri esistenti, così suddivisi: un primo percorso, della lunghezza di 1.100 m dal Puntone della Molaccia al Fosso del Lauro; un secondo percorso, della lunghezza di circa 1.500 m dalla piana della Molaccia verso il Monte Paradiso,  L’attività ha compreso lo sfalcio della vegetazione lungo il percorso, lo spietramento, la realizzazione di gradini in pietra a secco.

Prodotti Azione D.5

Previsti

Realizzati

Variazioni

Ripristino sentieri

2.600 m

2.600 m

-

 

 

Attività da condurre dopo il termine del progetto

La manutenzione periodica dei sentieri, comprende: revisione generale del tracciato e del fondo, assestamento, decespugliamento e potatura laterale, revisione della segnaletica

Allegati

  1. Azioni C1, C4, C5, C6, D4, D5, D6, D9 - Documentazione fotografica dei lavori eseguiti (allegata in formato elettronico nel DVD allegato al presente Final Report, nella cartella “Allegati_Azioni_C1_C4_C5_C6_D4_D5_D6_D9_FOTO”).

 

Azione D.6       Istallazione di pannellistica didattica e di segnaletica per la fruizione naturalistica

Data prevista di inizio:

4° trimestre 2013

Data effettiva di inizio:

22/10/2013

Data prevista di conclusione:

30/09/2014

Data effettiva di conclusione:

16/12/2014

Beneficiario responsabile

AAC

Stato di avanzamento:

Concluso, realizzato

 

 

 

Attività realizzate

L’Azione è stata avviata in seguito all’affidamento dei lavori alla ditta Daniel Plants s.a.s. ed alla successiva redazione del Verbale di consegna dei lavori, in data 22/10/2013, a cura della DL. In data 12/12/2013 è stato stipulato il contratto tra l’AAC e la suddetta impresa esecutrice dei lavori. I relativi lavori sono terminati in data 16/12/2014.

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Il ritardo nella attivazione e quindi nella conclusione della Azione è conseguenza dei ritardi accumulati nella realizzazione delle altre azioni affidate alla stessa ditta, come già più volte descritto.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

Sono stati realizzati ed istallati tutti gli elementi previsti e progettati nell’ambito dell’Azione A.4, ad eccezione delle frecce direzionali stradali, considerate oramai superflue, data la acquisita notorietà dell’area

Prodotti Azione D.6

Previsti

Realizzati

Variazioni

Cartelli informativi

9

9

-

Pannelli didattici “a leggio”

30

30

-

Discovery box

2

2

-

Pannelli didattici per mostra area attrezzata

10

10

-

Frecce direzionali interne all’area

26

26

-

Frecce direzionali stradali

4

-

- 4

 

 

 

 

Attività da condurre dopo il termine del progetto

Revisione e riparazione delle strutture in legno, sostituzione dei pannelli deteriorati.

Allegati

  1. Azioni C1, C4, C5, C6, D4, D5, D6, D9 - Documentazione fotografica dei lavori eseguiti (allegata in formato elettronico nel DVD allegato al presente Final Report, nella cartella “Allegati_Azioni_C1_C4_C5_C6_D4_D5_D6_D9_FOTO”).

 

Azione D.7       Elaborazione di un Layman’s report del Progetto LIFE

Data prevista di inizio:

1° trimestre 2014

Data effettiva di inizio:

01/10/2014

Data prevista di conclusione:

30/09/2014

Data effettiva di conclusione:

30/11/2014

Beneficiario responsabile

TEMI

Stato di avanzamento:

Concluso

 

 

 

Attività realizzate

Al termine del progetto, come previsto dall’azione, è stato prodotto il Layman’s Report, in formato A4, in italiano ed inglese (con testo a fronte). Il documento è stato distribuito presso l’AAC, ai soci ed ai visitatori che ne hanno fatto richiesta.

Come previsto, il costo dell’azione non è imputato al progetto.

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Nessuna problematica incontrata. Nessun effetto negativo sulle altre azioni di progetto.

Il Layman’s Report, come previsto dal progetto LIFE, è stato realizzato allo scopo di diffondere i risultati di progetto, per questo motivo è stato realizzato come ultima attività, successivamente alla conclusione delle azioni concrete di progetto. Lo slittamento rispetto a quanto previsto dal crono programma iniziale pertanto non è legato a specifiche problematiche incontrate, ma è legato alla natura stessa dell’azione, consequenziale rispetto alla realizzazione di tutte le altre attività

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

  1. Layman’s Report, in formato A4, in italiano ed inglese (con testo a fronte) (allegato in formato cartaceo ed elettronico nel DVD allegato al presente Final Report, nella cartella “Prodotti_Azione_D7_LaymansReport”).

Attività da condurre nel prossimo periodo: obiettivi da raggiungere e risultati attesi

Nessuna.

 

Azione D.8       Elaborazione di un Piano di conservazione After LIFE

Data prevista di inizio:

3°trimestre 2013

Data effettiva di inizio:

15/06/2014

Data prevista di conclusione:

30/09/2014

Data effettiva di conclusione:

30/09/2014

Beneficiario responsabile

AAC

Stato di avanzamento:

Concluso

 

 

 

Attività realizzate

È stato realizzato il Piano After LIFE, contenente le indicazioni gestionali e sulle possibili fonti di finanziamento disponibili per la prosecuzione ed il mantenimento delle opere realizzate nel corso del progetto.

Come previsto, il costo dell’azione non è imputato al progetto.

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Nessuna.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

  1. Piano After Life, in formato A4, in italiano ed inglese (allegato in formato cartaceo ed elettronico nel DVD allegato al presente Final Report, nella cartella “Prodotti_Azione_D8_PianoAfterLIFE”)

Attività da condurre nel prossimo periodo: obiettivi da raggiungere e risultati attesi

Nessuna.

Azione D.9       Produzione di pannelli informativi sui lavori in corso

Data prevista di inizio:

1° trimestre 2013

Data effettiva di inizio:

01/11/2013

Data prevista di conclusione:

30/09/2014

Data effettiva di conclusione:

16/12/2014

Beneficiario responsabile

AAC

Stato di avanzamento:

Concluso, realizzato

 

 

 

Attività realizzate

Questa azione è stata avviata in concomitanza con l’inizio dei lavori. Sono stati installati pannelli informativi sui lavori in corso, con logo LIFE e Natura 2000, per la realizzazione degli interventi afferenti alle Azioni di tipo C.

Sulle opere realizzate è stata apposta una targhetta, anch’essa con logo LIFE e Natura 2000, per indicare che l’opera è stata realizzata nell’ambito del progetto LIFE Val.Ma.Co.

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Nessuna problematica incontrata. Nessuna ricaduta negativa sulle altre azioni del progetto.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

Pannelli informativi sui lavori in corso, con logo LIFE e Natura 2000.

Targhetta apposta sulle opere realizzate, con logo LIFE e Natura 2000.

Attività da condurre nel prossimo periodo: obiettivi da raggiungere e risultati attesi

Nessuna.

Allegati

  1. Azioni C1, C4, C5, C6, D4, D5, D6, D9 - Documentazione fotografica dei lavori eseguiti (allegata in formato elettronico nel DVD allegato al presente Final Report, nella cartella “Allegati_Azioni_C1_C4_C5_C6_D4_D5_D6_D9_FOTO”);
  2. Grafica del pannello sui lavori (allegata in formato elettronico nel DVD allegato al presente Final Report, nella cartella “Allegati_Azione_D9”);
  3. Grafica della targhetta apposta sulle opere (allegata in formato elettronico nel DVD allegato al presente Final Report, nella cartella “Allegati_Azione_D9”).



Azione D.10     Attivazione di un sito Internet dedicato al progetto LIFE

Data prevista di inizio:

01/09/2011

Data effettiva di inizio:

04/10/2011

Data prevista di conclusione:

30/06/2012

Data effettiva di conclusione:

30/06/2012

Beneficiario responsabile

AAC

Stato di avanzamento:

Concluso

 

 

 

Attività realizzate

È stato realizzato il sito web di progetto, in italiano ed inglese, contenente le principali informazioni sul progetto, la mappa dell’area, i report periodici sull’andamento del progetto, i principali elaborati realizzati, una galleria fotografica sulle azioni realizzate.

L’attività di integrazione successiva alla realizzazione del sito è stata svolta dal Project Manager, a costo zero, interfacciandosi con il gestore del sito.

Il dominio del sito sarà mantenuto per i prossimi cinque anni, in modo da acquisire anche le informazioni e gli aggiornamenti relativi alle attività After-LIFE.

Nell’arco della durata del progetto sono stati registrati circa 520 accessi al sito; si segnala inoltre che sono state effettuate anche circa 300 visualizzazioni della sezione dedicata al progetto LIFE Val.Ma.Co. sul portale www.civonline.it.

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Il sito web è stato realizzato entro i termini previsti dal progetto, tuttavia gli aggiornamenti sono proseguiti per tutta la durata del progetto, al fine di seguire gli sviluppi del progetto LIFE.

Attività da condurre dopo il termine del progetto

Inserimento di eventuali aggiornamenti sulle attività successive al progetto.

Prodotti realizzati

Sito web (http://www.lifeagraria.it/ - http://www.lifeagraria.eu/);

Si allegano al presente Final Report anche i banner realizzati per il portale www.civonline.it, in formato cartaceo ed elettronico (cartella ”Manifesti_rassegna_stampa” del DVD allegato al Final Report).

 

Azione D.11     Elaborazione di un CD-ROM del Progetto LIFE

Data prevista di inizio:

4° trimestre 2013

Data effettiva di inizio:

01/09/2014

Data prevista di conclusione:

30/09/2014

Data effettiva di conclusione:

31/12/2014

Beneficiario responsabile

AAC

Stato di avanzamento:

Concluso, realizzato

 

 

 

Attività realizzate

È stato prodotto un DVD in 500 copie, contenente dati relativi alla Rete Natura 2000, i principali elaborati del progetto LIFE, un filmato di promozione del progetto e delle azioni realizzate, con sottotitoli in inglese. Il DVD prodotto è stato distribuito presso i soci ed i visitatori dell’AAC.

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Il ritardo della conclusione della Azione è stato determinato soprattutto dal rinvenimento nel gennaio 2014, nelle aree di intervento, di ordigni esplosivi residuati bellici, che ha comportato la sospensione di tutte le azioni sul terreno per motivi di sicurezza. La produzione del filmato è stata pertanto finalizzata successivamente alla conclusione dei lavori relativi alla viabilità interna al sito.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

DVD del Progetto LIFE, in 500 copie.

Attività da condurre dopo il termine del progetto

Nessuna.

Allegati

DVD del Progetto LIFE.

 

Azione D.12     Programma di sensibilizzazione ambientale per le scuole elementari e medie inferiori di Civitavecchia

Data prevista di inizio:

01/07/2012

Data effettiva di inizio:

01/07/2012

Data prevista di conclusione:

31/03/2014

Data effettiva di conclusione:

30/11/2014

Beneficiario responsabile

GESAM

Stato di avanzamento:

Concluso

 

 

 

Attività realizzate

L’attività educativa nelle scuole e accolta dalle scuole in seguito elencate, si è sviluppata in tutte le sue parti in modo ottimale. La finalità : educare gli studenti al rispetto del territorio della Valle del Marangone, è stata raggiunta grazie all’interesse suscitato durante gli incontri.

Le  scuole coinvolte hanno risposto benissimo a tutti gli incontri didattici ed educativi previsti nel piano proposto nelle modalità e nei tempi. Infatti, l’attività è iniziata a luglio 2012 e si è conclusa a novembre 2014. I destinatari delle scuole del Comune di Civitavecchia e di Santa Marinella, sono stati i seguenti: Studenti delle scuole primarie di 2° grado.

 

Scuola Elementare Don Milani di Civitavecchia, erano presenti all’incontro con 14 classi e accompagnati dai rispettivi docenti

Scuola Elementare Borgata Aurelia di Civitavecchia erano presenti con 4 classi e accompagnati dai rispettivi docenti

Scuola Elementare Renato Posata di Civitavecchia erano presenti con 2 classi e accompagnati dai rispettivi docenti

Scuola Elementare Galice di Civitavecchia erano presenti con 4 classi e accompagnati dai rispettivi docenti

Scuola Elementare Renato Posata di Civitavecchia erano presenti con 2 classi e accompagnati dai rispettivi docenti

Scuola elementare Sede Centrale di Santa Marinella erano presenti con 6 classi e accompagnati dai rispettivi docenti

Scuola elementare Pirgus di Santa Marinella erano presenti con 4 classi e accompagnati dai rispettivi docenti

Per un totale di studenti coinvolti oltre le 700 unità.

I Dirigenti Scolastici tutti sono stati presenti e interessati all’Azione, perché hanno ritenuto importante per le scuole far conoscere le peculiarità del proprio territorio e sensibilizzare le nuove generazioni al rispetto dell’ambiente, che già fa parte del dovere civico delle scuole. Infatti, il programma LIFE07NAT/IT/000247 “La Valle del Marangone, un territorio da difendere e da vivere: conservazione dell’avifauna nell’area nord-ovest della ZPS IT6030005VAL.MA.CO.” ha lo scopo di informare e sensibilizzare, di formare e di educare le generazioni future alla conoscenza e al rispetto del proprio territorio. Pertanto, in questa azione educativa le scuole hanno un ruolo fondamentale, in quanto soggetti divulgatori tramite gli alunni verso le famiglie, generatrici di comunità locali. Queste ultime non sempre informate sull’esistenza di patrimoni ambientali presenti nei luoghi in cui loro stesse vivono e per ignoranza mettono a rischio gli habitat naturali .E proprio la necessità di trovare il difficile equilibrio tra salvaguardia degli habitat di pregio e libera fruizione di queste aree ha stimolato ancora di più un progetto di educazione ambientale come questo, che ha consentito sicuramente di accrescere la consapevolezza civica di ognuno e quella istituzionale nel vivere quotidiano. Affiancare l’agire individuale all’azione di salvaguardia istituzionale può rivelarsi in futuro una scelta vincente nel quotidiano sforzo di preservare quanto di bello e fragile la natura ed il tempo hanno saputo regalarci.

Per tutte queste motivazioni, possiamo concludere che gli OBIETTIVI proposti inizialmente sono stati raggiunti nella completezza dell’azione; infatti, i gruppi scolastici e la scuola tutta, sono stati coinvolti, comprese le famiglie, attraverso la consegna del quaderno didattico, dato anche alle scuole che non hanno aderito al progetto tramite i propri figli affinchè anche le famiglie venissero, di riflesso, formate nell’intervento educativo del progetto, consegnando le 2000 copie

E, inoltre, alla fine del percorso, abbiamo potuto constatare che gli studenti:

• Sono in grado di comprendere i delicati equilibri dell’ambiente al fine di aumentare la sensibilizzazione verso la loro tutela e conservazione;

 • Conoscono come l’impatto antropico ha interagito con le dinamiche ecologiche naturali;

• Sono stati educati al rispetto dei luoghi

• Sono in grado adesso di propagandare il proprio territorio agli altri

MODALITA’ ORGANIZZATIVA

Il progetto è stato portato avanti dal personale GESAM

Ogni scuola, prima che partisse l’attività operativa, è stata contattata via lettera, e.mail, telefonica e diretta. I dirigenti scolastici, successivamente, hanno nominato i propri referenti per l’attività prevista nelle proprie scuole, e questi hanno mantenuto i contatti con la GESAM

( allegato lettera inviata alle scuole )

Nell’operatività, l’azione didattico educativa si è sviluppata in aula, con l’utilizzo del videoproiettore, come segue:

  • Presentazione del progetto LIFE/NATURA
  • L’importanza del patrimonio Valle del Marangone e la sua valorizzazione
  • Visione di immagini in power point  relative all'area in generale,  alla fauna e alla flora della Valle del Marangone
  • Gioco interattivo sulla Catena Alimentare.

Le uscite all’aperto sono state 10, durante le quali si è svolta la lezione didattico- educativa sui seguenti argomenti:

 • Fauna e flora presente nella zona

•  Educazione ambientale

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Nessuna problematica incontrata

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

  • ­  Quaderno didattico (consegnato allegato al Midterm Report di gennaio 2014);
  • ­  Locandina per le scuole (consegnato allegato al Midterm Report di gennaio 2014).
  • ­   DVD
  • ­   materiale attività formativa proiettato nelle scuole (allegato in formato elettronico al presente Final Report, nella cartella “Allegati_Azione_D12”)
  • ­   fotografie scattate durante gli incontri nelle scuole (allegato in formato elettronico al presente Final Report, nella cartella “Allegati_Azione_D12/Azione_D12_FOTO”).

Attività da condurre nel prossimo periodo: obiettivi da raggiungere e risultati attesi

GESAM si ritiene soddisfatta per il lavoro svolto, ma soprattutto vuole sensibilizzare ancora di più le istituzioni affinchè finanzino progetti di questa tipologia, in quanto sviluppare rapporti nelle scuole è di fondamentale importanza perché il futuro dipende tanto dai docenti e dagli studenti, cha a loro volta hanno sensibilizzato le proprie famiglie, quindi, un’azione che si spande a macchia d’olio. Per queste motivazioni, queste azioni devono necessariamente essere incentivate se vogliamo dare una svolta all’ambiente. Il nostro territorio con le sue bellezze naturali e paesaggistiche non sono ancora tanto conosciute dai cittadini che vivono in questa zona, pertanto l’azione di informazione e formazione, presentata in questo progetto, sicuramente aiuterà a cambiare alcuni atteggiamenti purtroppo presenti in questi luoghi.

La nostra speranza è quella di aver lasciato un segno positivo tale da insegnare ai tanti operatori delle scuole che insieme possiamo farcela.

 

Azione D.13     Organizzazione di un convegno per la diffusione dei risultati del progetto LIFE

Data prevista di inizio:

1° trimestre 2014

Data effettiva di inizio:

01/11/2014

Data prevista di conclusione:

30/09/2014

Data effettiva di conclusione:

20/12/2014

Beneficiario responsabile

AAC

Stato di avanzamento:

Concluso, realizzato

 

 

 

Attività realizzate

Il convegno finale a conclusione del progetto, aperto al pubblico, si è tenuto in data 20/12/2014, alle ore 17,00, presso l’aula Pucci del Comune di Civitavecchia. A differenza dell’evento conclusivo previsto dall’azione D1, dedicato ai soci dell’AAC, all’evento finale dell’azione D13 oltre ai soci sono stati invitati rappresentanti delle istituzioni, degli enti pubblici interessati dal progetto, di associazioni che operano sul territorio (in campo ambientale ed agricolo), nonché i responsabili dei progetti LIFE contattati nell’ambito del’Azione E6 di networking. Per la diffusione del convegno sono stati prodotti manifesti, inviti ed annunci sui principali giornali locali, e sono stati realizzati anche spot per TV e radio; gli inviti sono stati diffusi anche via e-mail, alla mailing-list realizzata nell’ambito dell’azione E6.

Al convegno sono stati illustrati i risultati raggiunti dal progetto, attraverso l’ausilio di due presentazioni PowerPoint, nell’ambito delle quali è stata mostrata la situazione ante-operam e la situazione finale, con gli interventi realizzati. Al termine delle presentazioni è stato proiettato il filmato realizzato nell’ambito dell’Azione D11.

Attività da condurre nel prossimo periodo: obiettivi da raggiungere e risultati attesi

Nessuna.

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Nessuna problematica incontrata. Nessun effetto negativo sulle altre azioni di progetto.

Il convegno, come previsto dal progetto LIFE, è stato realizzato allo scopo di diffondere i risultati di progetto, per questo motivo è stato realizzato come ultima attività, successivamente alla conclusione delle azioni concrete di progetto. Lo slittamento rispetto a quanto previsto dal crono programma iniziale pertanto non è legato a specifiche problematiche incontrate, ma è legato alla natura stessa dell’azione, consequenziale rispetto alla realizzazione di tutte le altre attività.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

-       Evento conclusivo di progetto, in data 20/12/2014, ore 17,00, presso l’aula Pucci del Comune di Civitavecchia.

Allegati

-       Presentazione TEMI su tutte le azioni di progetto (allegato in formato elettronico al presente Final report; cartella “Allegati_Azione_D13_convegno_finale”);

-       Presentazione TEMI sulle azioni concrete ed i risultati raggiunti (allegato in formato elettronico al presente Final report; cartella “Allegati_Azione_D13_convegno_ finale”);

-       DVD “Video del convegno finale di presentazione del progetto – 20 dicembre 2014 – Aula Pucci, Civitavecchia” (allegato al presente Final Report);

-       Manifesti, inviti e rassegna stampa (allegato in formato cartaceo ed elettronico, cartella “Manifesti_rassegna_stampa”). La diffusione a mezzo TV e radio è contenuta su un CD-ROM dedicato

 

Azione E.1        Organizzazione della struttura di coordinamento tecnico-scientifico del progetto

Data prevista di inizio:

01/09/2011

Data effettiva di inizio:

05/10/2011

Data prevista di conclusione:

31/12/2014

Data effettiva di conclusione:

31/12/2014

Beneficiario responsabile

TEMI

Stato di avanzamento:

Conclusa

 

 

 

Attività realizzate

L’azione E1 di coordinamento tecnico-scientifico si è esplicata per tutta la durata del progetto, attraverso la collaborazione attiva e costante tra i partner, realizzata tramite incontri periodici, scambio di informazioni e materiale tecnico acquisito, coordinamento per la realizzazione di sopralluoghi congiunti

Nel periodo giugno-dicembre 2012, è stata inoltre realizzata l’integrazione, attraverso la redazione di un Addendum, degli accordi di partenariato, a seguito della richiesta della Commissione Europea, DG Ambiente, del 31/07/2012 (ENV/E.3/IC/MLM ARES (2012) che rilevava la non piena aderenza degli accordi con quanto previsto dalle linee guida europee.

Nel periodo da dicembre 2012 a settembre 2013 le riunioni sono servite per coordinare il processo di ottenimento delle autorizzazioni ed avviare la realizzazione degli interventi.

Infine, nel periodo da dicembre 2013 a maggio 2014, il coordinamento ha riguardato: l’esecuzione di tutte le azioni concrete, la gestione dell’imprevisto legato al rinvenimento degli ordigni bellici, compresa la richiesta della proroga, nonché la riorganizzazione delle tempistiche delle attività residue, che si sono concluse nel dicembre 2014.

Si riporta di seguito l’elenco delle date delle riunioni di coordinamento tra i tre beneficiari:

-         2011:     09/11/2011;

-         2012:     28/02/2012, 18/04/2012, 05/06/2012, 23/07/2012, 10/09/2012, 05/12/2012;

-         2013:     14/01/2013, 26/03/2013, 05/06/2013, 26/09/2013, 10/12/2013;

-         2014:     08/01/2014, 18/03/2014, 04/06/2014, 18/09/2014, 19/11/2014

Le suddette riunioni di coordinamento si sono svolte prevalentemente presso la sede di Civitavecchia dell’AAC, ed hanno in molti casi compreso anche lo svolgimento di sopralluoghi sulle aree di intervento, alla presenza dei vari responsabili delle singole azioni.

L’azione ha previsto inoltre la redazione di tutti i Rapporti Tecnici inviati all’UE, mediante omogeneizzazione/integrazione dei contributi ricevuti da tutti i professionisti coinvolti.

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Nessuna problematica incontrata. Nessuna ricaduta negativa sulle altre azioni del progetto.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

Prodotto

Consegna della versione definitiva

Accordo di partenariato tra AAC e Temi S.r.l.

Inception Report del 31/05/2012

Accordo di partenariato tra AAC e GESAM S.a.s.

Inception Report del 31/05/2012

Addendum all’Accordo di partenariato tra AAC e TEMI S.r.l

Progress Report del 31/12/2012

Addendum all’Accordo di partenariato tra AAC e GESAM S.a.s

Progress Report del 31/12/2012

Redazione dei Rapporti Tecnici all’UE (Inception Report, Progress Report, Chiarimenti richiesti in base alla valutazione del Primo Rapporto sullo stato di Avanzamento, Midterm Report, Final Report)

Inception Report del 31/05/2012

Progress Report del 31/12/2012

Documento “Chiarimenti richiesti in base alla valutazione del Primo Rapporto sullo stato di Avanzamento al 31.12.2012”, di luglio 2013

Midterm Report di gennaio 2014

Il presente Final Report

 

Attività da condurre nel prossimo periodo: obiettivi da raggiungere e risultati attesi

Nessuna.

 

Azione E.2        Gestione amministrativa del progetto

Data prevista di inizio:

01/09/2011

Data effettiva di inizio:

05/10/2011

Data prevista di conclusione:

31/12/2014

Data effettiva di conclusione:

31/12/2014

Beneficiario responsabile

AAC

Stato di avanzamento:

Conclusa

 

 

 

Attività realizzate

Verifica e controllo sulle attività di spesa e rendicontazione dell’Associazione Agraria e dei partner. Per quanto riguarda la gestione amministrativa, è stato adottato un appropriato sistema di contabilità per la rendicontazione dei costi di progetto (file Excel “Standard Statement of Expenditure”), modello adottato da ciascuno dai tre partner del progetto. Tale modello è stato utilizzato anche per predisporre gli atti della richiesta dei pagamenti.

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Nessuna problematica riscontrata.

Attività da condurre nel prossimo periodo: obiettivi da raggiungere e risultati attesi

Nessuna.

Prodotti realizzati

Rapporto Finanziario con richiesta di pagamento intermedio (allegato al Midterm Report di gennaio 2014).

Rapporto Finanziario con richiesta di pagamento finale (allegato al presente Final Report).

 

Azione E.3        Monitoraggio scientifico degli interventi

 

Data prevista di inizio:

01/04/2012

Data effettiva di inizio:

01/04/2012

Data prevista di conclusione:

31/12/2014

Data effettiva di conclusione:

31/12/2014

Beneficiario responsabile

TEMI

Stato di avanzamento:

Conclusa

 

 

 

Attività realizzate

L’Azione ha previsto lo svolgimento di sopralluoghi, al fine di valutare lo stato di conservazione degli habitat e delle specie target, nelle aree che interessate dagli interventi di progetto ed in aree limitrofe. Sono stati realizzati monitoraggi specifici per la componente habitat e vegetazione del sito, per l’avifauna e per l’erpetofauna, che hanno richiesto attività sul campo, reiterate nelle stagioni più opportune, e attività di elaborazione successiva, per la redazione dei report.

Nel corso dell’azione sono stati redatti i seguenti elaborati:

-       documento preliminare relativo ai protocolli di monitoraggio impiegati;

-       prima relazione di monitoraggio, basata sui dati preliminari raccolti negli anni 2012-2013;

-       Relazione conclusiva sui monitoraggi scientifici degli interventi (allegata al presente Final Report).

La relazione conclusiva, relativa alle indagini svolte prima durante e dopo le lavorazioni legate agli interventi concreti, negli anni dal 2012 al 2014, evidenzia i seguenti risultati:

- un generale miglioramento qualitativo delle praterie delle aree sommitali e in minor misura delle aree in località Pratini e Molaccia, legato prevalentemente alla realizzazione di recinzioni ed all’azione di recupero dei pascoli (azione C.1 e l’azione C.2);

- l’utilizzo dell’area a fini trofici da parte di rapaci di interesse comunitario ed un generale incremento delle abbondanze delle specie legate agli ambienti di prato-pascolo (es. Pernis apivorus);

- la presenza di un elevato numero di specie di rettili (48 avvistamenti per 6 specie) rilevate presso i muretti a secco (azione C.5).

Nello specifico, dalle indagini effettuate non sono emersi elementi di degrado a seguito degli interventi realizzati; al contrario, i monitoraggi effettuati mostrano comunità stabili e ben diversificate, che nel corso del progetto non hanno mostrato variazioni significative. Per una valutazione di maggior dettaglio si rimanda alla relazione conclusiva, allegata al presente Rapporto Finale.

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Nessuna problematica incontrata. Nessuna ricaduta negativa sulle altre azioni del progetto.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

-          Documento preliminare relativo ai protocolli di monitoraggio impiegati (Prodotto consegnato insieme con il Progress report del 31/12/2012);

-          Stato di avanzamento del monitoraggio scientifico degli interventi (allegato al Midterm Report di gennaio 2014);

-          Relazione conclusiva sui monitoraggi scientifici degli interventi (allegata al presente Final Report).

Attività da condurre nel prossimo periodo: obiettivi da raggiungere e risultati attesi

Prosecuzione delle attività di monitoraggio, ove possibile, al fine di valutare ulteriori sviluppi delle comunità floristiche e faunistiche dell’area di indagine, nell’ambito delle attività previste dal Piano After-LIFE.

Allegati

  1. Azione E3: Relazione conclusiva sui monitoraggi scientifici degli interventi (allegato in formato cartaceo ed elettronico al presente Final Report; cartella nel DVD allegato “Prodotti_Azione_E3_Monitor_scientifico”).

 

Azione E.4        Monitoraggio del progetto

 

Data prevista di inizio:

01/01/2012

Data effettiva di inizio:

05/10/2011

Data prevista di conclusione:

31/12/2014

Data effettiva di conclusione:

31/12/2014

Beneficiario responsabile

TEMI

Stato di avanzamento:

Conclusa

 

 

 

Attività realizzate

L’azione E4 ha previsto la realizzazione di riunioni di coordinamento, a cadenza semestrale, e la redazione di report mensili, consentendo di tenere sotto controllo in modo continuativo la realizzazione del progetto.

L’attività di monitoraggio del progetto ha visto lo svolgimento dei seguenti incontri:

-         2012:     28/02/2012, 23/07/2012, 10/09/2012;

-         2013:     26/09/2013, 10/12/2013, 18/12/2013;

-         2014:     08/01/2014, 18/03/2014, 19/11/2014.

Alle riunioni hanno partecipato il responsabile del progetto, il coordinatore tecnico-operativo e dei responsabili tecnici delle singole azioni.

Tutti gli incontri si sono posti l’obiettivo di verificare lo stato di avanzamento delle azioni, coordinando le attività tra i partner, e di gestire le eventuali situazioni eccezionali verificatesi, come il rinvenimento di ordigni bellici.

Sempre nell’ambito dell’Azione E4, anche con lo svolgimento delle riunioni sopra elencate, sono state organizzate le attività preparatorie e di coordinamento dei partner in occasione delle visite di monitoraggio.

Per tutta la durata del progetto sono stati realizzati dei report mensili, pubblicati di volta in volta online sul sito web di progetto.

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Nessuna problematica incontrata. Nessuna ricaduta negativa sulle altre azioni del progetto.

Attività da condurre nel prossimo periodo: obiettivi da raggiungere e risultati attesi

Nessuna.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

Report mensili.

Allegati

  1. Raccolta dei report mensili sulle attività realizzate (allegato in formato elettronico al presente Final Report; cartella “Allegati_Azione_E4_Monitor_progetto”).

 

Azione E.5        Audit finanziario indipendente

Data prevista di inizio:

01/09/2011

Data effettiva di inizio:

05/10/2011

Data prevista di conclusione:

31/12/2014

Data effettiva di conclusione:

30/03/2015

Beneficiario responsabile

AAC

Stato di avanzamento:

Concluso

 

 

 

Attività realizzate

 

È stato individuato un auditor esterno nella persona del Dott. Giovanni De Paolis, che ha svolto diversi incontri con il beneficiario e i partner per prendere conoscenza del progetto e delle sue problematiche di rendicontazione, ha partecipato alle riunioni di coordinamento svolte per la predisposizione del Rapporto Finanziario, ed ha validato la documentazione finanziaria redatta.

 

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

 

Nessuna.

 

Attività da condurre nel prossimo periodo: obiettivi da raggiungere e risultati attesi

 

Nessuna.

 

Prodotti realizzati

 

Rapporto del revisore contabile esterno.

 

Azione E.6        Networking con altri progetti

 

Data prevista di inizio:

01/09/2011

Data effettiva di inizio:

05/10/2011

Data prevista di conclusione:

31/12/2014

Data effettiva di conclusione:

31/12/2014

Beneficiario responsabile

TEMI

Stato di avanzamento:

Concluso

 

 

 

Attività realizzate

L’azione E6 è stata realizzata prendendo contatto con tutti i soggetti impegnati sia in altri progetti LIFE, sia in progetti legati alla conservazione della natura, che interessano la Valle del Marangone o aree limitrofe. L’attività ha previsto inoltre lo svolgimento di incontri con i responsabili di progetti LIFE similari.

Nel corso del progetto, come richiesto dalla UE, le attività sono state potenziate attraverso le seguenti attività, non previste dal progetto iniziale:

-   ampliamento della mailing-list, con l’inclusione non solo dei responsabili dei progetti LIFE similari, ma anche degli Enti pubblici interessati (ad esempio il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare), enti di ricerca, associazioni di agricoltori, associazioni ambientaliste. La mailing-list è stata ampliata inoltre includendo anche i responsabili di progetti LIFE internazionali, per i quali sono stati prodotti specifici documenti in inglese. Per venire incontro alle esigenze di rafforzamento dell’Azione A7, sono stati inseriti nella mailing-list anche gli indirizzi dei soci dell’AAC dotati di contatto e-mail. Complessivamente la mailing-list è stata inviata a 119 contatti, dei quali 2 internazionali e 82 soci dell’AAC;

-   redazione di una newsletter, in italiano ed in inglese, indirizzata alla mailing-list suddetta. La newsletter ha previsto la realizzazione di due documenti a colori, in formato A5, l’uno relativo all’intero progetto LIFE (4 pagine di lunghezza), l’altro specifico sulle azioni concrete ed i risultati raggiunti (6 pagine di lunghezza). Tali documenti (allegati al presente Final Report) sono stati inviati alla mailing-list in formato elettronico, mentre in formato cartaceo, sono stati consegnati nel corso di tutti gli incontri di networking realizzati ed in occasione degli eventi realizzati nell’ambito delle azioni D1 e D13;

-   realizzazione di una pagina web dedicata al progetto Val.Ma.Co. per la rubrica “Progetto del mese” del Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, dedicata espressamente alla promozione dei progetti LIFE italiani;

-   partecipazione con un poster dedicato al progetto Val.Ma.Co. al convegno finale del progetto LIFE RI.CO.PR.I. (“Restoration and conservation of dry grasslands in southern and central Italy” LIFE09 NAT/IT/000118), tenutosi a Roma in data 26-27/03/2015.

Si riporta di seguito l’elenco dettagliato delle attività realizzate nell’ambito dell’azione di networking:

-  partecipazione all’evento pubblico, in data 27/01/2012, per la presentazione del progetto LIFE agli stakeholders ed alla cittadinanza, presso il Comune di Civitavecchia. Al suddetto incontro sono stati invitati i responsabili dei seguenti progetti LIFE:

  • LIFE+ “MONTI DELLA TOLFA”, interventi urgenti di conservazione della natura nella ZPS e nei SIC dell’area Tolfetana Cerite Manziate” (LIFE08 NAT/IT/000316);
  • RICOPRI – Restoration and conservation of dry grasslands in southern and central Italy (LIFE09 NAT/IT/000118);
  • LIFE+ BOSCO INCORONATA – Conservation and restoration of habitats and species in the Incoronata Regional Natural Park (LIFE09 NAT/IT/000149);
  • Habitats Conservation – Conservation of Natural and Semi-natural Habitats in the “Serras de Aire e Candeeiros” (LIFE09 NAT/PT/000040);
  • DINAMO – Increasing endangered biodiversity in agricultural and semi-natural areas: a demonstrative management model (LIFE08 NAT/IT/000324)

-    è stato contattato più volte nel corso del progetto, per via telefonica, il Dott. Iacopo Sinibaldi, responsabile ARP (Agenzia Regionale Parchi) incaricato della redazione delle misure di conservazione per la ZPS “Comprensorio Tolfetano-Cerite-Manziate”, progetto attualmente in corso, in modo da collaborare in modo sinergico e condurre le azioni del LIFE in modo coerente con quanto previsto dalle future misure di conservazione;

-  sono stati contattati i responsabili del progetto LIFE+ “Monti della Tolfa”, con lo scopo di promuovere un’immagine unitaria e riconoscibile della ZPS “Comprensorio Tolfetano-Cerite-Manziate”, coordinando le attività di realizzazione dell’aspetto grafico della pannellistica da apporre nel Sito, anche in relazione alla realizzazione dell’azione A4;

-   realizzazione un incontro con la responsabile del progetto LIFE RI.CO.PR.I. (“Restoration and conservation of dry grasslands in southern and central Italy” LIFE09 NAT/IT/000118), la Dott.ssa Maria Vinci, ed il Dott. Andrea Pietrini, della Provincia di Roma, in data 12/07/2013. Nell’ambito di questo incontro sono state analizzate le rispettive attività di gestione dei pascoli, nonché le modalità impiegate per il monitoraggio scientifico delle attività realizzate. I responsabili del progetto RI.CO.PR.I. si sono mostrati interessati soprattutto al coinvolgimento, nel progetto Val.Ma.Co, dei soci dell’AAC, che hanno valutato fondamentale, soprattutto in vista della gestione futura delle attività agrosilvopastorali nella Valle del Marangone. Molto interesse ha suscitato anche lo svolgimento della Conferenza dei servizi, avvenuta nell’ambito dell’Azione A5, che ha permesso al progetto Val.Ma.Co. di snellire l’iter autorizzativo delle azioni concrete, mentre il progetto RI.CO.PR.I., interessando territori più ampli, ha riscontrato numerose difficoltà nell’ottenimento delle autorizzazioni per le proprie opere. Nel corso dell’incontro è stato effettuato anche uno scambio reciproco di materiale informativo sui rispettivi progetti LIFE;

-  realizzazione di un incontro con l’Ente Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga, responsabile del progetto LIFE “Praterie”, ad Assergi, in data 23/09/2014; nella stessa giornata sono stati effettuati anche dei sopralluoghi con i responsabili del progetto presso le aree di intervento del progetto LIFE “Praterie”. Anche in questo caso, l’incontro ha permesso di sviscerare le rispettive difficoltà gestionali ed operative. In particolare, è stato affrontato il tema delle modalità di coinvolgimento e di partecipazione del pubblico al processo di decisionale, anche in relazione all’adozione delle buone pratiche e ad una fruizione razionalizzata e rispettosa del patrimonio naturalistico. Nel corso dell’incontro è stato effettuato anche uno scambio reciproco di materiale informativo sui rispettivi progetti LIFE. Il verbale ed alcune foto dell’incontro sono allegati al presente Report;

-  realizzazione di una pagina web per la rubrica “Progetto del mese” del Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM), dedicata alla promozione dei progetti LIFE;

-  realizzazione di un incontro con uno dei responsabili del progetto LIFE “Monti della Tolfa”, l’Arch. Enrico Novello, a Civitavecchia, in data 20/12/2014. L’incontro ha messo in luce la grande importanza del coinvolgimento attivo dei soci delle Associazioni Agrarie del territorio (Civitavecchia, Tolfa e Allumiere) nella gestione del territorio, sia per quanto riguarda la manutenzione delle strutture realizzate nell’ambito dei rispettivi progetti LIFE, sia per il mantenimento delle corrette pratiche di gestione agrosilvopastorale. In quest’ottica, il responsabile del progetto “Monti della Tolfa” ha giudicato interessante la realizzazione di un manuale e di un protocollo di gestione condotta nell’ambito del progetto Val.Ma.Co.;

-  invio alla mailing list dell’invito al convegno finale del progetto LIFE Val.Ma.Co. Al convegno hanno partecipato, tra gli altri, l’Arch. Enrico Novello (uno dei responsabili del progetto LIFE “Monti della Tolfa”), nonché diversi soci dell’AAC;

- partecipazione al convegno finale del progetto LIFE RI.CO.PR.I. (“Restoration and conservation of dry grasslands in southern and central Italy” LIFE09 NAT/IT/000118), tenutosi a Roma in data 26-27/03/2015, con la redazione di un abstract e di un poster dedicati al progetto LIFE Val.Ma.Co.

Problematiche incontrate, ritardi ed effetti negativi sulle altre azioni

Nessuna problematica incontrata. Nessuna ricaduta negativa sulle altre azioni del progetto.

Risultati conseguiti/Prodotti realizzati

Scambio di informazioni, perlopiù relative alle modalità operative e gestionali, con i progetti LIFE affini al progetto Val.Ma.Co. (in particolare con i progetti LIFE “Monti della Tolfa”, “RI.CO.PR.I.”, “Praterie”);

Realizzazione della newsletter del progetto LIFE Val.Ma.Co., con realizzazione di due documenti, in italiano ed in inglese, inviati a 119 contatti, dei quali 2 internazionali e 82 soci dell’AAC (allegata al presente Final Report);

Realizzazione di una pagina web per la rubrica “Progetto del mese” del MATTM (allegata al presente Final Report);

Partecipazione con un poster al convegno finale del progetto LIFE RI.CO.PR.I. (allegato, insieme all’abstract prodotto, al presente Final Report).

Attività da condurre dopo il termine del progetto

Prosecuzione delle attività di networking, soprattutto con il Progetto LIFE “Monti della Tolfa”, ad esempio attraverso l’attivazione di convenzioni durature con altri enti territoriali competenti sull’area e lo studio di azioni comuni sul territorio, come previsto dal Piano After-LIFE.

Allegati

Tutti i documenti elencati di seguito sono allegati al presente Finale Report in formato elettronico (cartella “Allegati_Azione_E6_Networking” nel DVD allegato).

  1. Mailing-list dell’azione E6;
  2. Newsletter, in italiano ed inglese (2 documenti inviati alla mailing-list ed utilizzati per la disseminazione);
  3. Scheda del progetto del mese prodotta per il MATTM;
  4. Verbale e foto relativi all’incontro con l’Ente Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga, responsabile del progetto LIFE “Praterie”, ad Assergi, in data 23/09/2014;
  5. Abstract e poster presentati al convegno finale del progetto LIFE RI.CO.PR.I.

 

5.3      Evaluation of Project Implementation

Si riporta di seguito la tabella di confronto tra i risultati previsti dalla proposta iniziale ed i risultati conseguiti.

Task

Foreseen in the revised proposal

Achieved

Evaluation

Azione A.2 “Indagini di dettaglio sugli habitat e le specie di uccelli di interesse comunitario funzionali all’esecuzione del progetto”

Carta degli habitat di interesse comunitario, carta di distribuzione delle specie di uccelli di interesse comunitario, stato di conservazione aggiornato di habitat e specie di uccelli mediante opportuni indicatori; carta di distribuzione e stato di conservazione di altre specie di interesse comunitario presenti; check-list.

Relazione tecnica, contenente lo stato di conservazione aggiornato di habitat e specie di uccelli mediante opportuni indicatori e la check-list;

Carta degli habitat di specie;

Carta della distribuzione della fauna.

Risultato conseguito

Azione A.3 “Redazione di un Piano di gestione agro-silvo-pastorale del territorio gestito dall’AAC coerente con le finalità di tutela degli habitat di specie e delle specie ornitiche di interesse comunitario”

Redazione partecipata del Piano di gestione agro-silvo-pastorale del territorio gestito dall’AAC coerente con le finalità di tutela degli habitat e delle specie di interesse comunitario.

Organizzazione di almeno 3 incontri di condivisione e presentazione.

Redazione del Piano di gestione agro-silvo-pastorale

Redazione della Valutazione di incidenza del Piano di gestione agro-silvo-pastorale

Il Piano è in fase di approvazione uffici Regione Lazio, Direzione Regionale Infrastrutture Ambiente e Politiche Abitative, Area Sistemi Naturali

In seguito alle richieste di integrazione da parte del l'Area Territorio Rurale,Credito e Calamità Naturali, ufficio competente per l'uso civico

Azione A.4 “Progettazione del sistema di pannellistica e segnaletica naturalistica e di fruizione dell’area di intervento”

Progettazione di un sistema di pannellistica didattica, di avvicinamento e di fruizione naturalistica dell’area.

Pannelli previsti:

Grafica cartello informativo (1 tipologia)

Grafica pannelli didattici “a leggio” (25 diverse tipologie)

Grafica pannelli didattici per mostra area attrezzata (10 diverse tipologie)

Progettazione definitiva (cfr. Azione A5)

Progettazione esecutiva (cfr. Azione A5)

Pannelli realizzati:

Grafica cartello informativo (1 tipologia)

Grafica pannelli didattici “a leggio” (26 diverse tipologie)

Grafica pannelli didattici per mostra area attrezzata (10 diverse tipologie)

Risultato conseguito;

realizzazione di una tipologia in più di pannelli del tipo “a leggio”.

Azione A.5 “Elaborazione progetti definitivi ed esecutivi delle azioni incluse nelle sezioni C ed E”

Progetti definitivi  ed esecutivi per le Azioni C1, C4, C5, C6, D4, D5 e D6.

Progetto definitivo relativo alle Azioni C1, C4, C5, C6, D4, D5 e D6

Progetto esecutivo di Riqualificazione della viabilità e della sentieristica esistente: comprende le azioni C6, D5, e parte dell’azione D4 (realizzazione dell’itinerario naturalistico)

Progetto esecutivo di Realizzazione di recinzioni (C1) e delle strutture annesse all’itinerario naturalistico (D4), ossia le aree di sosta e le aree visitatori, nonché l’apposizione della pannellistica (Azioni A4 e D6)

Progetto esecutivo di Bonifica e ricostruzione dei muri a secco (C5) e Restauro di fontanili e piccoli ambienti umidi (C4)

Risultato conseguito

Azione A.6 “Direzione lavori e coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione degli interventi”

Realizzazione degli interventi sopra elencati nel rispetto dei contenuti dei progetti esecutivi, delle norme per la sicurezza dei lavoratori e degli obiettivi di conservazione prefissati.

Realizzazione degli interventi sopra elencati nel rispetto dei contenuti dei progetti esecutivi, delle norme per la sicurezza dei lavoratori e degli obiettivi di conservazione prefissati.

Risultato conseguito

Azione C.1 “Realizzazione di recinzioni per il controllo e la regolamentazione del pascolo”

Interventi previsti:

Recinzioni tipo “chiudenda”: 7.900 m

Recinzioni tipo “maremmana”: 1.500 m

Interventi realizzati:

Recinzioni tipo “chiudenda”: 6.965 m

Recinzioni tipo “maremmana”: 326 m

Manutenzione chiudende esistenti: 1.000  m

Rimozione recinzioni ammalorate: 2.805 m

Cancelli: 2

Risultato conseguito;

realizzazione di 2 cancelli aggiuntivi, non previsti dal progetto.

Le variazioni sono descritte in dettaglio nel paragrafo tecnico relativo all’Azione C1.

Azione C.2 “Recupero di aree a pascolo degradate per la conservazione dell’avifauna”

Recupero di 17 ha dell’estensione dell’habitat Percorsi ssesta ment di graminacee e piante annue dei Thero-Brachypodietea (6220*) e loro mantenimento in un buono stato di conservazione mediante regolamentazione del pascolo.

Sono state recuperate i 17 ha di pascolo, con gli interventi di sfalcio, eliminazione erbe infestanti e semina.

Risultato conseguito

Azione C.3 “Recupero delle aree di uliveto a fini di restauro ambientale e recupero della produttività”

Interventi a buche per il recupero mediante sfalcio e decespugliamento dell’uliveto (circa 800 ulivi).

Gli interventi hanno riguardato 800 olivi di cui 700 piante sono state potate,fertilizzate, sfalcio e decespugliamento sotto chioma e  le restanti 100 sfalcio e decespugliamento sotto chioma.

Risultato conseguito

Azione C.4 “Restauro di fontanili e piccoli ambienti umidi”

Restauro di 3 fontanili e con creazione di piccoli ambienti umidi per anfibi e rettili.

Restauro di 5 fontanili;

realizzazione di 3 ambianti umidi per anfibi e rettili.

Risultato conseguito;

restauro di 2 fontanili in più.

Azione C.5 “Bonifica e ricostruzione di muri a secco per la diversificazione degli habitat e il ripristino della continuità ecologica per i rettili”

Bonifica e ricostruzione parziale di 1.000 m di muri a secco, ripristino della continuità ecologica per i rettili.

Bonifica e ricostruzione parziale di 1.000 m di muri a secco, ripristino della continuità ecologica per i rettili.

Risultato conseguito

Azione C.6 “Riqualificazione della rete di strade rurali per la gestione del territorio e la fruizione”

Riqualificazione di 4.500 m di strade rurali;

realizzazione di un’area di sosta delle auto (4.000 mq) e dei pulman turistici.

Riqualificazione di 8.100 m di strade rurali;

superficie dei parcheggi realizzati: 1.200 mq

Risultato conseguito;

riqualificato circa il doppio delle strade rurali;

realizzazione di parcheggi più piccoli, per limitarne l’impatto sul territorio della ZPS.

Per i dettagli si faccia riferimento paragrafo tecnico relativo all’Azione C6.

Azione D.1 “Organizzazione di eventi pubblici informativi sul progetto LIFE”

Organizzazione di due eventi pubblici dedicati ai soci dell’AAC della durata di una giornata.

Organizzazione di una “Festa di campagna” della durata di una giornata.

Diffusione delle finalità e dei risultati del progetto LIFE.

Organizzazione di due eventi pubblici, uno all’inizio del progetto ed uno alla sua conclusione.

Realizzazione di attività di disseminazione, con produzione di foto, video, manifesti, annunci sui principali giornali locali, radio e TV.

Realizzato un incontro in meno rispetto a quanto previsto a causa dello slittamento delle attività.

Per i dettagli si faccia riferimento paragrafo tecnico relativo all’Azione D1.

Azione D.2 “Realizzazione e distribuzione di un depliant informativo sul progetto LIFE e sulle modalità di gestione e di fruizione del Sito Natura 2000”

Depliant a colori (formato A4 aperto) in 15.000 copie.

Depliant a colori (formato A4 aperto) in 15.000 copie

Risultato conseguito

Azione D.3 “Redazione di un protocollo e di un manuale di gestione sostenibile delle attività agro-silvo-pastorali per i soci dell’AAC”

Redazione di un protocollo di gestione ambientale che l’AAC adotterà per le concessioni ai soci delle diverse aree della proprietà e produzione di un “manuale” di presentazione dello stesso distribuito a tutti i soci (circa 2.000).

Redazione di un protocollo e di un “manuale” di presentazione dello stesso distribuito a tutti i soci, in formato relazione A4 e depliant (2.200 copie).

Risultato conseguito;

realizzate 200 copie aggiuntive.

Azione D.4 “Realizzazione di itinerario naturalistico e di un’area di sosta attrezzati per la valorizzazione turistica dell’area e la sensibilizzazione del pubblico”

Interventi previsti:

Itinerario naturalistico: 2.500 m

Aree di sosta attrezzata: 1

Tettoie: 1

Postazione birdwatching: 2

Tavoli pic-nic: 8

Recinzione aree visitatori: 400 m

Punti fuoco: 5

Interventi realizzati:

Itinerario naturalistico: 2.300 m

Aree di sosta attrezzata: 6

Tettoie: 2

Postazione birdwatching: 4

Tavoli pic-nic: 20

Recinzione aree visitatori: 651 m

Punti fuoco: 10

Risultato conseguito, con la realizzazione di più arredi rispetto a quanto previsto inizialmente.

Per i dettagli si faccia riferimento paragrafo tecnico relativo all’Azione D4.

Azione D.5 “Realizzazione di sentieristica per l’escursionismo e la gestione delle aree di uliveto”

Interventi previsti:

Ripristino di circa 2.600 m di sentieri

Interventi realizzati:

Ripristino di circa 2.600 m di sentieri

Risultato conseguito

Azione D.6 “Istallazione di pannellistica didattica e di segnaletica per la fruizione naturalistica”

Interventi previsti:

9 Cartelli informativi:

30 Pannelli didattici “a leggio”:

2 discovery box;

10 Pannelli didattici per mostra area attrezzata;

26 Frecce direzionali interne all’area;

4 Frecce direzionali stradali.

Interventi realizzati:

9 Cartelli informativi:

30 Pannelli didattici “a leggio”:

2 discovery box;

10 Pannelli didattici per mostra area attrezzata;

26 Frecce direzionali interne all’area;

4 Frecce direzionali stradali.

Risultato conseguito

Azione D.7 “Elaborazione di un Layman’s report del Progetto LIFE”

Redazione del Layman’s Report

Redazione del Layman’s Report

Risultato conseguito

Azione D.8 “Elaborazione di un Piano di conservazione After LIFE”

Redazione del Piano di conservazione After LIFE

Redazione del Piano di conservazione After LIFE

Risultato conseguito

Azione D.9 “Produzione di pannelli informativi sui lavori in corso”

Istallazione di 6 pannelli informativi sui lavori in corso

Istallazione di 6 pannelli informativi sui lavori in corso

Risultato conseguito

Azione D.10 “Attivazione di un sito Internet dedicato al progetto LIFE”

Realizzazione e gestione di un sito web contente tutte le informazioni sia sulla ZPS di cui il territorio gestito dall’AAC è parte, sia sulle peculiarità naturalistiche di questo, ma anche  sulle finalità e sui risultati del progetto LIFE.

Realizzazione e gestione di un sito web www.lifeagraria.it e www.lifeagraria.eu

Inserimento di banner sul progetto ValMaCo sul portale www.civonline.it

Risultato conseguito

Azione D.11 “Elaborazione di un CD-ROM del Progetto LIFE”

Diffusione al pubblico generale e ai cittadini dell’Unione Europea delle informazioni relative al progetto attraverso la diffusione di 500 copie del CD-ROM.

Produzione e diffusione di 500 copie del CD-ROM.

Risultato conseguito

Azione D.12 “Programma di sensibilizzazione ambientale per le scuole elementari e medie inferiori di Civitavecchia”

Produzione di un quaderno didattico in 2.000 copie, attività di animazione ambientale nelle scuole primarie e secondarie di primo grado del Comune di Civitavecchia per i bambini degli ultimi 3 anni delle scuole elementari e delle scuole medie del Comune di Civitavecchia, svolte sia in aula che sul campo, realizzazione di un DVD (registrazione, montaggio, produzione) con il lavoro svolto dai ragazzi in aula e all’aperto; sensibilizzazione ambientale e promozione del progetto LIFE dei bambini e delle famiglie di Civitavecchia.

Le  scuole coinvolte hanno risposto benissimo a tutti gli incontri didattici ed educativi previsti nel piano proposto nelle modalità e nei tempi. I destinatari delle scuole del Comune di Civitavecchia e di Santa Marinella. Per un totale di studenti coinvolti oltre le 700 unità.

Risultato conseguito

Azione D.13 “Organizzazione di un convegno per la diffusione dei risultati del progetto LIFE”

Svolgimento di un convegno di una giornata a Civitavecchia per la diffusione dei risultati del progetto tra le Amministrazioni e gli Enti che gestiscono terreni pubblici concedendone l’utilizzo ai privati in aree di rilevante valenza naturalistica.

Svolgimento di un convegno finale per la diffusione dei risultati del progetto, a Civitavecchia.

Risultato conseguito

Azione E.3 “Monitoraggio scientifico degli interventi”

Valutazione dei risultati delle singole azioni.

Redazione della Relazione conclusiva sui monitoraggi scientifici degli interventi, contenente la valutazione dei risultati conseguiti.

Risultato conseguito

Azione E.6 “Networking con altri progetti”

Scambio di informazioni con altri soggetti coinvolti in progetti LIFE.

Realizzazione di incontri con altri soggetti coinvolti in progetti LIFE;

partecipazione agli eventi pubblici del progetto Val.Ma.Co.;

creazione di una mailing-list di progetto;

realizzazione di una newsletter;

realizzazione di una pagina web dedicata al progetto Val.Ma.Co. per la rubrica “Progetto del mese” del Ministero dell’Ambiente;

partecipazione con un poster dedicato al progetto Val.Ma.Co. al convegno finale del progetto LIFE RI.CO.PR.I.

Risultato conseguito

 

5.4.      Analysis of long-term benefits

Environmental benefits

I risultati in termini di miglioramento ambientale sono stati attestati dal monitoraggio scientifico, che ha confermato un generale miglioramento qualitativo delle praterie, soprattutto per quelle delle aree sommitali, l’utilizzo dell’area a fini trofici da parte di rapaci di interesse comunitario ed un generale incremento delle abbondanze delle specie legate agli ambienti di prato-pascolo (es. Pernis apivorus), la presenza di un elevato numero di specie di rettili, rilevate soprattutto presso i muretti a secco.

 

Long-term / qualitative environmental benefits

Sulla base dei risultati ottenuti nei tre anni di progetto, è ragionevole ipotizzare che la prosecuzione delle attività di gestione agrosilvopastorali, secondo le modalità individuate dal protocollo e dal manuale di gestione, permetterà di migliorare ulteriormente lo stato di conservazione delle praterie presenti e, di conseguenza, delle specie che le frequentano.

A questo scopo è stato redatto il Piano di conservazione After-LIFE, che si esplica su un orizzonte temporale individuato in 5 anni (2015-2019); il Piano After-LIFE si prefigge i seguenti obiettivi operativi prioritari:

 

-   Mantenere ed incrementare le possibilità di regolamentazione e controllo del pascolo;

-   Mantenere la percorribilità della rete viabile interna all’area ed incrementare la connessione con la rete viabile rurale e sentieristica esterna;

-   Mantenere ed incrementare la valenza naturalistica delle strutture  antropiche dell’area con valenza naturalistica: fontanili, pozze umide, muri a secco, aree visitatori, altre strutture;

-   Perseguire la piena attivazione ed attuazione del Piano agro-silvo-pastorale, con il crescente coinvolgimento dei soci;

-   Individuare, incentivare e sostenere eventuali altre attività agro-silvo-pastorali compatibili con la conservazione dell’area;

-   Consolidare ed estendere alle altre proprietà territoriali della AAC gli obiettivi e le azioni sperimentate nel progetto LIFE VALMACO, anche mediante la elaborazione di un Piano di      Gestione complessivo delle aree e delle strutture gestite dalla AAC e dai suoi associati;

-   Consolidare ed implementare le conoscenze scientifiche sull’area, mediante attività di monitoraggio periodico;

-   Rafforzare la collaborazione con le agenzie educative del territorio;

-   Favorire la conoscenza dell’area da parte del pubblico ed incrementare la sensibilità ed attenzione alla sua conservazione;

-   Rafforzare il networking ed attuare eventuali collaborazioni con gli altri enti gestori territoriali della ZPS “Comprensorio Tolfetano-Cerite-Manziate”.

 

Il Piano After-LIFE descrive le azioni da intraprendere per l’attuazione di ciascuno degli obiettivi sopra elencati, il soggetto/i attuatore/i, la prevista tempistica di attivazione, le risorse finanziarie al momento ipotizzabili, costituendo un valido strumento per la gestire prosecuzione delle attività del progetto LIFE secondo gli stessi criteri di sostenibilità.

 

Long-term / qualitative economic benefits

Nei prossimi anni si prevedono i seguenti benefici economici:

-  Minori costi per la gestione del bestiame (costi sanitari, preventivi, di intervento rispetto a patologie), conseguenti alla limitazione del pascolo abusivo ed al ripristino della piena funzionalità dei fontanili;

-  Riduzione del fenomeno di pascolo abusivo, con una più efficiente gestione dei pascoli dal punto di vista economico ed ambientale e con minori costi relativi all’alimentazione del bestiame;

-  Possibilità di incremento di attività agricole compatibili con l’area, attraverso il recupero a fini produttivi di aree precedentemente non utilizzabili (uliveti);

-  Riduzione dei tempi di percorrenza e miglioramento della sicurezza delle vie di attraversamento, per garantire l’accessibilità del territorio ed il suo controllo;

-  Riduzione dell’usura dei veicoli di servizio e dei costi conseguenti

 

Long-term / qualitative social benefits

Nei prossimi anni si prevedono i seguenti benefici sociali:

-   Minore conflittualità con gli allevatori degli appezzamenti limitrofi, determinata dalla razionalizzazione delle recinzioni, che limitano il fenomeno del pascolo abusivo;

-   Possibilità di incremento di attività agricole compatibili con l’area, con ricadute in ambito sociale, attraverso il coinvolgimento di anziani e di persone con disabilità;

-   Ripristino della piena accessibilità dei luoghi per le persone con ridotta mobilità, nonché per assicurare un maggior controllo del territorio e l’accesso dei mezzi di soccorso;

-   Promozione di turismo naturalistico, al fine di contribuire allo sviluppo di una coscienza ambientale e di una fruizione consapevole dei luoghi;

-   Disseminazione dei valori del progetto presso le scuole, i principali operatori ambientali e la cittadinanza.

 

 

Long term indicators of the project success

Per la valutazione degli effetti a lungo termine del progetto, si individuano i seguenti indicatori:

-  Progressivo miglioramento qualitative delle aree prative, con aumento delle specie tipiche e riduzione delle specie cosmopolite e subcosmopolite;

-  Possibile nidificazione di alcune specie di uccelli di interesse comunitario (ad esempio Coracias garrulus, Lanius collurio);

-  Aumento delle presenze accertate per le popolazioni di anfibi e rettili del sito;

-  Incremento del numero di soci dell’AAC che esercitano attività agrosilvopastorali nel sito, con adesione al protocollo di gestione sostenibile;

Incremento delle particelle di oliveto assegnate ai soci a scopo produttivo.

 

6.  Comments on the financial report

 

6.1.      Summary of Costs Incurred

partner (Temi e GESAM) compresi a tutto il 31 dicembre 2014. Nessuna spesa eccede di € 30.000 o del 10% sulla previsione di spesa. Tutti i costi in elenco sono stati quietanzati.

 

PROJECT COSTS INCURRED

 

 

Cost category

Budget according to the grant agreement*

Costs incurred within the project duration

%**

1.

 

Personnel

 €     401.500,00

 €        414.288,48

34,5%

2.

 

Travel

 €       13.000,00

 €            8.679,66

0,7%

3.

 

External assistance

 €     501.000,00

 €        457.524,02

38,1%

4.

 

Durables: total non-depreciated cost

 

 

 

 

 

- Infrastructure sub-tot.

 €     161.500,00

 €        218.162,75

18,2%

 

 

- Equipment sub-tot.

 

 €            3.309,00

0,3%

 

 

- Prototypes sub-tot.

 

 

0,0%

5.

 

Consumables

 €       44.500,00

 €          20.494,19

1,7%

6.

 

Other costs

 

 €                       -  

0,0%

7.

 

Overheads

 €       23.250,00

 €          78.572,07

6,5%

 

 

TOTAL

 €  1.144.750,00

 €     1.201.030,16

100,0%

 

*) If the Commission has officially approved a budget modification indicate the breakdown of the revised budget  Otherwise this should be the budget in the original grant agreement.

**) Calculate the percentages by budget lines: e.g. the % of the budgeted personnel costs that were actually incurred.

Tutte le spese sostenute e quietanzate in termini di % per ogni categoria di spesa sono in linea con quanto previsto dal progetto. Là dove sono state ottenute delle economie le stesse sono state rinvestite direttamente per la realizzazione dell’azione di riferimento.

La tabella seguente evidenzia la ripartizione dei costi sostenuti per singolo partner, al 31 dicembre 2014.

 

AAC

Temi

Gesam

TOTALE

Personnel

41621,65

209970,70

162696,13

414288,48

Travel

2349,68

2840,54

3489,44

8679,66

External assistance

437950,26

14203,20

5370,56

457524,02

Durable goods – Infrastructure

218162,75

   

218162,75

Durable goods – Equipment

   

3309,00

3309,00

Durables goods – Prototypes

       

Land/rightspurchase/lease

       

Consumable material

11114,39

 

9379,80

20494,19

Other direct costs

       

Overheads

49783,91

15891,01

12897,15

78572,07

TOTAL

760982,64

242905,45

197142,08

1201030,16

 

6.2   Accounting system

Le procedure di rendicontazione interna sia al beneficiario che ai partner sono conformi ai criteri di trasparenza amministrativa ai sensi della normativa vigente, così come attestato anche dal Rapporto dell’Audit esterno.

 

6.3   Partnership arrangements (if relevant)

Non rilevante

 

6.4   Auditor’s report/declaration

Si allega la relazione del Dott. Giovanni De Paolis, revisore esterno incaricato.

 

6.5   Summary of costs per action

Action no.

Short name of action

1.      Personnel

2.              Travel and subsistence

3.           External assistance

4.a           Infra-structure

4.b         Equip-ment

4.c         Prototype

5.               Purchase or lease of land

6.       Consumables

Overheads

TOTAL

A1

Organizzazione e formalizzazione struttura di coordinamento

2.300,00

 

 

 

 

 

 

 

 

2.300,00

A2

Indagini di campo su habitat e specie

7.974,73

0,00

3.744,00

 

 

 

 

 

 

11.718,73

A3

Redazione Piano agro-silvo-pastorale

23.000,00

1.798,00

757,24

 

 

 

 

 

 

25.555,24

A4

Progettazione pannellistica e segnaletica

12.110,94

0,00

2.340,00

 

 

 

 

 

 

14.450,94

A5

Elaborazione progetti definitivi ed esecutivi

71.684,69

667,00

499,20

 

 

 

 

 

 

72.850,89

A6

Direzione lavori e coord. sicurezza

45.700,00

1.560,00

 

 

 

 

 

 

 

47.260,00

A7

Forum

6.932,10

 

 

 

 

 

 

 

 

6.932,10

C1

Realizzazione di recinzioni per controllo del pascolo

 

 

 

161.983,30

 

 

 

 

 

161.983,30

C2

Recupero delle aree di pascolo degradate

17.681,45

 

 

 

 

 

 

 

 

17.681,45

C3

Recupero uliveti mediante sfalcio vegetazione arbustiva e potatura degli ulivi

100.014,68

 

 

 

3.309,00

 

 

9.379,80

 

112.703,48

C4

Recupero fontanili

 

 

29.944,10

 

 

 

 

 

 

29.944,10

C5

Realizzazione muretti a secco

8.850,27

 

14.674,74

 

 

 

 

 

 

23.525,01

C6

Riqualificazione della rete di strade rurali

 

355,00

246.268,40

 

 

 

 

2.467,57

 

249.090,97

D1

Organizzazione eventi pubblici

2.461,90

 

8.486,30

 

 

 

 

 

 

10.948,20

D2

Depliant

 

 

3.571,17

 

 

 

 

3.980,56

 

7.551,73

D3

Redazione e pubblicazione protocollo gestione sostenibile

1.846,43

 

3.500,00

 

 

 

 

850,00

 

6.196,43

D4

Realizzazione percorso turistico e area di sosta

 

 

80.572,08

49.885,19

 

 

 

 

 

130.457,27

D5

Sentiero escursionistico

 

 

30.239,34

 

 

 

 

 

 

30.239,34

D6

Pannellistica e segnaletica

 

 

 

6.294,26

 

 

 

 

 

6.294,26

D7

Elaborazione di un Layman's report del Progetto LIFE

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

D8

Piano after life

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

D9

Produzione pannelli informativi sui lavori in corso

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

D10

Sito web

 

 

4.400,00

 

 

 

 

 

 

4.400,00

D11

Cd rom del progetto

 

 

2.294,13

 

 

 

 

1.705,86

 

3.999,99

D12

Programma educazione ambientale

22.000,00

1.691,44

4.613,32

 

 

 

 

 

 

28.304,76

D13

Organizzazione convegno

1.230,95

 

2.000,00

 

 

 

 

2.110,40

 

5.341,35

E1

Organizzazione struttura di coordinamento tecnico-scientifica

51.762,62

613,54

 

 

 

 

 

 

 

52.376,16

E2

Gestione amministrativa del progetto

18.000,00

1.994,68

 

 

 

 

 

 

 

19.994,68

E3

Monitoraggio scientifico degli interventi

11.901,74

0,00

7.620,00

 

 

 

 

 

 

19.521,74

E4

Monitoraggio del progetto

3.785,04

0,00

 

 

 

 

 

 

 

3.785,04

E5

Audit esterno

 

 

12.000,00

 

 

 

 

 

 

12.000,00

E6

Networking con altri progetti

5.050,95

0,00

 

 

 

 

 

 

 

5.050,95

Over-heads

 

 

 

 

 

 

 

 

 

78.572,07

78.572,07

 

 TOTAL

414.288,48

8.679,66

457.524,02

218.162,75

3.309,00

0,00

0,00

20.494,19

78.572,07

1.201.030,16

Per quanto riguarda le azioni concrete, si specifica quanto segue:

Azione C1: poiché l’azione riguardava principalmente la realizzazione di nuove recinzioni e considerato che le altre lavorazioni eseguite sono propedeutiche a questa (ad esempio decespugliamento, sistemazione di piste provvisorie, demolizione di recinzioni ammalorate, sovra costi per difficoltà operative), il totale dell’importo dell’azione è stato attribuito alla realizzazione di infrastrutture. Si sottolinea che l’importo complessivo dell’azione, come emerge dalla tabella di cui sopra, non eccede il 10% di variazione rispetto all’importo preventivato nella proroga.

Azione C5: gli importi dell’azione (€ 25.000) erano inizialmente imputabili alla sola voce ‘personale’ a carico dell'AAC. Per la realizzazione e il completamento dell'azione gli importi risultano a fine progetto ripartiti tra personale (circa € 8.800) ed assistenza esterna (circa € 14.600), quest'ultima inizialmente non prevista, tutto a carico dell'AAC. Tale variazione è imputabile a modifiche contrattuali nel rapporto con il personale, nelle persone di Carinci, Vincenzi e Giammaria, che nell’anno 2014 hanno collaborato all’azione non come personale interno ma come assistenza esterna (prestazione occasionale). In seguito alla loro indisponibilità, si è reso necessario affidare il completamento dell’azione alla ditta esecutrice delle strade (Azione C6). Tale lavoro è stato eseguito nel periodo 14/11/2014 – 09/12/2014. Si sottolinea che l’importo complessivo dell’azione (€ 23.525,01) è inferiore rispetto all’importo preventivato (€ 25.000).

Azione D4: pur sottolineando che sono state realizzate strutture destinate alla fruizione in misura maggiore rispetto a quanto previsto (vedi Rapporto finale, Azione D.4), in considerazione dei ribassi di gara è stato possibile realizzarle ad un costo minore rispetto al previsto (voce ‘Infrastrutture’, importo pari a € 49.885,19, a fronte di un importo previsto di € 63.500), mentre per quanto riguarda la realizzazione del tracciato del percorso (sistemazione di strada esistente, voce ‘Assistenza esterna’, importo pari a € 80.572,08, a fronte di un importo previsto di € 58.000), i costi sono risultati maggiori del previsto, data la natura del terreno e la necessità di realizzare degli attraversamenti del fiume Marangone. Si sottolinea che l’importo complessivo dell’azione non eccede il 10% di variazione rispetto all’importo preventivato.

Per quanto riguarda TEMI S.r.l., per le azioni A2, A4, A5, A6, D7, E1, E4, E6 gli importi finali risultano coerenti con quelli previsti da progetto, non eccedenti il 10% di variazione rispetto al progetto originale. Si sottolinea che l’azione D7 è a costo zero.

Per quanto riguarda l’azione E3 di monitoraggio scientifico, la necessità di incrementare le attività di monitoraggio, come richiesto dalla UE, nonché l’allungamento dei tempi di progetto (da 34 a 40 mesi), hanno comportato un aumento degli importi di assistenza esterna, legato al coinvolgimento di specialisti per l’attività di indagine di campo, non previsto dal progetto iniziale. Tale aumento, pari a 3.600 € complessivi, risulta poco significativo se rapportato all’allungamento di 6 mesi delle tempistiche dell’azione, inoltre viene compensato dalle economie ottenute sulle altre azioni di progetto. Per questo motivo si sottolinea che l’importo complessivo delle attività di competenza di TEMI S.r.l. non eccede di € 30.000 o del 10% sulla previsione di spesa.

I costi sostenuti dalla GE.S.AM SAS rientrano in quelli previsti dal progetto; in dettaglio:

  • Personale: il sig. Tullio Meneghetti , rappresentante legale e direttore tecnico della GE.S.AM. SAS viene rendicontato:

In relazione alla documentazione necessaria per la dimostrazione dei costi  subiti dalla società Gesam sas per l’opera svolta dal socio accomandatario Meneghetti  Tullio per il progetto LIFE si precisa che essendo il sig. Meneghetti socio al 90% ,  amministratore responsabile della società , e socio che presta la sua opera in modo continuativo e prevalente nella società , il suo compenso anche per il progetto LIFE rapportato alle ore di lavoro svolte, consiste nell’ attribuzione dell’utile dell’esercizio e non in una specifica retribuzione. Il lavoro svolto corrisponde ai timesheets per l’anno 2012.

 

7.    Annexes

7.1  Administrative annexes

- Standard payment request and financial statement/beneficiary’s certificate;

- Beneficiary’s Certificate for Nature and Biodiversity Projects;

-Financial Statement of TEMI S.r.l;

- Financial Statement of  GESAM Sas;

-Financial Statement of AAC;

-Consolidated Cost Statement for the Project.

 

Come previsto dalle Disposizioni Comuni, i prodotti sono allegati in formato cartaceo, nonché in formato elettronico nel DVD allegato al Final Report, nella cartella “Documenti_amministrativi”. Per ciascun partner è presente una cartella; di seguito si riporta per ciascuna partner il nome della cartella nella quale sono archiviati i relativi prodotti.

La cartella “Documentazione amministrativa” contiene anche i documenti di supporto richiesti dalla UE con lettera ricevuta in data 15/04/2014 (prot n. ENV.E3 IC/LM/ARES(2014) 1186818); la risposta dettagliata alla suddetta lettera è riportata al successivo paragrafo 8.1.

Documentazione amministrativa – Annexes

Partner

Tipo di allegato/prodotto

Cartella (Folder)

Documento (file)

Tutti i partner

Standard payment request and financial statement/beneficiary’s certificate

Documenti_amministrativi

financial_reporting_2014_ValMaCo_TOTALE.xls

Beneficiary’s Certificate for Nature and Biodiversity Projects

Consolidated Cost Statement for the Project

AAC

Financial Statement of AAC

Documenti_amministrativi

financial_reporting_2014_AAC.xls

TEMI

Financial Statement of TEMI Srl

Documenti_amministrativi

financial_reporting_2014_TEMI.xls

GESAM

Financial Statement of GESAM Sas

Documenti_amministrativi

financial_reporting_2014_GESAM.xls

TEMI

Timesheet relativi all’intera durata del progetto

Documenti_amministrativi_TEMI/Timesheet_TEMI

ValMaCo_Timesheet_TEMI_2011.pdf

ValMaCo_Timesheet_TEMI_2012.pdf

ValMaCo_Timesheet_TEMI_2013.pdf

ValMaCo_Timesheet_TEMI_2014.pdf

TEMI

Temi S.r.l. - Copia dei documenti giustificativi per le voci di costo nr. 12,13 e 16 (Travel) del Midterm Report

Documenti_amministrativi_TEMI

Temi_Copia_documenti_giustificativi_Travel.pdf

TEMI

Documenti di supporto per l’intera durata del progetto per i Sigg. lacobini e Panchetti

Documenti_amministrativi_TEMI

Cartella “Doc_supporto_Iacobini_Panchetti”

7.2.  Technical annexes

List of keywords and abbreviations used

AAC: Associazione Agraria di Civitavecchia

MATTM: Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare

Piano ASP: Piano Agro-Silvo-Pastorale

SAL: Stato di avanzamento dei lavori

CRE: Certificato di Regolare Esecuzione dei lavori

DL: Direzione dei Lavori

Technical report – Deliverables

Come previsto dalle Disposizioni Comuni, i prodotti sono allegati in formato cartaceo, nonché in formato elettronico nel DVD allegato al Final Report, nella cartella “PRODOTTI”. Per ciascuna azione è presente una cartella; di seguito si riporta per ciascuna azione il nome della cartella nella quale sono archiviati i relativi prodotti.

Azione

Tipo di allegato/prodotto

Cartella (Folder)

Documento (file)

Azione D3

Protocollo di gestione sostenibile

Manuale di gestione sostenibile, in formato A4

Manuale di gestione sostenibile, in formato depliant a colori a 6 pagine

Prodotti_Azione_D3_Manuale_protocollo_gestione

Azione_D3_Manuale_gestione_sostenibile-depliant.pdf

Azione_D3_Manuale_gestione_sostenibile-relazione.pdf

Azione_D3_Protocollo_gestione_sostenibile.pdf

Azione E2

Rapporto Audit

Fornito in versione cartacea

Vedi versione cartacea

Azione E3

Relazione conclusiva sui monitoraggi scientifici degli interventi

Prodotti_Azione_E3_Monitor_scientifico

Relazione_finale_E3_monitoraggio.pdf

Technical report – Annexes

Gli allegati sono archiviati in formato elettronico nel DVD allegato al Final Report, nella cartella “ALLEGATI”. Per ciascuna azione è presente una cartella; di seguito si riporta per ciascuna azione il nome della cartella nella quale sono archiviati i relativi allegati.

Azione

Denominazione allegato

Cartella (Folder)

Documento (file)

Azione A3

Regolamento Usi Civici

Lettera di trasmissione Regione Lazio piano agro silvo pastorale

Lettera richiesta integrazione per approvazione Regolamento Usi Civici

Carte del Piano Agrosilvopastorale

Allegati_Azione_A3_Piano_ASP_cartografie

Regolamento usi civici associazione agraria.pdf

Carta assestamentale modificata dwg.pdf

Carta dei punti di ripresa.pdf

Carta delle comprese modificata.pdf

Carta interventi viabilità.pdf

Carta ptpr.pdf

Carta tipologie forestali modificata.pdf

Carta vincoli dwg.pdf

Tavola catastale.pdf

Azione A6

Allegati della Direzione Lavori: Documenti di affidamento lavori, Verbali di consegna, di sospensione e ripresa dei lavori, Stati di avanzamento dei lavori (SAL), Certificati di ultimazione dei lavori, Stati finali dei lavori, Certificati di Regolare Esecuzione dei lavori (CRE)

Allegati_Azione_A6_ Direzione_Lavori

Azione C4_Doc Affidamento e Direzione lavori.pdf

Azioni C1-D4-D6_Doc Affidamento e Direzione lavori_1.pdf

Azioni C1-D4-D6_Doc Affidamento e Direzione lavori_2.pdf

Azioni C1-D4-D6_Doc Affidamento e Direzione lavori_3.pdf

Azioni C6-D4-D5_Doc Affidamento e Direzione lavori_1.pdf

Azioni C6-D4-D5_Doc Affidamento e Direzione lavori_2.pdf

Azioni C6-D4-D5_Doc Affidamento e Direzione lavori_3.pdf

Azioni C6-D4-D5_Doc Affidamento e Direzione lavori_4.pdf

Bonifica ordigni_Doc Affidamento ed Esecuzione lavori.pdf

Azione C1

Relazione archeologica

Allegati_Azione_C1

Relazione archeologica.pdf

Azioni C1, C4, C5, C6, D4, D5, D6, D9

Documentazione fotografica dei lavori eseguiti

Allegati_Azioni_C1_C4_C5_C6_D4_D5_D6_D9_FOTO

Azioni_C1_C4_C5_C6_D4_D5_D6_D9_Allegato_fotografico.pdf

Cartelle contenenti le foto relative a ciascuna azione

Azione C2

Documentazione fotografica dei lavori eseguiti

Allegati_Azione_C2

Azione C2.pdf

Cartella contenente le foto relative all’azione

Azione C3

Documentazione fotografica dei lavori eseguiti

Allegati_Azione_C3

Azione C3.pdf

Cartella contenente le foto relative all’azione

Azione C6

Relazione geologica

Allegati_Azione_C6

Relazione geologica.pdf

Azione E4

Raccolta dei report mensili sulle attività realizzate

Allegati_Azione_E4_Monitor_progetto

LIFE_ValMaCo_Azione_E4_raccolta_report_attivita.pdf

 

7.3. Dissemination annexes

7.3.1 Layman's report

Il Layman’s Report, in formato A4, in italiano ed inglese (con testo a fronte) è allegato in formato cartaceo ed elettronico nel DVD allegato al presente Final Report, nella cartella “Prodotti_Azione_D7_LaymansReport”.

Azione

Tipo di allegato/prodotto

Cartella (Folder)

Documento (file)

Azione D7

Layman’s Report

Prodotti_Azione_D7_LaymansReport

Layman's Report_ITA_ENG.pdf

 

7.3.2 After-LIFE Communication plan

Il Piano After Life, in formato A4, in italiano ed inglese, è allegato in formato cartaceo ed elettronico nel DVD allegato al presente Final Report, nella cartella “Prodotti_Azione_D8_PianoAfterLIFE”.

Azione

Tipo di allegato/prodotto

Cartella (Folder)

Documento (file)

Azione D8

Piano After LIFE

Prodotti_Azione_D8_PianoAfterLIFE

 

7.3.3 Other dissemination annexes

Tutta la documentazione relativa alla diffusione a mezzo Radio, TV, Manifesti e Rassegna stampa è allegata in formato elettronico, nella cartella ”Manifesti_rassegna_stampa” e, ove disponibile, in formato cartaceo.

Gli allegati delle azioni di disseminazione sono archiviati in formato elettronico nel DVD allegato al Final Report, nella cartella “ALLEGATI”. Per ciascuna azione è presente una cartella; di seguito si riporta per ciascuna azione il nome della cartella nella quale sono archiviati i relativi allegati.

Azione

Tipo di allegato/prodotto

Cartella (Folder)

Documento (file)

Azione D1

Presentazione PowerPoint di TEMI per il Convegno conclusivo del progetto del 13/12/2014

Presentazione PowerPoint di GESAM per il Convegno conclusivo del progetto del 13/12/2014

DVD “Video del convegno di presentazione del progetto – 27 gennaio 2012 – Aula Pucci, Civitavecchia”

Foto dell’evento conclusivo di progetto, in data 13/12/2014

Allegati_Azione_D1_eventi

 

Il DVD è allegato a parte

Azione_D1_Presentazione_LIFE_VALMACO_141213_TEMI.pptx

Azione_D1_Presentazione_LIFE_VALMACO_141213_Gesam.ppt

Documentazione fotografica

Azione D2

Depliant a colori a 6 pagine (già consegnato allegato all’Inception Report di maggio 2012, si allega nuovamente)

Allegati_Azione_D2

life_pieghevole.pdf

Azione D9

Grafica del pannello sui lavori

Grafica della targhetta apposta sulle opere

Allegati_Azione_D9

Azione_D9_Pannello_lavori.pdf

Azione_D9_Targhetta_LIFE_ValMaCo.tif

Azione D11

DVD del progetto LIFE

Il DVD è allegato a parte

Azione D12

Documentazione fotografica

materiale attività formativa proiettato nelle scuole

DVD dell’Azione D12

Allegati_Azione_D12

 

Il DVD è allegato a parte

Documentazione fotografica

scuola elementare pptx.pdf

scuole 2 elementari.pdf

Azione D13

Presentazione TEMI su tutte le azioni di progetto;

Presentazione TEMI sulle Azioni concrete ed i risultati raggiunti

DVD “Video del convegno finale di presentazione del progetto – 20 dicembre 2014 – Aula Pucci, Civitavecchia”

Allegati_Azione_D13_convegno_finale

 

Il DVD è allegato a parte

Azione_D13_Presentazione_LIFE_VALMACO_1412120_risultati.pptx

Azione_D13_Presentazione_LIFE_VALMACO_1412120_azioni_concrete.ppt

Azione E6

Mailing-list dell’azione E6

Newsletter, in italiano ed inglese

Scheda del progetto del mese prodotta per il MATTM

Verbale e foto relativi all’incontro con l'Ente Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga, responsabile del progetto LIFE “Praterie”, ad Assergi, in data 23/09/2014

Abstract e poster presentati al convegno finale del progetto LIFE RI.CO.PR.I.

Allegati_Azione_E6_Networking

Azione_E6_Mailing-list.pdf

Cartella “Newsletter_ITA”

Cartella “Newsletter_ENG”

Cartella “Ministero_Ambiente_Progetto_del_mese”

Verbale_incontro_Networking_Val.Ma.Co._LIFE_Praterie_140923.pdf

Cartella”Foto_incontro_LIFE_Praterie_del_140923”

Cartella “Convegno_RICOPRI”

 

Oltre ai suddetti documenti, allegati nel DVD del Final Report, si allegano anche i seguenti documenti su supporto CD/DVD relativi alla disseminazione del progetto:

  1. DVD del progetto LIFE (prodotto finale dell’Azione D11);
  2. DVD sull’azione D12 (prodotto finale dell’Azione D12);
  3. DVD “Video del convegno di presentazione del progetto – 27 gennaio 2012 – Aula Pucci, Civitavecchia” (allegato dell’Azione D1);
  4. DVD “Video del convegno finale di presentazione del progetto – 20 dicembre 2014 – Aula Pucci, Civitavecchia” (allegato dell’Azione D13);
  5. CD contenente gli spot radio e TV realizzati per la diffusione del progetto;
  6. DVD di disseminazione “Trasmissione Autogestita “Il Girasole”, relativo al progetto LIFE Val.Ma.Co.

7. 4.      Final table of indicators

Gli indicatori di output sono riportati nella tabella allegata, denominata “outcomes_final_tables2010_ValMaCo.xls”.

Per la compilazione di ciascuna tabella sono state considerate le seguenti azioni:

Table 1 - Types of preparatory actions planned (A, B actions)

Azione A.1 "Organizzazione e formalizzazione della struttura di coordinamento del progetto" (Type: Other (Actions: A1, A6, E1, E2, E5, E6)

Azione A.2 "Indagini di dettaglio sugli habitat e le specie di uccelli di interesse comunitario funzionali all’esecuzione del progetto" (Type: Inventories & Studies)

Azione A.3 "Redazione di un Piano di gestione agro-silvo-pastorale del territorio gestito dall’AAC coerente con le finalità di tutela degli habitat di specie e delle specie ornitiche di interesse comunitario" (Type: Management plans)

Azione A.5 "Elaborazione progetti definitivi ed esecutivi delle azioni incluse nelle sezioni C ed E" (Type: Permit procedures)

Azione A.6 "Direzione lavori e coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione degli interventi" (Type: Other (Actions: A1, A6, E1, E2, E5, E6)

Azione E.1 "Organizzazione della struttura di coordinamento tecnico-scientifico del progetto" (Type: Other (Actions: A1, A6, E1, E2, E5, E6)

Azione E.2 "Gestione amministrativa del progetto" (Type: Other (Actions: A1, A6, E1, E2, E5, E6)

Azione E.3 "Monitoraggio scientifico degli interventi" (Type: Ex ante monitoring and Ex post monitoring)

Azione E.4 "Monitoraggio del progetto" (Type: Plans of project measures)

Azione E.5 "Audit finanziario indipendente" (Type: Other (Actions: A1, A6, E1, E2, E5, E6)

Azione E.6 "Networking con altri progetti" (Type: Other (Actions: A1, A6, E1, E2, E5, E6)

Table 2 - Best practices/concrete techniques//conservation actions/methods planned (C actions)

Azione C.1 "Realizzazione di recinzioni per il controllo e la regolamentazione del pascolo" (Deliverable: Natura 2000 site restoration/improvement)

Azione C.2 "Recupero di aree a pascolo degradate per la conservazione dell’avifauna" (Deliverable: Natura 2000 site restoration/improvement)

Azione C.3 "Recupero delle aree di uliveto a fini di restauro ambientale e recupero della produttività" (Deliverable: Natura 2000 site restoration/improvement)

Azione C.4 "Restauro di fontanili e piccoli ambienti umidi" (Deliverable: Natura 2000 site restoration/improvement)

Azione C.5 "Bonifica e ricostruzione di muri a secco per la diversificazione degli habitat e il ripristino della continuità ecologica per i rettili" (Deliverable: Natura 2000 site restoration/improvement)

Azione C.6 "Riqualificazione della rete di strade rurali per la gestione del territorio e la fruizione" (Deliverable: Natura 2000 site restoration/improvement)

Azione D.4 "Realizzazione di itinerario naturalistico e di un’area di sosta attrezzati per la valorizzazione turistica dell’area e la sensibilizzazione del pubblico" (Deliverable: Natura 2000 site restoration/improvement)

Azione D.5 "Realizzazione di sentieristica per l’escursionismo e la gestione delle aree di uliveto" (Deliverable: Natura 2000 site restoration/improvement)

Table 4 - Workshops, seminars and conferences

Azione A.7 "Attivazione di un Forum permanente per i soci dell'AAC di Progetto" (Target: General public)

Azione D.1 "Organizzazione di eventi pubblici informativi sul progetto LIFE" (Target: General public)

Azione D.13 "Organizzazione di un convegno per la diffusione dei risultati del progetto LIFE" (Target: Specialised audience)

Table 5 - Media and other communication and dissemination work

Azione A.4 "Progettazione del sistema di pannellistica e segnaletica naturalistica e di fruizione dell’area di intervento" (Type: Project notice board)

Azione D.6 "Istallazione di pannellistica didattica e di segnaletica per la fruizione naturalistica" (Type: Project notice board)

Azione D.10 "Attivazione di un sito Internet dedicato al progetto LIFE" (Type: Project website)

Table 6 - Publications

Azione D.2 "Realizzazione e distribuzione di un depliant informativo sul progetto LIFE e sulle modalità di gestione e di fruizione del Sito Natura 2000" (Type: Leaflets)

Azione D.3 "Redazione di un protocollo e di un manuale di gestione sostenibile delle attività agro-silvo-pastorali per i soci dell’AAC" (Type: Brochures)

Azione D.7 "Elaborazione di un Layman’s report del Progetto LIFE" (Type: Layman’s report)

Azione D.11 "Elaborazione di un CD-ROM del Progetto LIFE" (Type: Other (CD-ROM)

Azione D.12 "Programma di sensibilizzazione ambientale per le scuole elementari e medie inferiori di Civitavecchia" (realizzazione di un quaderno didattico – Type: Manuals)

Table 7 - Educational activities

Azione D.12 "Programma di sensibilizzazione ambientale per le scuole elementari e medie inferiori di Civitavecchia" (attività di educazione ambientale)

 

8.    Financial report and annexes

Vedi elenco allegati amministrativi (§ 7.1).

-    "Standard Payment Request and Beneficiary's Certificate"

-    For Nature projects, signed originals of the "Beneficiary's Certificate for Nature Projects"

-    "Consolidated Cost Statement for the Project"

-    "Financial Statement of the Individual Beneficiary"

-    Auditor'sreportusing the standard reporting format (compulsory for most projects, please refer to the section "independent financial audit" in the Common Provisions)

 

8.1.  Supporting documents, and further information or clarifications, requested in previous letters from the Commission

Di seguito si riportano le risposte alla lettera ricevuta dalla UE in data 15/04/2014 (prot n. ENV.E3 IC/LM/ARES(2014) 1186818). La numerazione dei punti utilizzata fa riferimento alla suddetta lettera.

Aspetti tecnici

1) Azione A3: Il Piano è in fase di approvazione uffici Regione Lazio, Direzione Regionale Infrastrutture Ambiente e Politiche Abitative, Area Sistemi Naturali.

È stata effettuata una integrazione relativa al Regolamento degli Usi Civici, per la valutazione ed approvazione dello stesso in quanto l'Area Territorio Rurale, Credito e Calamità Naturali, ufficio competente per l'uso civico, ha richiesto all'Associazione Agraria un aggiornamento del regolamento uso civico, che aveva consegnato all'ufficio competente in data 10/05/2005, come evidenziato nel paragrafo relativo agli aspetti tecnici dell'azione (pag 12-14). La documentazione relativa è riportata in formato cartaceo nell’allegato “documenti giustificativi per azione A3”.

2) Azione A7: le attività relative al coinvolgimento dei soci sono state intensificate, come evidenziato anche nel paragrafo relativo agli aspetti tecnici dell’azione (pagg. 19-20), attraverso la realizzazione di ulteriori incontri con i soci già contattati e l’inserimento dei soci dotati di indirizzo e-mail nella mailing-list realizzata nell’ambito dell’attività di networking (Azione E6).

3) Azioni C2 e C3: Azione C2:  Il miscuglio utilizzato è stato un composto di graminacee, poa sp, lolium perenne ecc e di  foraggere trifolium  sp e medicago sp, con una quantità utilizzata pari a  60/70 kg /ha  Il calendario delle semine è stato così distribuito:I ° semina: primo trimestre del 2012 II ° semina nel quarto semestre 2013, come evidenziato nel paragrafo relativo agli aspetti tecnici dell'azione (pag 23-24) (documentazione fotografica allegata nel DVD, cartella “Allegati_Azione_C2”)

Azione C3: numero olivi recuperati 700 (documentazione fotografica allegata nel DVD, cartella “Allegati_Azione_C3”)

4) Azione D1: come evidenziato nel paragrafo relativo agli aspetti tecnici dell’azione (pagg. 32-33), sono stati realizzati due eventi nell’arco del progetto, uno all’inizio delle attività, in data 27/01/2012, l’altro in data 13/12/2014, in occasione della presentazione del protocollo e del manuale di gestione sostenibile, realizzati nell’ambito dell’Azione D3.

5) Azione D3: le bozze del protocollo e del manuale di gestione sostenibile, come richiesto, sono state consegnate entro il 30 aprile 2014, mentre la versione finale degli stessi elaborati è stata presentata ai soci  in data 13/12/2014, attraverso la realizzazione di un incontro pubblico dedicato (cfr. Azione D1). La versione finale di tali elaborati è allegata al presente Report (Allegato nel DVD, cartella “Prodotti_Azione_D3_Manuale_protocollo_gestione”).

6) Azione D10: il sito web è stato aggiornato sino al termine del progetto, anche attraverso l’inserimento delle foto dei lavori realizzati; è stato inoltre riattivato il sito .eu con la versione inglese.

7) Azione D11: il CD-ROM del progetto è stato completato ed è allegato al presente Report (Allegato Azione D11).

8) Azione D12: Le scuole coinvolte nel progetto sono così elencate: Scuola Elementare Don Milani di Civitavecchia, erano presenti all’incontro con 14 classi ,Scuola Elementare Borgata Aurelia di Civitavecchia erano presenti con 4 classi ,Scuola Elementare Renato Posata di Civitavecchia erano presenti con 2 classi ,Scuola Elementare Galice di Civitavecchia erano presenti con 4 classi ,Scuola Elementare Renato Posata di Civitavecchia erano presenti con 2 classi, Scuola elementare Sede Centrale di Santa Marinella erano presenti con 6 classi , Scuola elementare Pirgus di Santa Marinella erano presenti con 4 classi, per un totale di studenti coinvolti oltre le 700 unità, come evidenziato nel paragrafo relativo agli aspetti tecnici dell'azione ( pag 40-42).( documentazione fotografica e il dvd  allegato)

9) La rassegna stampa relativa all’intero progetto è allegata al presente Report Finale, insieme al materiale divulgativo riguardante il progetto realizzato (cfr. Allegati in formato cartaceo ed elettronico (cartella ”Manifesti_rassegna_stampa”).

10) Azione E3: si allega al presente Rapporto Finale una relazione dettagliata delle attività svolte durante tutto il progetto, comprensiva di un capitolo dedicato al impatto diretto degli interventi sulle specie target del progetto (Allegato “Azione E3 – Relazione conclusiva sui monitoraggi scientifici degli interventi, in formato cartaceo ed elettronico (cartella del DVD allegato “Prodotti_Azione_E3_Monitor_scientifico”).

11) Azione E4: i rapporti mensili sullo stato di avanzamento delle attività svolte sono stati pubblicati sul sito web sino ad agosto 2014; l’elenco completo dei rapporti realizzati è allegato al presente Report Finale (Allegato nel DVD, cartella “Allegati_Azione_E4_Monitor_progetto”).

12) Azione E6: le attività di networking, come richiesto, sono state potenziate attraverso la realizzazione di incontri diretti con i responsabili di progetti LIFE affini, l’ampliamento della mailing-list, la realizzazione di una newsletter, la realizzazione di una pagina web dedicata al progetto Val.Ma.Co. per la rubrica “Progetto LIFE del mese” del Miistero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, la partecipazione con un poster sul progetto LIFE Val.Ma.Co. al convegno finale del progetto LIFE “RICOPRI”. Le attività realizzate sono illustrate in dettaglio nel paragrafo relativo agli aspetti tecnici dell’azione (pagg. 47-50).

Aspetti finanziari

Richiesta di pagamento:

13) È stata redatta una sola richiesta di pagamento, firmata dal rappresentante legale del beneficiano coordinatore.

Descrizioni delle voci di costo:

14) Si è provveduto ad eliminare le abbreviazioni e gli acronimi, inserendo nel documento le diciture estese.

VAT:

15)L’autocertificazione della non recuperabilità dell’IVA è già stata fornita con i precedenti rapporti tecnici.

Personale:

16) il sistema di rendicontazione è stato adeguao a quanto richiesto.

17) Per quanto riguarda A. Bardi (Temi), si tratta di personale a partita IVA, il cui specifico incarico sul progetto LIFE Val.Ma.Co. prevede un importo totale stimato in base alle giornate lavorative previste; le giornate lavorative vengono retribuite applicando la tariffa prevista dal progetto per la funzione corrispondente (coordinatore senior). Per questo motivo, lo stipendio annuale lordo corrisponde esattamente all’ammontare delle giornate lavorate annue impiegate per il progetto LIFE Val.Ma.Co.

18) La consistenza oraria in colonna D è stata indicata per tutti i beneficiari.

19) Il ruolo di ogni membro dello staff è stato identificato, facendo riferimento alle posizioni previste nel budget originale. Per maggiore chiarezza, nel paragrafo 4.1 è stata inclusa una lista del personale impiegato nel progetto con la relativa funzione.

20) Per quanto riguarda TEMI, le cifre dei salari annuali sono state individuate applicando il calcolo illustrato di seguito. Il compenso annuo lordo è stimato moltiplicando l’importo mensile lordo per il numero di mesi retribuiti (12 o 14 a seconda dei contratti), cui si aggiungono le quote relative all’INPS, l’INAIL e, ove previsto, il TFR.

A titolo di esempio, si riporta di seguito lo schema di calcolo applicato per un lavoratore dipendente con importo mensile lordo pari a € 1.800.

A

Compensi lordi annui **

25.200

     

B

INPS (Aliquota INPS = 28,98%)

7.303

     

C

INAIL (Aliquota INAIL = 0,404%)

102

     

D

TFR (compensi annui : 13,5)

1.867

     

E=A+B+C+D

TOTALE COSTO AZIENDA ANNUO

34.471

     

F

GIORNI LAVORATI NELL'ANNO *

220

     

G=E:F

COSTO GIORNALIERO

156,69

     

H=G/8

COSTO ORARIO

19,59

* La base annua di giorni lavorati è pari a  220 gg di 8 ore cad. ovvero: 52 settimane X 5 giorni = 260 gg/annui, meno ferie, permessi e festività soppresse = 220 gg/anno

** (importo lordo mensile x numero di mensilità)

 

Si sottolinea che gli importi imputati al progetto attraverso il presente metodo risultano inferiori, e pertanto cautelativi, rispetto a quanto si otterrebbe applicando il metodo previsto dalle Disposizioni Comuni (paragrafo 24.2).

ASSOCIAZIONE AGRARIA DI CIVITAVECCHIA (AAC)

21) L’AAC, ai fini del progetto, ha coinvolto nella realizzazione delle azioni di categoria C i  Sigg. Vincenzi, Gianmaria e Carinci con un ‘contratto a progetto’, ricoprente l’operato da operai stagionali. Nella proposta originale tale ruolo era previsto essere coperto da personale dipendente e full time; in considerazione dei tempi di impiego si è scelto per motivi di opportunità  di coinvolgere personale stagionale e non full-time.

22) Il Sig. Cerfolli ha ricoperto il ruolo di supporto amministrativo specifico sul progetto LIFE in quanto il beneficiario non ha nel suo staff personale esperto in gestione amministrativa di progetti europei. Il costo del Sig. Cerfolli include i costi preventivati per l’azione E2 e il totale delle spese sostenute non eccede i costi preventivati.

23) Si allegano idocumenti del 2014 del progetto del Sig. Cerfolli.

TEMI

24) Le diciture relative ai Sigg. Nuccorini, Baroni e Vozzolo erano erroneamente attribuite a personale amministrativo nel Midterm Report. Nell’attuale Financial Report tali diciture sono pertanto state corrette, attribuendo il personale suddetto alle categorie corrette. Nello specifico, il Dott. Marco Nuccorini è il revisore contabile di Temi S.r.l., mentre le Sigg.re Baroni e Vozzolo sono figura tecnica di segreteria a supporto del responsabile del progetto e del coordinatore tecnico-operativo. Le tre figure sono previste dall’Azione E1.

25)I documenti di supporto (fogli presenza, buste paga o fatture, contributi di assistenza sociale e prove rilevanti di pagamento) per l’intera durata del progetto per i Sigg. lacobini e Panchetti sono allegati al presente Rapporto Finale (Allegato “Documenti di supporto per l’intera durata del progetto per i Sigg. lacobini e Panchetti”).

GESAM

26) In relazione alla documentazione necessaria per la dimostrazione dei costi  subiti dalla società Gesam sas per l’opera svolta dal socio accomandatario Meneghetti  Tullio per il progetto LIFE si precisa che essendo il sig. Meneghetti socio al 90% ,  amministratore responsabile della società , e socio che presta la sua opera in modo continuativo e prevalente nella società , il suo compenso anche per il progetto LIFE rapportato alle ore di lavoro svolte, consiste nell’ attribuzione dell’utile dell’esercizio e non in una specifica retribuzione. Così è stato fatto nel 2012 quando l’utile di esercizio attribuito corrisponde ad euro   16.611.00  contro un valore dell’opera del sig Meneghetti  di euro 14.850,00.

Il lavoro svolto corrisponde ai timesheets per l’anno 2012, supportati anche dalla partecipazione del sig.Meneghetti Tullio alle riunioni di coordinamento del progetto (date da inserire)

La documentazione relativa è consegnata in formato cartaceo, come allegato “Documenti giustificativi per la voce amministrativa GESAM”.

Viaggi:

27) La “Duration” in colonna G è indicata per tutte le voci di costo.

29) Temi: si allega copia dei documenti giustificativi (fattura e prova di pagamento) per le voci di costo nr. 12,13 e 16 (Allegato “Temi S.r.l. - Copia dei documenti giustificativi per le voci di costo nr. 12,13 e 16 (Travel) del Midterm Report”).

30) Temi: i costi sostenuti dalla Sig.ra Benassi, che figura tra i fornitori esterni, sono stati imputati alla categoria Assistenza Esterna, come da richiesta.

31) Gesam: Si allega per i due punti scheda carburante e via card, il pagamento è stato effettuato in contante(Allegato in formato cartaceo “Documenti giustificativi per la voce di costo di viaggio punto 1/5”).

Assistenza Esterna:

32) La voce “period (from/to)” in colonna G è stata indicata per tutte le voci di costo.

Beni di Consumo:

36) Gesam: Come richiesto è stato effettuato lo spostamento da beni di consumo ad assistenza esterna della  voce 2,stampa piano agro silvo pastorale e valutazione incidenza ,voce 3 integrazione stampa piano agro silvo pastorale e valutazione incidenza, voce 5, stampa quaderno didattico 2000 copie.

 

9.    Elenco degli elaborati consegnati come allegati ai Report precedenti

INCEPTION REPORT:

Partnership agreements

  1. Accordo di partenariato tra AAC e Temi S.r.l. (nome del file: “1_Accordo_AAC_TEMI.pdf”);
  2. Accordo di partenariato tra AAC e GESAM S.a.s. (nome del file: “2_Accordo_AAC_GESAM.pdf”).

Deliverables

  1. Convegno di presentazione del progetto, in occasione della visita del Team esterno di monitoraggio del 30/11/2011: documento di presentazione in PowerPoint

(nome del file: “1_Convegno_LIFE_VALMACO_111130.ppt”);

  1. Convegno di presentazione del progetto del 27/01/2012: documento di presentazione in PowerPoint (nome del file: “2_Convegno_LIFE_VALMACO_120127.ppt”).
  2. Depliant informativo (nome del file: “3_LIFE_VALMACO”)
  3. Manifesto convegno di presentazione (nome del file: “4_Convegno_LIFE”)
  4. Invito convegno di presentazione (nome del file: “5_Convegno_LIFE”)

PROGRESS REPORT:

Annexes

  1. Allegato A5.2: Comunicazione del Comune di Civitavecchia
    1. Allegato E1.1: LIFE VALMACO Addendum Accordo partenariato TEMI
    2. Allegato E1.2: LIFE VALMACO Addendum Accordo partenariato GESAM
    3. Allegato E3.1: Protocolli di monitoraggio – relazione preliminare

Deliverables

  1. Deliverable A2.1: Relazione tecnica
  2. Deliverable A2.2: Carta degli habitat di specie
  3. Deliverable A3.1: Piano agro-silvo-pastorale
  4. Deliverable A3.2: Valutazione di Incidenza
  5. Deliverable A4.1: Cartello informativo
  6. Deliverable A4.2: Pannelli didattici “a leggio”
  7. Deliverable A4.3: Pannelli didattici per mostra area attrezzata
  8. Deliverable A5.1: Progetto definitivo

Chiarimenti richiesti in base alla valutazione del Primo Rapporto sullo stato di Avanzamento al 31.12.2012 UE con lettera del 26/04/2013 (prot. ENV.E3 CO/LM/bp/ARES(2013)920105):

Allegati

  1. Azione A5 - Determina Dirigenziale relativa alla conclusione della Conferenza dei servizi da parte del Comune di Civitavecchia, con autorizzazioni allegate. (nome del file: AzioneA5_DeterminaDirigenz_Conf_Servizi.pdf)
  2. Azione A5 – Analisi della coerenza dei progetti esecutivi con la proposta finanziata: stralci delle Relazioni generali dei 3 progetti esecutivi. (nome del file: AzioneA5_Coerenza_ progetti_esecutivi.pdf)
  3. Azione A7 – Elenco dei soci contattati (nome del file: AzioneA7_ELENCO SOCI COINVOLTI NELL'AZIONE A7 FORUM DI PROGETTO.xls)
  4. Azione A7 – Mailing list (nome del file: AzioneA7_MAILING LIST FORUM DI PROGETTO.xls)
  5. Azioni C2-C3 - Documentazione tecnica per le Azioni C2 e C3. (nome del file: AzioniC2-C3_Documentazione_tecnica.docx)

Prodotti realizzati

  1. Azione A2 - Relazione tecnica (nome del file: AzioneA2_Relazione_tecnica.pdf)
  2. Azione A2 - Carta degli habitat di specie (nome del file: AzioneA2_Carta_habitat_specie.pdf)
  3. Azione A2 - Carta della distribuzione della fauna (nome del file: AzioneA2_Carta_distrib_ specie.pdf)
  4. Azione A3 - Piano di gestione agro silvo pastorale – relazione (nome del file: AzioneA3_ Piano_agrosilvopast_relazione.pdf)
  5. Azione A3 - Piano di gestione agro silvo pastorale – Valutazione di incidenza (nome del file: AzioneA3_Piano_agrosilvopast_Valutazione_incidenza.pdf)
  6. Azione A4 - Grafica cartello informativo (nome del file: AzioneA4_Grafica_cartello_ informativo.pdf)
  7. Azione A4 - esempio Grafica pannello didattici “a leggio” (nome del file: AzioneA4_ esempio_Grafica_pannello_did_a_leggio.pdf)
  8. Azione A4 - esempio Grafica pannello didattici per mostra area attrezzata (nome del file: AzioneA4_esempio_Grafica_pannello_did_mostra.pdf)

MIDTERM REPORT:

Administrative annexes

  1. Standard payment request and financial statement/beneficiary's certificate (nome del file: financial_reporting_2013_TEMI_dicembre2013.xls);
  2. Beneficiary's Certificate for Nature and Biodiversity Projects (nome del file: financial_reporting_2013_TEMI_dicembre2013.xls);
  3. Financial Statement of TEMI S.r.l (nome del file: financial_reporting_2013_TEMI_dicembre2013.xls);
  4. Financial Statement of  GESAM Sas;
  5. Financial Statement of AAC;
  6. Consolidated Cost Statement for the Project.

Technical annexes

  1. Azione A4, Allegato 1: Grafica cartello informativo (1 tipologia);
  2. Azione A4, Allegato 2: Grafica pannelli didattici “a leggio” (26 diverse tipologie);
  3. Azione A4, Allegato 3: Grafica pannelli didattici per mostra area attrezzata (10 diverse tipologie);
  4. Azione A5, Allegato 1: Progetto esecutivo di Riqualificazione della viabilità e della sentieristica esistente: comprende le azioni C6, D5, e parte dell’azione D4 (realizzazione dell’itinerario naturalistico);
  5. Azione A5, Allegato 2: Progetto esecutivo di Realizzazione di recinzioni (C1) e delle strutture annesse all’itinerario naturalistico (D4), ossia le aree di sosta e le aree visitatori, nonché l’apposizione della pannellistica (Azioni A4 e D6);
  6. Azione A5, Allegato 3: Progetto esecutivo di Bonifica e ricostruzione dei muri a secco (C5) e restauro di fontanili e piccoli ambienti umidi (C4);
  7. Azione A5, Allegato 4: Determina Dirigenziale relativa alla conclusione della Conferenza dei servizi da parte del Comune di Civitavecchia, con autorizzazioni allegate;
  8. Azione A5, Allegato 5: Contratti di assegnazione dei lavori;
  9. Azioni C1, C4, C5, C6, D4, D9. Allegato 1: Documentazione fotografica dei lavori eseguiti;
  10. Azioni C2, C3. Allegato 1: Documentazione fotografica;
  11. Azione E3, Allegato 1: Monitoraggio scientifico degli interventi. Relazione generale.

 

 

 

Informazioni aggiuntive